Gio. Giu 13th, 2024
Il primo ministro danese aggredito nella piazza centrale di Copenaghen

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il primo ministro danese Mette Frederiksen è stato aggredito in una piazza centrale di Copenaghen nel bel mezzo della campagna elettorale europea.

Il premier di centrosinistra era “sotto shock” dopo l'aggressione di venerdì da parte di un uomo a Kultorvet, una delle piazze principali di Copenaghen, ha detto il suo ufficio. La polizia ha detto di aver arrestato una persona ma ha rifiutato di commentare ulteriormente.

Pochi altri dettagli erano immediatamente disponibili, incluso in quali circostanze era avvenuta l’aggressione: durante un evento elettorale per i socialdemocratici o come parte di un’uscita privata.

“Il primo ministro danese, Mette Frederiksen, è stato oggi aggredito e picchiato da un uomo al Kultorvet di Copenaghen. Mette è naturalmente scioccata dall'aggressione. Devo dire che questo scuote tutti noi che le siamo vicini”, ha scritto il ministro dell'ambiente Magnus Heunicke sulla piattaforma di social media X.

I politici di tutto lo spettro politico danese si sono precipitati a condannare l'attacco.

“È scioccante che qualcuno attacchi e colpisca il nostro primo ministro”, ha detto Morten Løkkegaard, candidato principale alle elezioni europee per il partito liberale di centrodestra al governo.

“È fondamentale per la nostra democrazia poter discutere indipendentemente dalla posizione politica. . . la violenza e le aggressioni minano il dibattito pubblico e quindi la nostra democrazia”.

Inger Støjberg, capo dei Democratici danesi di estrema destra, ha dichiarato: “La democrazia è vulnerabile se non ce ne prendiamo cura. È del tutto riprovevole il ricorso alla violenza”.

Anche i leader stranieri hanno condannato l’aggressione. Ulf Kristersson, primo ministro svedese di centrodestra, ha dichiarato: “Un attacco a un leader democraticamente eletto è anche un attacco alla nostra democrazia. Stasera i miei pensieri e quelli della mia famiglia sono con lei”.

“L'assalto di stasera al primo ministro danese è spaventoso. La violenza non ha posto in politica. Tieni duro, Mette!” Lo ha affermato Roberta Metsola, presidente del Parlamento europeo.

L'attacco contro il primo ministro danese è solo l'ultimo di una serie di atti violenti compiuti recentemente contro i politici europei. Il mese scorso il primo ministro slovacco Robert Fico è stato gravemente ferito a colpi di arma da fuoco, mentre nelle ultime settimane diversi politici tedeschi sono stati aggrediti.

La vicina Svezia ha subito nel corso dei decenni particolari violenze politiche, con il primo ministro Olof Palme assassinato nel 1986 e il ministro degli Esteri Anna Lindh pugnalata a morte nel 2003 prima di un referendum sull’adozione dell’euro.

Frederiksen era stato visto lo scorso anno come uno dei principali candidati per sostituire Jens Stoltenberg come segretario generale della Nato, ma non è riuscito a ricevere l’approvazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Più recentemente, è stata percepita come una delle favorite per un posto di rilievo a Bruxelles dopo le elezioni del Parlamento europeo di questo fine settimana.