Ven. Mar 1st, 2024

I profondi tunnel della stazione della metropolitana Lukyanivska nel centro di Kiev costituiscono un rifugio antiaereo ideale, il che è altrettanto valido in quanto la stazione si trova dall’altra parte della strada rispetto alla fabbrica di armi Artem e fu danneggiata quando la Russia prese di mira l’area in uno dei suoi più grandi attacchi aerei. scioperi della guerra.

L’Ucraina ha avuto un inizio difficile nel 2024. Il Paese è esausto dopo due anni di combattimenti, la temperatura a Kiev è scesa a -14°C e l’offensiva di terra, non essendo riuscita a riconquistare aree significative del territorio occupato, è quasi congelata.

Nel frattempo, gli attacchi aerei russi – integrati con droni iraniani e, secondo gli Stati Uniti, anche con missili balistici nordcoreani – si sono intensificati. Il secondo grande attacco è avvenuto lunedì, quando la Russia ha lanciato 59 droni e missili e le difese aeree ucraine ne hanno abbattuti meno della metà, rispetto al consueto tasso di intercettazione dell’80%.

“Non ho tempo per contare tutti gli attacchi”, ha detto il colonnello Yuriy Ignat, portavoce dell’aeronautica militare ucraina. I recenti sbarramenti russi rischiano di esaurire i missili intercettori utilizzati dall’Ucraina per difendersi, ha affermato. “Abbiamo bisogno di più rifornimenti. . . rifornimenti regolari”.

Diagramma che mostra l'anatomia di un attacco missilistico russo contro l'Ucraina nella notte tra il 7 e l'8 gennaio

Secondo funzionari e analisti militari, la portata e la sofisticatezza degli ultimi attacchi aerei russi sono di un ordine diverso rispetto agli attacchi dello scorso inverno.

La Russia ha lanciato più di 500 droni e missili solo tra il 29 dicembre e il 2 gennaio, hanno detto funzionari a Kiev. Gli obiettivi principali sembrano essere sempre più l’industria della difesa ucraina, come Artem, piuttosto che la rete energetica che la Russia ha cercato di distruggere lo scorso inverno.

Gli attacchi sono stati attentamente pianificati, con ondate scaglionate di droni e missili progettati per sopraffare le difese aeree dell’Ucraina. Il 30 dicembre e il 2 gennaio, sono stati potenziati da missili balistici a corto raggio provenienti dalla Corea del Nord, uno dei quali ha volato per 460 km dal suo sito di lancio russo, ha detto la Casa Bianca la settimana scorsa.

Sabato, la Russia ha lanciato il suo terzo grande sbarramento dell’anno, lanciando 40 droni e missili, compresi missili balistici, che secondo il suo ministero della Difesa hanno preso di mira il “complesso militare-industriale” dell’Ucraina.

La difesa aerea ucraina ne ha abbattuti otto, mentre altre 20 munizioni erano bloccate elettronicamente e non sono riuscite a raggiungere i loro obiettivi, ha detto l’aeronautica del paese.

“I russi stanno cercando di decifrare il codice della difesa aerea dell’Ucraina”, ha detto Dara Massicot, membro senior del Carnegie Endowment di Washington. “Se ci riuscissero, e l’Ucraina non riuscisse a difendere i suoi cieli, sarebbe un grosso problema poiché aprirebbe la strada alla Russia per inviare bombardieri pesanti”.

Per rompere le difese dell’Ucraina, la Russia ha solitamente lanciato prima droni a volo lento, poi missili da crociera subsonici a bassa quota e infine missili balistici che precipitano sul bersaglio a velocità multiple della velocità del suono, rendendoli difficili da colpire.

Il missile balistico più letale è il Kinzhal, o pugnale, che il presidente Vladimir Putin ha definito “una super arma”. La Russia ha anche lanciato missili balistici Iskander-M, che sono simili ai missili KN-23 della Corea del Nord che Mosca ha ora utilizzato, hanno detto gli analisti della difesa.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un incontra il presidente russo Vladimir Putin
Kim Jong Un e Vladimir Putin. La Russia avrebbe utilizzato missili balistici della Corea del Nord in Ucraina © Agenzia di stampa centrale coreana della Corea del Nord/Reuters

Il miscuglio di sistemi di difesa aerea e missili terra-aria dell’Ucraina, soprannominato “FrankenSAM”, ha faticato a farcela.

Il primo livello di difesa – unità mobili che sono spesso Humvee forniti dagli Stati Uniti montati con missili terra-aria Stinger o mitragliatrici pesanti – è stato un modo economico ed efficace per abbattere i droni e occasionalmente anche i missili da crociera, secondo Oleksandr. , un robusto soldato che ha presidiato una squadra di difesa mobile fuori Kiev.

Ma tali unità stanno ora lottando per manovrare nella neve alta, lasciando che sia lo strato successivo delle difese aeree dell’Ucraina, che comprende sistemi a medio raggio come l’IRIS-T fornito dalla Germania e il SAMP/T da Francia e Italia, a intercettare i missili e droni.

“L’uso combinato di armi ipersoniche e subsoniche ha reso difficile per l’Ucraina dare priorità ai propri obiettivi di difesa aerea”, ha affermato Sam Cranny-Evans, membro associato del think tank Royal United Services Institute di Londra.

