Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il governatore della banca centrale italiana ha inviato un velato avvertimento sui piani dell’UE di confiscare i profitti dalle attività finanziarie russe in Europa, affermando che “utilizzare come arma” l’euro rischia di danneggiarne l’attrattiva e di rafforzare le valute rivali come il renminbi cinese.

Lo ha detto Fabio Panetta, nuovo presidente della Banca d’Italia un discorso venerdì che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è stata “un duro promemoria” dei vantaggi strategici per l’Europa derivanti dall’avere una valuta globale come l’euro, aggiungendo: “Questo potere deve essere usato saggiamente”.

“Le relazioni internazionali fanno parte di un ‘gioco ripetuto’: l’utilizzo di una valuta come arma riduce inevitabilmente la sua attrattiva e incoraggia l’emergere di alternative”, ha dichiarato durante un evento a Riga per celebrare il 10° anniversario dell’adozione dell’euro da parte della Lettonia.

Ha affermato che il maggiore utilizzo del renminbi per finanziare il commercio tra Cina e Russia è stato “istruttivo in questo senso” perché Pechino ne ha promosso l’uso nei paesi colpiti da sanzioni internazionali che rendono loro più difficile pagare le merci in dollari americani o euro. La quota del commercio cinese finanziato in renminbi è raddoppiata negli ultimi tre anni, contribuendo a superare l’euro come seconda valuta più utilizzata al mondo per la finanza commerciale.

Panetta non ha menzionato specificamente i piani dell’UE di trasferire all’Ucraina i proventi di 210 miliardi di euro in asset sovrani russi detenuti nelle istituzioni dell’eurozona e immobilizzati dalle sanzioni occidentali dal 2022. Ma i funzionari hanno affermato che i suoi commenti sono stati fatti pensando a questi piani.

Roma ha congelato quantità relativamente piccole di fondi della banca centrale russa, di cui la maggior parte è bloccata in Belgio, dove il depositario centrale di titoli Euroclear detiene circa 191 miliardi di euro.

Bruxelles sta lavorando a un piano per confiscare i profitti straordinari che Euroclear realizza sui beni immobilizzati e darli all’Ucraina. Si prevede che gli Stati membri approvino nuove regole all’inizio della prossima settimana che renderebbero obbligatorio accantonare questi profitti, ma si fermerebbero prima di sequestrarli effettivamente a beneficio di Kiev.

Gli Stati Uniti, che detengono circa 5 miliardi di dollari in asset della banca centrale russa, hanno spinto gli altri paesi del G7 a fare un ulteriore passo avanti e a sequestrare essi stessi gli asset.

Ma l’Italia è uno dei tanti Stati membri dell’UE, tra cui Germania e Francia, che si sono mostrati scettici nei confronti di tale mossa e hanno messo in guardia sulle implicazioni del sequestro di beni appartenenti a uno Stato sovrano, che secondo il diritto internazionale gode di immunità. Alcuni hanno espresso scetticismo nel toccare solo i profitti derivanti dagli asset bloccati.

Anche la Banca Centrale Europea, di cui Panetta è stato dirigente prima di assumere la guida della banca centrale italiana alla fine dello scorso anno, ha messo in guardia sui rischi di tali mosse per la stabilità dell’euro, soprattutto se l’Europa agisce da sola e non come parte di uno sforzo internazionale. Sono stati sollevati timori che altre banche centrali o governi possano ritirarsi dalle attività in euro a causa dei timori che anche le loro partecipazioni potrebbero essere congelate o sequestrate.

Panetta ha affermato che avere una valuta di riserva internazionale consente ai paesi della zona euro di emettere debito a un prezzo più basso, stimando che il risparmio potrebbe valere circa mezzo punto percentuale di interesse che ammonta a circa lo 0,5% del prodotto interno lordo.

Ha ripetuto il suo precedente appello all’UE affinché crei una “fornitura costante e prevedibile di ‘beni sicuri’” istituendo un programma permanente per emettere debito a livello centrale. Il fondo di ripresa da 800 miliardi di euro dell’UE, lanciato dopo la pandemia, è stato “un primo e gradito passo”, ma poiché si trattava di un programma una tantum che scade tra pochi anni, “non ha rappresentato un punto di svolta”, ha affermato.

Anche se finora ci sono state “poche prove” di un aumento delle tensioni geopolitiche che hanno causato una frammentazione dell’utilizzo della valuta internazionale, ha avvertito che “dovremmo essere attenti alla possibilità che la politica avrà un impatto maggiore sulle valute internazionali nei prossimi anni”.