Sab. Mag 18th, 2024
I flussi finanziari russi crollano dopo che gli Stati Uniti hanno preso di mira la macchina da guerra di Vladimir Putin

Secondo alti funzionari occidentali e finanziatori russi, la repressione statunitense sulle banche che finanziano il commercio di beni per l’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin ha reso molto più difficile spostare denaro dentro e fuori la Russia.

I volumi commerciali di Mosca con partner chiave come Turchia e Cina sono crollati nel primo trimestre di quest’anno dopo che gli Stati Uniti hanno preso di mira le banche internazionali che aiutano la Russia ad acquisire prodotti critici per sostenere il suo sforzo bellico.

UN Ordine esecutivo statunitenseimplementato alla fine dello scorso anno, ha spinto i finanziatori ad abbandonare le controparti russe ed evitare transazioni in una serie di valute, hanno affermato funzionari occidentali e tre importanti finanziatori russi.

“È diventato più difficile per la Russia accedere ai servizi finanziari di cui ha bisogno per ottenere questi beni”, ha affermato Anna Morris, vice segretario aggiunto per gli affari globali presso il Tesoro degli Stati Uniti.

“L'obiettivo è sicuramente quello di rendere molto più difficile il flusso di quei soldi, di aumentare i costi per i russi [and] l'attrito nel sistema. L’interruzione è un risultato importante”, ha aggiunto.

Per aggirare le restrizioni ora è necessaria una rete crescente di intermediari per evitare il controllo normativo anche se le transazioni non hanno nulla a che fare con la macchina da guerra russa, hanno detto funzionari e finanziatori, aumentando al contempo la conversione valutaria e i costi delle commissioni.

“Diventa sempre più difficile ogni mese. Un mese sono dollari, il mese successivo sono euro; entro sei mesi praticamente non potrai fare nulla. Il logico risultato di ciò è trasformare la Russia in Iran”, ha affermato un investitore russo senior, riferendosi alle severe sanzioni finanziarie contro Teheran.

Portamissili strategici russi in produzione. Si è verificato un forte calo delle esportazioni legate alla guerra poiché le banche evitano tali transazioni © Kristina Kormilitsyna/Cremlino/Sputnik/Reuters

L’ordine esecutivo degli Stati Uniti è progettato per prendere di mira le banche dei paesi che hanno registrato forti aumenti negli scambi con la Russia dopo che l’Occidente ha imposto sanzioni in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca più di due anni fa.

Le esportazioni turche di beni “ad alta priorità” – articoli principalmente per uso civile ma identificati come critici per lo sforzo bellico, come i microchip – verso la Russia e cinque paesi ex sovietici sono aumentate vertiginosamente dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina. Secondo Trade Data Monitor, il volume ha raggiunto i 586 milioni di dollari nel 2023, un aumento di cinque volte rispetto ai volumi prebellici.

Ma nel primo trimestre di quest’anno, le esportazioni della Turchia verso la Russia sono diminuite di un terzo anno su anno a 2,1 miliardi di dollari. E il valore delle esportazioni dichiarate di beni ad alta priorità verso la Russia e i paesi vicini è sceso del 40% a 93 milioni di dollari nel primo trimestre del 2024 rispetto al trimestre precedente, dimostrando l’impatto dell’ordine esecutivo.

Il forte calo delle esportazioni legate alla guerra è attribuibile al timore delle banche di ripercussioni da parte degli Stati Uniti, che possono monitorare qualsiasi transazione in dollari e paralizzare i creditori tagliandoli fuori dal sistema finanziario basato sul dollaro, hanno detto funzionari ed esperti statunitensi.

Il Tesoro può colpire i finanziatori con sanzioni secondarie se sospetta che abbiano a che fare con società bandite a causa dei loro legami con il complesso militare-industriale russo.

“Gli Stati Uniti hanno davvero una certa influenza sul settore finanziario”, ha affermato Elina Ribakova, ricercatrice senior non residente presso il Peterson Institute for International Economics. “Può scoprire se stai facendo qualcosa di sbagliato, anche la banca più piccola, se sei in qualche modo collegata al dollaro. Quindi questo spaventa le persone.

Le restrizioni sui pagamenti hanno avuto un effetto dissuasivo ben oltre il commercio ombra di componenti per la macchina da guerra russa, poiché le banche hanno tagliato intere categorie di transazioni con Mosca piuttosto che incorrere nelle sanzioni statunitensi.

