Ven. Mar 1st, 2024

Il leader del nuovo partito populista di sinistra tedesco, la Sahra Wagenknecht Alliance (BSW), ha criticato il governo sempre più impopolare di Olaf Scholz e ha chiesto la fine immediata della guerra in Ucraina durante il congresso di fondazione tenutosi sabato a Berlino.

Sahra Wagenknecht, leader del partito, ha detto ai delegati che la società è a un punto di svolta, con gli elettori sopraffatti da “insicurezza, indignazione e furia”.

“Stiamo cercando di cambiare la politica in Germania”, ha detto.

Il programma del nuovo partito combina le tradizionali politiche di sinistra, come tasse più alte per i ricchi, con un messaggio marcatamente anti-immigrazione – una strategia che spera gli permetterà di competere e potenzialmente togliere sostegno all’estrema destra dell’Alternativa per la Germania. (AfD).

In un discorso di 30 minuti, spesso interrotto da applausi entusiastici, Wagenknecht ha affermato che il nuovo partito si batte per il buon senso economico, la giustizia sociale e “la pace e la distensione, invece della corsa agli armamenti e di sempre più guerre”.

Ha affermato che esso sostiene “la libertà di opinione e il rispetto per i dissidenti, invece di cancellare la cultura e un autoritarismo politico in rapida invasione, che abbiamo sperimentato nella sua forma più cruda durante la pandemia”.

Wagenknecht ha detto che tra i sostenitori del partito figurano “sindacalisti, uomini d’affari, operatori sanitari, poliziotti, teologi, abitanti delle città e dei villaggi”.

Ma porta chiaramente l’inconfondibile imprimatur di Wagenknecht. Un appuntamento fisso nei talk show televisivi, un’oratrice infuocata e un’autrice di best-seller, è una delle personalità tedesche più note, con un enorme seguito tra gli elettori disillusi dalla politica tradizionale, e domina il nuovo partito.

È stata a lungo una figura di spicco di Die Linke, un partito di estrema sinistra che affonda le sue radici nel partito comunista della Germania dell’Est. Ma le sue opinioni – in particolare la sua opposizione all’immigrazione irregolare e le sue frequenti bordate contro la cultura politica “svegliata” – alla fine divergevano nettamente da quelle di altri membri di Die Linke, e l’anno scorso ha annunciato che si sarebbe staccata per formare un proprio partito.

La speranza del BSW è che ciò possa dare una scossa alle prossime elezioni del Parlamento europeo, così come alle elezioni di settembre nei tre Länder della Germania dell’Est, Sassonia, Brandeburgo e Turingia, che l’AfD dovrebbe vincere.

Il partito di estrema destra è rimasto stabile nei sondaggi nonostante le recenti rivelazioni secondo cui i funzionari dell’AfD hanno incontrato i radicali di destra lo scorso novembre per discutere i piani per deportare milioni di persone con origini immigrate dalla Germania, anche quelle con passaporto tedesco. I resoconti dell’incontro hanno innescato manifestazioni di massa contro l’estrema destra in molte delle più grandi città tedesche.

I sondaggi sulle intenzioni di voto mostrano che il BSW potrebbe sottrarre alcuni voti all’AfD, soprattutto nella Germania orientale, sebbene il suo potenziale di sconvolgere la politica tedesca sia ancora relativamente piccolo.

Un sondaggio di questa settimana condotto da Infratest dimap in Sassonia colloca il BSW all’8%, davanti ai socialdemocratici di Scholz (SPD) e ai Verdi al 7%, ma ben dietro l’AfD al 35% e la principale opposizione cristiano-democratica (CDU) all’8%. 30 per cento.

Nel suo discorso, Wagenknecht ha definito la coalizione liberale-verde di Scholz il “governo più stupido d’Europa”, criticando la controversa legge per sostituire le caldaie a petrolio e gas con pompe di calore e la recente decisione di tagliare i sussidi per il carburante agli agricoltori che hanno scatenato proteste a livello nazionale.

Ha anche deriso la CDU e il suo leader Friedrich Merz, un miliardario con un aereo privato che una volta sosteneva di appartenere alla classe media.

Mentre fa appello agli elettori tradizionalmente di sinistra con la sua richiesta di un salario minimo più alto, pensioni migliori ed energia a prezzi accessibili, cerca anche di attirare gli elettori dell’AfD che si oppongono alle sanzioni economiche contro la Russia e al sostegno tedesco alle autorità di Kiev.

“Forniamo loro armi fino alla vittoria in cui gli stessi generali ucraini non credono più”, ha detto. “No alla guerra, no all’esportazione di armi nelle zone di combattimento”.

Il partito ha un tono marcatamente euroscettico, che potrebbe piacere anche agli elettori di AfD. Il suo programma per le elezioni europee afferma che l’UE nella sua forma attuale “danneggia l’idea europea”, sottolineando la “frenesia normativa della tecnocrazia dell’UE”.

Il BSW afferma che le linee guida dell’UE non dovrebbero essere implementate a livello nazionale se “sono contrarie al buon senso economico, alla giustizia sociale, alla pace, alla democrazia e alla libertà di opinione”.

Wagenknecht ha criticato i partiti governativi per aver denunciato come di destra coloro che volevano la pace in Ucraina, che difendevano i contadini in protesta e che erano preoccupati per l’immigrazione incontrollata che avrebbe dato luogo a “società parallele islamiche” nelle città tedesche.

Il modo migliore per il governo di indebolire l’AfD, ha detto, era “cambiare le sue miserabili politiche”.