Gio. Mag 23rd, 2024
Come Sánchez ha fatto appello al cuore per salvare la sua faccia – e quella di sua moglie

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno, buon venerdì. Oggi, il nostro capo ufficio di Madrid spiega come il primo ministro spagnolo ha aperto il suo cuore nel tentativo di disinnescare la sua crisi politica, e abbiamo un rapporto da Venezia sulla nuova tassa di ingresso di 5 euro della città.

Passa un buon fine settimana.

Tutto è lecito in amore e in guerra?

La Spagna è in fermento per amore e diffamazione, mentre il primo ministro Pedro Sánchez riflette sull'opportunità di dimettersi a causa degli attacchi di destra contro sua moglie, scrive Barney Jopson.

Contesto: il premier spagnolo, uno dei politici socialisti più anziani d'Europa, sta valutando il suo futuro dopo che una campagna contro di lui è culminata questa settimana nell'apertura di un'indagine preliminare per corruzione su sua moglie. Ha detto che annuncerà i suoi prossimi passi lunedì.

Ma la sua espressione di amore in una lettera al Paese ha già fatto molto parlare di sé in quanto sostiene di essere vittima di un'operazione di “molestie” che coinvolge politica, media e magistratura.

“Spesso dimentichiamo che anche i politici sono persone”, ha scritto. “E non mi vergogno di dire che sono un uomo profondamente innamorato di mia moglie, che è impotente contro il fango che le lanciano addosso giorno dopo giorno.”

Un Sánchez dalla faccia tonante è apparso in parlamento mercoledì presto dopo aver appreso dell'indagine preliminare che un giudice aveva aperto su sua moglie, Begoña Gómez, prima di ritirarsi per scrivere la nota di tre pagine e mezza.

“So che Begoña è accusata non perché abbia fatto qualcosa di illegale – sanno che non è così – ma perché è mia moglie”, ha scritto Sánchez.

Un giudice ha aperto il caso contro Gómez sulla base di una denuncia di Manos Limpias, un gruppo militante con legami di estrema destra, che aveva messo insieme una serie di ritagli di stampa sulla moglie di Sánchez, accusandola di spaccio di influenza.

Sánchez ha descritto tutti i presunti illeciti come “inesistenti”. Ieri un pubblico ministero ha presentato ricorso per archiviare il caso e Manos Limpias – che significa Mani Pulite – ha ammesso di non sapere se tutte le notizie fossero vere.

Gli alleati di Sánchez lo hanno esortato a restare al potere, e anche un ex primo ministro socialista si è unito al cuore degli inni. “Non c'è niente nella vita come l'amore per il proprio partner”, ha detto José Luis Rodríguez Zapatero. “Ciò prevale anche sull’ideologia.”

Anche Internet ha avuto il suo peso, con persone che utilizzano strumenti di intelligenza artificiale per trasformare la lettera di Sánchez in ballate d'amore.

Il Partito popolare (PP), all'opposizione, è rimasto invece in modalità offensiva.

Isabel Díaz Ayuso, capo del PP del governo regionale di Madrid, ha accusato Sánchez di creare un vuoto di potere. Ha detto che ha zero rispetto per le istituzioni, zero professionalità e “zero amore per la Spagna”.

Chart du jour: Integrazione

Gli immigrati e la loro prole nei paesi anglofoni tendono ad essere più qualificati, hanno posti di lavoro migliori e spesso guadagnano più dei nativi, mentre quelli nell’Europa continentale se la passano peggio, scrive John Burn-Murdoch.

I biglietti, per favore

Venezia è stata paragonata da alcuni dei suoi residenti scontenti a un parco a tema, trasformato in un parco giochi per i turisti in visita, ma privo dei servizi necessari per la vita quotidiana, scrive Amy Kazmin.

Per combattere il sovraffollamento, gli escursionisti ora devono pagare 5 euro per visitare la città, che attualmente ospita la Biennale. Ma i residenti dicono che questo non fa altro che rafforzare la sua disneyficazione.

Contesto: Venezia, un sito patrimonio mondiale dell'UNESCO nota per la sua arte e architettura, è stata svuotata dal turismo di massa. I visitatori a breve termine sono più numerosi dei residenti a lungo termine: più di 20 milioni di persone lo scorso anno hanno visitato il centro della città, dove la popolazione residenziale è inferiore a 50.000 abitanti.

La “tassa d'ingresso” ha lo scopo di ristabilire l'equilibrio tra turisti e residenti, ed è stata lanciata per la prima volta come progetto pilota ieri, giorno festivo che commemora la liberazione dell'Italia dal fascismo.

I visitatori dovrebbero pagare online prima del viaggio e gli ispettori itineranti controlleranno in modo casuale la prova del pagamento o delle prenotazioni notturne, che includono già una tassa di soggiorno. I cartelli attorno alla stazione ferroviaria e in altri punti chiave ricordano ai visitatori la necessità di pagare.

Il biglietto sarà necessario nei 29 giorni di punta di quest’anno e sarà implementato a tempo pieno l’anno prossimo.

Ma i residenti scontenti sono scettici sul fatto che la tassa porterà una vera tregua alle masse turistiche, e diverse centinaia di locali si sono riuniti per protestare ieri.

Uno portava uno striscione con la scritta: “No al biglietto per il Veneto”.

Cosa guardare oggi

  1. Il primo ministro svedese Ulf Kristersson ospita la sua controparte danese Mette Frederiksen.

  2. Il primo ministro olandese Mark Rutte incontra ad Ankara il presidente turco Tayyip Erdogan.

Ora leggi questi