I trader russi si sono rivolti a banche più piccole e valute alternative mentre le principali banche di paesi come Turchia e Cina si tirano indietro.

Vladimir Potanin, l’oligarca che controlla il gruppo metallurgico Norilsk Nickel, ha recentemente affermato che le sanzioni hanno ridotto le entrate della società di almeno il 15% dal 2022, in parte a causa delle commissioni dal 5 al 7% agli intermediari sulle transazioni di esportazione.

I commercianti che vendono beni in Russia, compresi i beni soggetti a restrizioni, hanno meno probabilità di essere scoraggiati rispetto alle banche, ha affermato Jane Shvets, partner ed esperta di sanzioni presso lo studio legale statunitense Debevoise & Plimpton.

“Il ritiro delle istituzioni finanziarie più grandi ha interrotto il commercio, ma la domanda è se si riprenderà man mano che queste alternative 'più oscure' per lo spostamento di denaro proliferano”, ha affermato.

Le transazioni sempre più complesse rischiano di confondere i regolatori occidentali che cacciano il commercio di beni soggetti a restrizioni poiché le entità russe e le loro controparti aggiungono più transazioni separando acquirente e venditore, ha affermato Matis Mäeker, capo dell'unità di intelligence finanziaria dell'Estonia.

“Se nella catena sono presenti quattro banche, ciò significa che ci sono diversi pagamenti o salti collegati da una transazione che in precedenza si spostava da A a B” mentre il denaro passa tra gli utenti, ha affermato.

Ciò sta aumentando il costo delle transazioni, ma rende anche più difficile per le autorità di controllo vederle in tempo, ha aggiunto. “Ci sono così tante banche nel mondo che troveranno un nuovo modo per aggirare le sanzioni”, ha detto.

Secondo i finanziatori coinvolti, anche gli importatori ed esportatori russi stanno regolando più transazioni in rubli a causa delle difficoltà di scambiare la valuta con dollari ed euro.

I commercianti che acquistano petrolio russo in India stanno ora effettuando transazioni in rubli dopo che gli Stati Uniti hanno spinto le banche negli Emirati Arabi Uniti a eliminare i pagamenti in dirham, ha detto un anziano banchiere russo ed ex dirigente petrolifero russo.

“Si tratta di una scappatoia nelle sanzioni”, ha affermato l'anziano banchiere russo, aggiungendo che agli stranieri è consentito acquistare rubli alla Borsa di Mosca per utilizzarli negli accordi di pagamento con le controparti russe. “Questi pagamenti vengono elaborati facilmente perché [foreign banks] possono aprire conti di corrispondenza in rubli presso le filiali russe di banche estere.”

Secondo lui il rublo diventerà “la valuta principale nel ventre della Russia, perché è l’unico modo per garantire che [the US Treasury’s Office of Foreign Assets Control] non lo vede”.

All’inizio di aprile la Banca della Georgia, il secondo più grande finanziatore della nazione del Caucaso e quotato alla Borsa di Londra, ha detto ai suoi clienti che i trasferimenti verso la Russia in “tecnologia, edilizia, industria e aviazione” sarebbero stati effettuati solo in rubli.

La modifica è stata apportata “nel rispetto dei requisiti dell'Ofac”, si legge nel messaggio visionato dal MagicTech. La Bank of Georgia non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Secondo la banca centrale russa, i pagamenti transfrontalieri vengono sempre più effettuati in rubli, mentre l'uso delle valute cinese, turca e degli Emirati Arabi Uniti è in calo. Prima della guerra del 2022, meno del 15% delle esportazioni russe veniva pagato in rubli. Ma la quota della valuta è salita al 40% nel febbraio di quest’anno, con il balzo più alto registrato dopo l’ordine esecutivo statunitense.

Per le importazioni, i pagamenti in rubli sono aumentati a circa il 40% rispetto al livello prebellico del 30%.

La limitata convertibilità del rublo, tuttavia, rende difficile per le banche e le controparti russe recuperare il volume perduto degli scambi in dollari e in altre valute occidentali, ha affermato l'investitore russo.

“Anche le giurisdizioni più amichevoli come il Kirghizistan sono vulnerabili. E comunque non si può prelevare così tanto perché il capitale di queste banche è così piccolo”, ha detto l’investitore.