Gio. Giu 13th, 2024
La scommessa ad alto rischio di Emmanuel Macron

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

È ora di porre fine alla “febbre”. È così che il presidente francese Emmanuel Macron ha spiegato domenica la sua sorprendente decisione di sciogliere l’Assemblea nazionale e indire elezioni legislative anticipate dopo che l’estrema destra ha ottenuto una schiacciante vittoria alle elezioni parlamentari europee. La sua alleanza centrista filo-UE è arrivata zoppicando al secondo posto.

Prima di questo fine settimana, la resa dei conti della Francia con l’estrema destra era prevista per il 2027, quando Macron si dimetterà. La campagna di Marine Le Pen, leader del Rassemblement National, per succedergli come presidente sembrava sempre più inarrestabile, ma ancora lontana anni. Ora la resa dei conti, con gravi implicazioni per la democrazia francese e il futuro dell’Europa, arriverà tra meno di un mese.

Le elezioni anticipate di Macron sono una scommessa straordinariamente rischiosa. La sua intenzione sembra essere quella di scuotere gli elettori francesi dalle loro febbrili illusioni su come sarebbe l’estrema destra al potere. La scelta tra i principali partiti francesi e un gruppo nazionalista, euroscettico e anti-immigrazione, le cui politiche getterebbero il paese in conflitto con l’UE, dovrebbe essere ovvia. I francesi potrebbero infatti esitare a insediare un governo RN. Ma troppi sono amaramente disillusi dagli altri partiti e sprezzanti nei confronti di Macron in cerca di conforto.

Una seconda linea di difesa consiste nel persuadere gli altri partiti a stringere patti elettorali per massimizzare le possibilità di sconfiggere i candidati del RN. Ma Macron ha lasciato poco tempo prezioso ai leader del partito per elaborare un accordo. Il presidente ha più volte invocato la necessità di mantenere a tutti i costi il ​​cordone sanitario contro l’estrema destra, talvolta trascurandolo lui stesso, come nelle ultime elezioni parlamentari del 2022. Ha anche fatto molto per demolire i tradizionali partiti centristi francesi, sebbene anch’essi devono incolpare se stessi per la loro crescente popolarità. Sono, comprensibilmente, profondamente scettici nei confronti del suo “après moi le diluvio” approccio.

Una parte non detta della scommessa di Macron è l’effetto profilattico: se dovesse finire per somministrare una lieve dose di RN al governo adesso, magari senza la maggioranza assoluta, la speranza è che possa vaccinare gli elettori francesi contro una dose molto più grave in seguito, nel caso forma di Le Pen alla presidenza.

In qualità di presidente, Macron potrebbe sfruttare la sua posizione per denunciare gli eccessi di un governo guidato da RN. Ma cosa accadrebbe se un governo del genere, con il 28enne protetto di Le Pen, Jordan Bardella, come premier, dovesse moderare il governo, come ha fatto l'estrema destra Giorgia Meloni in Italia? Altrove i partiti populisti sono stati addomesticati, in una certa misura, una volta posti di fronte alle responsabilità del potere (e Donald Trump ha dimostrato che anche un periodo caotico per un populista al potere non impedisce agli elettori di volere di più). L’elettorato francese potrebbe allora essere pronto ad affidare a Le Pen la presidenza nel 2027, senza i controlli sul potere che esistono a Roma. Ciò rende i rischi dell’estrema destra al potere più alti in Francia che in altri paesi europei.

Macron ha poche opzioni prive di rischio in questa fase. Aspettare che il tempo scada per la sua presidenza, mentre il suo governo centrista non ha la maggioranza parlamentare, lo trasformerebbe rapidamente in un’anatra zoppa. Non esiste un piano di successione. Chi vorrà sostituirlo, dal centro politico, dovrà ricostruire una coalizione elettorale vincente. Tuttavia, accelerare un nuovo voto è ancora un’impresa rischiosa.

IL cordone sanitario si sta estendendo in tutta Europa, come hanno dimostrato le elezioni di domenica. Circa nove governi dell’UE hanno, o avranno presto, l’estrema destra al loro interno o a sostegno. La Francia potrebbe essere la decima. Con la guerra che infuria in Europa, il calo della competitività e l’urgente necessità di accelerare la transizione verde, l’UE ha bisogno di una Francia pienamente impegnata. Se la scommessa di Macron fallisse, presto potrebbe verificarsi il contrario.