Mar. Giu 18th, 2024
I punti ristoro e le farmacie sono i nuovi spazi artistici più alla moda di Basilea

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Quando lo scorso autunno la curatrice tedesca Stefanie Hessler ha visitato Basilea, è rimasta colpita dal numero di vetrine vuote lungo la strada principale della città. La proliferazione dei cartelli “In affitto” è uno spettacolo familiare in molte città il cui tessuto è stato radicalmente alterato dalla pandemia, inclusa New York, dove Hessler è direttore dello Swiss Institute, uno spazio di arte contemporanea in centro città di tendenza.

I posti vacanti hanno ispirato la sua visione per l'edizione di quest'anno di Parcours, la piattaforma di Art Basel per l'arte nei luoghi pubblici. Ventidue artisti occuperanno alcuni degli spazi vuoti e negozi funzionanti che hanno maggiori probabilità di essere frequentati dalla gente del posto che dai collezionisti d'arte giramondo. Ad esempio, l'artista Lap-See Lam, con sede a Stoccolma, il cui lavoro è spesso ispirato al ristorante cinese gestito dalla sua famiglia in Svezia, presenterà un'installazione video all'interno della food court del centro commerciale locale.

“Lo spazio pubblico sta cambiando così profondamente”, dice Hessler, guardando in ogni centimetro il curatore in un blazer oversize, mentre prendiamo il tè nella biblioteca dell'Istituto Svizzero poche settimane prima della fiera. “Abbiamo cambiato il modo in cui facciamo acquisti, il modo in cui acquistiamo generi alimentari, il modo in cui interagiamo tra loro.”

Opportunamente per Art Basel, molte delle opere di Parcours affrontano temi di consumo, commercio e circolazione di beni, persone e informazioni. Tra gli scaffali di un negozio di abbigliamento, l'artista polacca Joanna Piotrowska installerà grandi fotografie di mani che stringono alberi e accarezzano rocce, un cenno al rapporto estrattivo dell'industria della moda con la natura. L'artista malese Mandy El-Sayegh e un gruppo di artisti cercheranno di entrare in uno stato di trance all'interno della sua installazione all'ultimo piano del centro commerciale – un riferimento, dice Hessler, alla “connessione tra spiritualità e shopping”.

Questa è la prima volta che Hessler organizza dei Parcours. (Il veterano curatore della sezione, Samuel Leuenberger, quest'anno concentrerà la sua attenzione sul progetto di Agnes Denes sulla Messeplatz.) Le gallerie fanno domanda per partecipare e finanziare i propri progetti; tutte le opere sono in vendita. Circa la metà di essi sono nuovi, sviluppati pensando ai loro siti insoliti.

È facile essere scettici su progetti come questi che, se realizzati male, possono sembrare un safari per miliardari per osservare la gente del posto nella natura selvaggia. Hessler afferma di aver sentito la “responsabilità non solo di abbandonare un progetto”, ma piuttosto di incoraggiare sia i visitatori che gli abitanti di Basilea a “sperimentare il luogo in cui si trovano”. È un principio che ha guidato gran parte del suo lavoro, anche come curatrice di biennali ad Atene, Oslo e Montreal. Come studentessa laureata, ha invitato gli artisti a creare lavori sulla vita domestica nel suo appartamento di Stoccolma. Per il suo progetto finale del Master, ha collaborato con l'artista svedese Cajsa von Zeipel per installare una scultura di una donna futuristica che si masturba nel suo letto; Hessler ha dormito sul pavimento per un mese.

Questa iterazione di Parcours armeggia con il formato tradizionale in diversi modi. Per prima cosa, le sedi sono per lo più di proprietà privata. (Art Basel ha confermato che alcuni proprietari saranno pagati per i loro spazi, ma ha rifiutato di specificare quanto.) Mentre le edizioni precedenti hanno portato l'arte negli angoli più remoti della città, Hessler sta installando quasi tutte le opere lungo un tratto centrale di 700 metri di Clarastrasse , che si estende dal quartiere fieristico fino al Reno, per poterli vivere in un colpo solo. Portando l'arte all'interno delle imprese locali, “spero che non sembri solo turismo artistico”, afferma. Forse uno studente incontrerà inaspettatamente le fotografie di Piotrowska durante un giro di shopping e sarà ispirato a fare un salto nella vicina farmacia vuota per vedere le opere dell'artista francese Pol Taburet.

Questa iterazione di Parcours ha richiesto una stretta collaborazione non solo tra Hessler e gli artisti, ma anche tra la fiera d'arte e i piccoli imprenditori. Hessler ha visitato più di 70 luoghi per entrare nella lista finale. A volte, lei o lo staff di Art Basel semplicemente entravano in un negozio freddo e facevano la proposta iniziale. Dagli agenti immobiliari agli operatori di casinò fino ai proprietari di una distilleria locale, “a Basilea ho incontrato così tante persone che non avrei mai incontrato”, dice.

C'era qualche timore che i frequentatori abituali di Baselite potessero essere scoraggiati dall'interruzione dei loro ritrovi o negozi quotidiani da parte dell'arte e della gente dell'arte? Hessler afferma che molti dei proprietari del locale, che erano stati a Parcours in precedenza, erano “per lo più davvero entusiasti” della collaborazione e dei potenziali nuovi visitatori.

Una delle collaborazioni più intime è quella tra l'artista londinese Alvaro Barrington e il proprietario di Tropical Zone, un negozio di prodotti africani importati che vanno dalle tinture per capelli alle verdure. Il negozio “è al servizio della comunità di immigrati”, afferma Barrington, “e quell'esperienza di comunità e identità è sempre stata . . . informato il mio lavoro.” All'interno del negozio, Barrington costruirà una struttura in legno ispirata alla casa di sua nonna a Grenada e appenderà i suoi dipinti accanto al normale inventario, che rimarrà accessibile ai clienti. Dopotutto: se la clientela dell'Art Basel può trasformare l'esperienza culturale in shopping, perché i cittadini non possono trasformare lo shopping in un'esperienza culturale?

Parcours si svolge dal 10 al 16 giugno, artbasel.com