I più difficili da intercettare sono i missili balistici, che secondo Ignat solo i sistemi Patriot di fabbricazione statunitense possono abbattere. Ma l’Ucraina ha solo poche batterie Patriot, e i missili intercettori che lanciano sono costosi e relativamente scarsi a causa della crescente domanda, anche da parte di Israele.

Diagramma che spiega le differenze fondamentali tra missili balistici, missili da crociera e UAV, noti anche come droni

Il presunto utilizzo da parte della Russia di missili balistici nordcoreani in Ucraina, che violerebbe le sanzioni delle Nazioni Unite, ha sottolineato come la bilancia delle forniture potrebbe spostarsi a favore di Mosca, hanno affermato funzionari e analisti militari.

Yang Uk, esperto di difesa presso l’Asan Institute for Policy Studies di Seoul, ha affermato che la Corea del Nord potrebbe avere riserve fino a 100 KN-23, la maggior parte dei quali potrebbe trasferirli alla Russia al giusto prezzo.

“Pyongyang ha bisogno di contanti in questo momento più che di guerra, e può sempre costruire nuove scorte”, ha detto Yang. Gli alleati di Kiev guidati dagli Stati Uniti ha condannato i trasferimenti di armi della Corea del Nord questa settimana. Funzionari russi hanno definito le accuse statunitensi “disinformazione”.

Mosca sta anche “portando avanti attivamente” i colloqui con Teheran per l’acquisizione di missili balistici a corto raggio, ha detto il portavoce della sicurezza nazionale statunitense John Kirby.

L’Iran ha il più grande programma di missili balistici del Medio Oriente e potrebbe fornire alla Russia “qualche centinaio di missili balistici” tanto per iniziare, ha affermato Behnam Ben Taleblu, membro senior della Foundation for Defense of Democracies, un think tank statunitense.

Con la sua economia sul piede di guerra, la Russia ora produce oltre 100 missili a lungo raggio al mese, rispetto ai circa 40 dell’inizio dell’invasione, e circa 300 droni d’attacco, secondo funzionari ucraini e occidentali. Ciò non è sufficiente per sostenere l’attuale ritmo degli attacchi, che sono stati possibili solo dopo che la Russia ha accumulato missili per mesi. Ma i droni forniti dall’Iran e i missili nordcoreani compensano parte del deficit.

“La Russia sta usando tutto il possibile per logorare l’Ucraina”, ha detto Gustav Gressel, ex ufficiale militare austriaco e ora membro senior del think tank del Consiglio europeo per le relazioni estere.

Mentre la Russia sta sostenendo le forniture, gli alleati dell’Ucraina in Europa e negli Stati Uniti non sono stati in grado di approvare oltre 100 miliardi di dollari di aiuti militari. L’UE non è riuscita a mantenere gli impegni assunti nei confronti di Kiev, inviando meno della metà del milione di munizioni promesse lo scorso anno.

Ma la situazione dell’Ucraina è tutt’altro che disperata, hanno sottolineato funzionari e analisti militari.

Tokyo ha affermato che allenterà i freni all’esportazione di armi per consentire la spedizione di missili Patriot di fabbricazione giapponese negli Stati Uniti, il che a sua volta consentirebbe a Washington di inviare più scorte in Ucraina. Il pacchetto di aiuti militari da 2,5 miliardi di sterline annunciato venerdì dal Regno Unito includeva un impegno significativo per l’acquisto e la produzione di droni.

Kiev ha anche sviluppato un missile con una gittata dichiarata di 700 km e mira a produrre quest’anno più di 11.000 droni d’attacco a medio e lungo raggio.

Ha già colpito obiettivi a lungo raggio, incluso lo stabilimento russo di Smolensk Aviation, che produce missili da crociera. Il 4 gennaio, Kiev ha dichiarato di aver distrutto un posto di comando russo presso la base aerea di Saky, nella penisola di Crimea occupata dall’Ucraina.

“Questi attacchi non mettono la Russia in svantaggio, ma creano problemi”, ha detto Gressel. “La domanda è se l’Ucraina sarà in grado di potenziarli e colpire i lanciatori russi all’interno del paese e occupare l’Ucraina”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sta anche esercitando pressioni sulla Germania per il suo missile da crociera Taurus a lungo raggio “bunker buster” che potrebbe aiutare Kiev a distruggere il ponte di Kerch che collega la Crimea con la Russia continentale.

Finora Berlino si è rifiutata di inviare i missili, sostenendo che ciò potrebbe intensificare la guerra. Eppure il Regno Unito e la Francia hanno già fornito i missili da crociera Storm Shadow e Scalp.

Mercoledì Zelenskyj ha avvertito che le difese aeree dell’Ucraina sono in via di esaurimento e che l’esitazione degli alleati “non fa altro che aumentare il coraggio e la forza della Russia”.

“L’Occidente deve prendere decisioni ora in modo che l’Ucraina possa ricostituire il suo esercito nel 2024”, ha detto Massicot al Carnegie Endowment, aggiungendo: “Guarda cosa ha appena fatto la Russia: ha lanciato un missile balistico nordcoreano a 460 km verso l’Ucraina”.