Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Gli agricoltori francesi hanno promesso di bloccare Parigi e di portare avanti le proteste nazionali nonostante il primo ministro Gabriel Attal abbia offerto concessioni come l’eliminazione di un impopolare aumento della tassa sul diesel.

“Abbiamo preso la decisione di portare avanti il ​​movimento”, ha detto al canale di notizie TF1 Arnaud Rousseau, capo della FNSEA, il più grande sindacato degli agricoltori francesi. Ha aggiunto che il primo ministro non ha fatto abbastanza per calmare la rabbia degli agricoltori. “Il governo deve andare oltre”, ha detto.

Le proteste in Francia, il più grande produttore agricolo dell’UE e uno dei principali beneficiari dei sussidi della politica agricola comune del blocco, seguono proteste simili in Germania, Italia, Polonia e Romania nelle ultime settimane.

Gli agricoltori hanno espresso rabbia per il calo dei redditi, l’aumento dei costi e le normative rigorose, inclusa la strategia “dal produttore al consumatore” dell’UE, che mira a ridurre l’uso di pesticidi e imporre nuove regole che tengano conto del cambiamento climatico e della biodiversità nelle pratiche agricole.

Secondo i sindacati, le proteste di una settimana in Francia hanno attirato più di 70.000 persone venerdì, con migliaia di trattori che formavano lunghi convogli e ingordavano il traffico sulle autostrade da Tolosa a Lille.

È il primo grande test per Attal, che a 34 anni è diventato il più giovane primo ministro del paese all’inizio di questo mese, dopo un periodo tumultuoso segnato da battaglie parlamentari sull’immigrazione e sulle riforme delle pensioni. Lealista selezionato dal presidente Emmanuel Macron per la sua conoscenza dei media e la sua abilità nel contrastare gli oppositori politici, Attal sta ora cercando di disinnescare la rivolta degli agricoltori nonostante abbia poca esperienza con le questioni rurali.

Gli agricoltori godono di una diffusa popolarità in Francia, con sondaggi che mostrano che l’89% del pubblico sostiene la loro protesta. L’estrema destra, guidata da Marine Le Pen, ha cercato di sfruttare la rabbia degli agricoltori in vista delle elezioni parlamentari europee di giugno.

Venerdì, Attal ha visitato un’azienda agricola a Montastruc-de-Salies, nel sud-ovest della Francia, per annunciare cambiamenti politici tra cui un pagamento più rapido dei fondi di emergenza, la rimozione della burocrazia e un giro di vite nei confronti delle aziende alimentari e dei rivenditori che non rispettano le leggi sulla negoziazione equa dei prezzi pagati. agli agricoltori.

Indossando un abito nero e una cravatta con gli appunti del suo discorso su una balla di fieno, Attal ha promesso di “mettere l’agricoltura al di sopra di ogni altra cosa” e ha aggiunto: “Senza i nostri agricoltori, non siamo più la Francia, e non siamo un paese. “

Attal ha anche ribadito la precedente opposizione di Macron all’accordo commerciale del Mercosur negoziato tra l’UE e i paesi del Sud America, che secondo gli agricoltori porterebbe a una concorrenza sleale perché i produttori non sono tenuti agli stessi standard ambientali o al divieto dei pesticidi.

Sabato Parigi ha anche segnalato che si farà di più per gli agricoltori, con il ministro dell’Agricoltura Marc Fesneau che ha dichiarato all’emittente France Info che “verranno adottate ulteriori misure”, come il sostegno ai produttori di vino.

Alcuni blocchi sono stati rimossi sabato, compreso il primo grande vicino a Tolosa, ma altri erano ancora in vigore.

Pierrick Horel, leader del sindacato dei Giovani Agricoltori, ha detto che una dozzina di barricate che gli agricoltori avevano costruito sulle strade che portano a Parigi saranno rimosse sabato per consentire al sindacato di riorganizzarsi e prepararsi per un blocco più ampio della capitale.

“L’idea è che non ci siano camion in grado di rifornire il capitale. . . quindi le carenze possono essere avvertite”, ha detto Horel su BFMTV. “Dobbiamo far capire ai parigini che hanno bisogno dei contadini per vivere e che la capitale non è autosufficiente, cosa che il primo ministro sembra aver dimenticato”.