Gio. Giu 13th, 2024
I capi finanziari del G7 sostengono il piano di sfruttare i beni russi congelati per finanziare l’Ucraina

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I ministri delle finanze del G7 hanno sostenuto l’idea di emettere un prestito all’Ucraina, garantito dai profitti sui beni russi congelati, nel tentativo di garantire finanziamenti per Kiev oltre il 2024.

Le discussioni dei ministri si basavano su una proposta statunitense, circolata prima dell'incontro di Stresa, in Italia, di emettere un prestito di circa 50 miliardi di dollari da rimborsare con i profitti di circa 190 miliardi di euro di attività della banca centrale russa. Gli asset russi sono depositati presso il depositario centrale belga di titoli Euroclear.

Sabato, i ministri hanno affermato che stavano “facendo progressi” sulle opzioni per “anticipare” i profitti, secondo una bozza di comunicato vista dal MagicTech. Hanno aggiunto che ai leader del G7 verranno presentate le opzioni su come costruire il prestito prima del vertice di giugno.

I capi finanziari hanno anche promesso di continuare a fare pressione sulla Cina affinché tagli i sussidi industriali che, secondo loro, avrebbero messo fuori mercato i rivali occidentali, e hanno affermato che l’attuazione dell’accordo fiscale globale più significativo da oltre un secolo è “una priorità assoluta”. Hanno anche espresso preoccupazione per i piani di Israele di bloccare l’accesso delle banche palestinesi ai finanziatori israeliani – una misura che secondo gli Stati Uniti e i loro alleati potrebbe distruggere l’economia della Cisgiordania.

Il G7 – un gruppo di economie avanzate che comprende tutti i grandi alleati occidentali dell’Ucraina – vuole garantire finanziamenti a Kiev oltre quest’anno, quando si terranno elezioni cruciali su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Dopo l’invasione russa, l’Ucraina ha fatto molto affidamento sugli aiuti occidentali per il sostegno militare e per finanziare servizi pubblici cruciali.

Il ministro delle finanze ucraino Serhiy Marchenko, che ha partecipato alla riunione del G7, ha stimato che il divario di bilancio dell'Ucraina nel 2025 sarà di “più di 10 miliardi di dollari” per i bisogni sociali e umanitari, aggiungendo che “tale divario sarebbe molto più ampio” se fossero incluse le esigenze militari.

Ha accolto con favore i progressi sul prestito garantito dai profitti, ma ha affermato che per l’Ucraina si tratta solo di una “soluzione temporanea per il momento, ma la soluzione generale dovrebbe essere la confisca” degli stessi beni russi.

Janet Yellen, segretaria del Tesoro americano, ha dichiarato sabato che non “voleva dichiarare prematuramente la vittoria qui”, ma che la vittoria era “generalmente considerata promettente”.

“Lavoreremo molto nelle prossime settimane”, ha detto, aggiungendo che la proposta doveva essere “concreta” prima che i leader potessero prenderla in considerazione.

La Yellen ha affermato che i funzionari non si lasceranno influenzare dalla minaccia del presidente russo Vladimir Putin di confiscare in risposta i beni dei cittadini statunitensi. “Siamo tutti molto favorevoli all’Ucraina, non ci lasceremo scoraggiare”.

Molti dettagli del prestito devono ancora essere concordati, compreso l’importo, chi lo emetterà e come verrebbe garantito se l’Ucraina andasse in default sul suo debito o se i profitti non si materializzassero, secondo persone che hanno familiarità con le discussioni.

Gli europei sono particolarmente preoccupati per la “equa condivisione del rischio”, ha detto un funzionario, temendo che l’Europa sopporti il ​​peso dei rischi finanziari e legali e delle azioni di ritorsione da parte della Russia perché la maggior parte dei beni sono detenuti nel continente.

“La proposta sarà chiaramente una proposta firmata G7 ed è per questo che la condivisione degli oneri deve essere equilibrata”, ha detto sabato Giancarlo Giorgetti, ministro delle Finanze italiano che ha presieduto i colloqui.

Gli Stati Uniti hanno anche spinto il resto del G7 a rafforzare la propria retorica sulle tensioni commerciali con Pechino.

I sussidi cinesi all’industria manifatturiera hanno minato “i nostri lavoratori, le nostre industrie e la nostra resilienza economica”, si legge nella bozza del comunicato, aggiungendo che il gruppo “continuerà a monitorare i potenziali impatti negativi della sovraccapacità e prenderà in considerazione l’adozione di misure per garantire condizioni di parità”.

Tuttavia, vi è disaccordo su quali potrebbero essere i prossimi passi.

Mentre l’amministrazione Biden ha già quadruplicato le tariffe sui veicoli elettrici cinesi e introdotto prelievi più severi su altre importazioni di tecnologia pulita per proteggere i posti di lavoro nel settore manifatturiero verde negli Stati Uniti, la Commissione europea ha favorito le indagini sui sussidi cinesi per pannelli solari, ferrovie e veicoli elettrici. Pechino ha reagito contro le importazioni di prodotti chimici sia statunitensi che europee.

I membri dell’UE, che dipendono maggiormente dalle esportazioni con Pechino, hanno segnalato una maggiore riluttanza a imporre dazi per paura di intensificare una guerra commerciale.

Mentre i ministri hanno affermato che trasformare in realtà l’accordo fiscale globale a due livelli concordato nel 2021 da più di 135 paesi è una “massima priorità”, è improbabile che venga rispettata la scadenza di fine giugno per firmare un trattato su cui si fonda una parte.

I ministri, tra cui Yellen, hanno affermato che l'opposizione dell'India sta ritardando i progressi sul cosiddetto Primo Pilastro, che ridistribuisce parte del diritto dei paesi di tassare le società multinazionali nei luoghi in cui effettuano le vendite.

«Siamo purtroppo a un punto quasi morto» sul Primo Pilastro, ha detto Giorgetti, aggiungendo che la scadenza «rischia di non essere rispettata».