Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il capo di Euronext Dublino si è scagliato contro le “bizzarre” norme fiscali che creano “condizioni di parità” e ha sollecitato riforme, dopo una serie di allontanamenti di alto profilo dalla borsa irlandese.

Il colosso irlandese dei materiali da costruzione CRH, il titolo più prezioso sul piccolo mercato di Dublino, è uscito a settembre nell’ambito del trasferimento della sua quotazione principale dall’Europa a New York. Il gruppo di scommesse Flutter e l’azienda di imballaggi Smurfit Kappa hanno annunciato che lasceranno Dublino quest’anno. Il gruppo di bevande Diageo, proprietario della Guinness, ha cancellato la sua quotazione in Irlanda a maggio.

Daryl Byrne ha dichiarato in un’intervista al MagicTech che l’exchange è determinato a creare la prossima ondata di “campioni globali irlandesi che finanziano la loro crescita attraverso i nostri mercati. . . Ma ci sono alcune cose che creano difficoltà”.

Per una società irlandese quotata negli Stati Uniti, ha affermato, si è verificata una “situazione insostenibile” in cui la negoziazione delle sue azioni negli Stati Uniti è esente dall’imposta di bollo, ma sul mercato locale prevede una commissione dell’1%. “Quindi ci ritroviamo in questo terreno di gioco ineguale.”

La borsa irlandese è entrata a far parte del gruppo Euronext delle borse europee nel 2018, ma Byrne ha affermato che le norme sull’imposta di bollo la mettono in una posizione di svantaggio anche in Europa.

Sta esortando il governo a tagliare le tasse e ad allineare l’Irlanda ai suoi omologhi europei come la Francia, che applica lo 0,3% e l’Italia, che applica lo 0,1%. Il prelievo nel Regno Unito è dello 0,5%.

“È bizzarro. . . se guardi all’Europa, semplicemente non è compatibile”, ha detto. “È un disincentivo”

La partenza di CRH, Flutter e Smurfit Kappa è un duro colpo per la borsa irlandese: insieme hanno rappresentato il 55% del fatturato da gennaio a settembre dello scorso anno, anche se ciò è stato in parte dovuto alla chiusura delle posizioni CRH da parte dei trader.

CRH e Smurfit Kappa stanno entrambe spostando la loro quotazione principale da Londra al NYSE, quest’ultima dopo una fusione con la rivale statunitense WestRock. Flutter per ora mantiene la sua quotazione principale a Londra, ma aggiunge un’ulteriore quotazione a New York. Il gruppo con sede a Dublino ha detto di sì troppo complesso per mantenere anche un elenco di case.

Altre aziende, tra cui i gruppi alimentari Greencore e Aryzta, l’operatore commerciale di costruzioni e impianti idraulici Grafton e la società di distribuzione e energia DCC, hanno tutti abbandonato negli ultimi anni.

Anche il governo lo ha fatto paure espresse che aziende tra cui le aziende nutrizionali Glanbia e Kerry, nonché il gruppo di isolamento Kingspan, potrebbero seguire, impoverendo ulteriormente un mercato che ha avuto solo sei IPO negli ultimi sei anni e solo una dal 2021.

Il ministro delle Finanze Michael McGrath ha detto che i grattacapi di Dublino in termini di delisting ci sono non unico e “sarà necessario trovare soluzioni UE per affrontare le sfide comuni affrontate dagli scambi UE”.

Ma le dimensioni del mercato irlandese, e il fatto che molte delle sue società cerchino finanziamenti da maggiori pool di capitali nel Regno Unito e negli Stati Uniti, lo rendono particolarmente esposto.

La Brexit lo ha anche lasciato più isolato. In passato, molte società irlandesi avevano la doppia quotazione a Londra e utilizzavano l’infrastruttura del mercato finanziario londinese, ma questa tendenza è cessata.

Le norme fiscali hanno ulteriormente ostacolato la capacità della borsa di trattenere le società irlandesi quotate negli Stati Uniti offrendo loro una doppia quotazione sul suo mercato dei titoli atlantici.

L’ASM è stata istituita nel 2015 ed è allineata alla regolamentazione statunitense. Ma non è riuscita ad attirare una sola quotazione, una situazione che difficilmente si invertirà dopo che le autorità fiscali quest’estate hanno rifiutato di estendere un’esenzione dall’imposta di bollo che si sarebbe applicata alle società irlandesi quotate sull’ASM.

Il governo ha affermato che l’imposta di bollo “è tenuta sotto controllo da parte del [finance] Dipartimento”. Il prelievo è aumentato 500 milioni di euro nel 2022 e anche senza CRH, Byrne stima che avrebbe comunque fruttato circa 350 milioni di euro.

Euronext Dublin è il successore della Borsa irlandese, fondata nel 1793, un anno dopo il NYSE. Oggi è la seconda più piccola delle sette borse Euronext dietro Lisbona.

La sua IPO è paragonabile al record di 212 quotazioni in tutti i mercati Euronext nel 2021 e 83 nel 2022. È ben lontano dalla situazione di nove anni fa, quando Malin, una società di investimento nel settore delle scienze della vita con sede in Irlanda, raccolse 330 milioni di euro a Dublino nel una delle più grandi IPO biotecnologiche in Europa.

In un rapporto sul futuro del mercato lo scorso luglio, consulenza Grant Thornton ha avvertito che l’Irlanda si trova in “un momento cruciale”.

“Senza interventi, il numero delle cancellazioni dalla quotazione potrebbe continuare a superare il numero delle nuove inserzioni”, ha affermato. Ciò rappresenta una “minaccia, soprattutto per l’economia irlandese, dove i mercati azionari possono contribuire in modo significativo all’occupazione, alla crescita economica e alle entrate fiscali del governo”.

Grant Thornton ha raccomandato di individuare investitori “principali” per il mercato di Dublino, tipicamente grandi istituzioni che accettano di acquistare una quota di azioni come parte dell’IPO di una società.

Byrne ha inoltre esortato il governo a introdurre qualcosa di simile ai conti di risparmio individuali del Regno Unito per stimolare gli investimenti al dettaglio, nonché incentivi fiscali per le società che intendono quotarsi in borsa.

Martin Tormey, amministratore delegato del brokeraggio Goodbody, ha detto che ci sono ancora candidati idonei all’IPO e capitale da raccogliere in Irlanda.

Ma ha aggiunto: “C’è molta ricerca interiore in corso in questo momento, è giusto dirlo”.