Gio. Mag 23rd, 2024
Come la CDU tedesca sta virando a destra dopo la Merkel

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Buongiorno. L’UE prevede di vietare i finanziamenti statali russi diretti e indiretti a partiti politici, ONG e media nell’UE come parte del suo ultimo pacchetto di sanzioni contro Mosca.

Oggi il nostro capoufficio di Berlino guarda al ritorno dei cristiano-democratici tedeschi al conservatorismo della vecchia scuola. E il nostro corrispondente commerciale approfondisce le divergenti posizioni dei paesi europei sulla Cina.

Ritorno alle origini

I cristiano-democratici di centrodestra tedeschi (CDU) adotteranno oggi un nuovo programma del partito che segna un ritorno ai principi conservatori dopo gli anni centristi della Merkel. scrive Guy Chazan.

Contesto: La CDU vuole presentare un'alternativa alla coalizione tripartita di Olaf Scholz tra socialdemocratici, verdi e liberali, che è crollato nei sondaggie di dipingere il suo leader, Friedrich Merz, come un potenziale cancelliere in carica.

In un'intervista al MagicTech, Merz ha affermato che il nuovo programma mostra una “volontà di fare politica basandosi sulle nostre convinzioni e non solo secondo i sondaggi d'opinione”. La sua vecchia rivale Angela Merkel, che lo ha messo da parte in una lotta per il potere all’inizio degli anni 2000, è stata spesso accusata di fare politica basata su focus group.

Il progetto di programma è il primo ad essere adottato dal 2007 e offre molta carne rossa agli elettori conservatori.

Stabilisce che gli immigrati debbano iscriversi a quello tedesco Leitkulturo cultura dominante, comprese cose come “un senso di patria e di appartenenza, una conoscenza della storia tedesca e il riconoscimento del diritto di Israele ad esistere”.

In diversi settori chiave segna un brusco cambiamento rispetto alle politiche dell’era Merkel, tra cui l’immigrazione, l’energia nucleare e il servizio militare.

La Merkel ha permesso a più di un milione di rifugiati, provenienti principalmente dal Medio Oriente e dal Nord Africa, di entrare in Germania nel 2015-2016. Ora, la CDU propone di inviare i rifugiati in “paesi terzi sicuri” per sottoporsi alla procedura di asilo, facendo eco al controverso piano ruandese del Regno Unito.

La Merkel ha anche abolito la leva militare tedesca; Merz e i suoi alleati propongono un anno obbligatorio di “servizio alla società” per chi lascia la scuola, che può includere un periodo di servizio nelle forze armate. Nel frattempo molti nel partito pensano che solo la completa reintroduzione della coscrizione obbligatoria possa risolvere i gravi problemi del personale della Bundeswehr.

L’ex cancelliere ha anche deciso di eliminare gradualmente l’energia nucleare in seguito al disastro di Fukushima del 2011 in Giappone. La nuova bozza di programma della CDU afferma che la situazione dovrebbe essere invertita.

Merz ha detto che la maggior parte dei tedeschi vuole un ritorno al nucleare. “Sanno quale errore abbiamo commesso nel 2011. . . e nel 2023, quando chiuderemo le ultime centrali nucleari rimaste”, ha affermato.

“Quindi nel nostro programma di partito manteniamo aperta la possibilità di tornare al nucleare, affermando anche che ci sono altri sviluppi, come la fusione nucleare, a cui dovremmo essere aperti”.

Grafico del giorno: ritorno

Le organizzazioni internazionali prevedono che la crescita del commercio globale sarà più che raddoppiata quest’anno, dopo che il commercio ha subito un duro colpo lo scorso anno a causa dell’aumento dei prezzi, dell’aumento dei tassi di interesse e della domanda fiacca.

Legami che legano

Mentre ieri il presidente cinese Xi Jinping ha visitato Parigi, una conferenza a Vilnius ha messo a nudo le divisioni dell’UE su come affrontare il suo coinvolgimento economico con Pechino. scrive Andy Limiti.

Contesto: Cina e Lituania si sono affrontate nel 2021, quando il paese baltico ha permesso a Taiwan di aprire una rappresentanza sul suo territorio, spingendo Pechino a tagliare le esportazioni lituane. Vilnius sta ora esercitando pressioni per un approccio più duro nei confronti della Cina, che rimane il principale partner commerciale dell’UE.

Gabrielius Landsbergis, ministro degli Esteri della Lituania, ha osservato ieri che il suo Paese ha cessato tutte le esportazioni verso la Cina dopo il blocco, ha trovato nuovi mercati in Asia e ha bloccato gli investimenti cinesi in settori chiave.

I paesi devono pagare un “margine per la sicurezza”, ha detto Landsbergis alla conferenza alla quale hanno partecipato più di 30 rappresentanti di paesi.

Žygimantas Pavilionis, un deputato senior del partito al potere Unione Patria, ha esortato anche gli altri paesi dell’UE ad abbandonare la strategia di riduzione del rischio del blocco. “Dobbiamo disaccoppiare”, ha detto.

Eduard Hulicius, viceministro degli Esteri della Repubblica Ceca, ha scherzato dicendo che Xi stava visitando “tre piccoli paesi: Francia, Ungheria e Serbia. Dal punto di vista della Cina, anche la Francia è un paese piccolo”.

Ciò contrastava con gli sforzi di Parigi per alleviare le tensioni commerciali. Il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire ha detto che accoglierebbe con favore le fabbriche automobilistiche cinesi, nonostante un’indagine dell’UE sui presunti sussidi cinesi che danneggiano i produttori europei.

Landsbergis ha tuttavia attribuito ai francesi il merito di essersi schierati a sostegno di Vilnius contro il bullismo della Cina, quando alcuni nella Commissione europea l'hanno liquidata come una questione nazionale.

“Dipese molto dalle decisioni francesi. . . E la decisione di farlo [support us] è stato abbastanza veloce.”

Cosa guardare oggi

  1. Il presidente cinese Xi Jinping si reca in Serbia.

  2. Ne parlano la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il primo ministro polacco Donald Tusk Congresso economico europeo a Katowice, in Polonia.

  3. Ministri dello sviluppo dell’UE Incontrare a Bruxelles.

Ora leggi questi