Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Si prevede che il magnate croato Pavao Vujnovac acquisisca una quota di maggioranza del colosso della vendita al dettaglio Fortenova, una delle più grandi aziende dei Balcani, che da più di un anno lotta per sbarazzarsi del suo grande azionista russo.

La saga di Fortenova ha evidenziato le difficoltà che le aziende europee devono affrontare quando cercano di separarsi dai proprietari russi in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina e alle sanzioni occidentali.

Il gruppo possiede il supermercato Konzum ed è il più grande datore di lavoro privato del paese con 45.000 dipendenti e un fatturato annuo di oltre 5 miliardi di euro. La Sberbank, di proprietà statale russa, deteneva una partecipazione del 42% in Fortenova, ma il gruppo pesantemente sanzionato ha dichiarato l’anno scorso di averla venduta a Saif Alketbi, un investitore degli Emirati Arabi Uniti.

Tuttavia, l’acquisto di Alketbi, che aveva il sostegno finanziario della Gazprombank di proprietà statale russa ed è avvenuto poche ore prima della scadenza stabilita dall’UE, è stato contestato sia dal management di Fortenova che dal governo croato. Affermano che abbia legami con un uomo d’affari legato al Cremlino, cosa che Alketbi nega.

La partecipazione è detenuta attraverso un veicolo chiamato SBK ART che è stato sanzionato dal Consiglio Europeo, il quale ha affermato che Sberbank ha mantenuto il “controllo effettivo” – un’affermazione che la banca nega.

Mercoledì Fortenova ha detto che Vujnovac si è offerto di rilevare altri azionisti attraverso la sua società OpenPass – che possiede già circa un terzo del rivenditore – e di pagare fino a 660 milioni di euro per aumentare la sua partecipazione almeno al 54%.

Le discussioni sulla complessa proposta, che ha l’approvazione del consiglio di Fortenova, non hanno coinvolto SBK ART e il suo contestato proprietario Alketbi viste le sanzioni nei confronti della prima. A causa di tali sanzioni, i soldi derivanti dall’accordo verranno trattenuti in un conto di deposito a garanzia e rilasciati solo una volta revocati.

L’amministratore delegato di Fortenova Fabris Peruško ha dichiarato al MagicTech che si aspetta che OpenPass prenda il controllo del gruppo entro pochi mesi, aggiungendo che alla fine potrebbe possederlo a titolo definitivo.

“Con la guerra in Ucraina. . .[the]La partecipazione azionaria russa sanzionata ha limitato significativamente le nostre operazioni e il nostro ulteriore sviluppo, rendendo praticamente impossibile un rifinanziamento sostenibile e a lungo termine. Questa situazione ora sta finalmente per cambiare”, ha detto. “Raggiungere l’accordo con OpenPass, che ha accettato di sottoscrivere l’intero importo della transazione, se necessario, è un punto di svolta fondamentale che apre per noi un nuovo capitolo.”

OpenPass, Vujnovac, Sberbank e Alketbi non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Tuttavia, un portavoce di Alketbi ha dichiarato al FT all’inizio di quest’anno che possiede la partecipazione in Fortenova e che avrebbe contestato le sanzioni di SBK ART in tribunale.

“Il signor Alketbi ha acquistato SBK ART e ne è il proprietario”, hanno detto. “Sberbank non è, ripeto, il proprietario. Questa posta in gioco non è in mano russa, né sotto il controllo o l’influenza russa. . . SBK ART è stata erroneamente sanzionata su iniziativa della Croazia”.

Alketbi ha anche affermato in una dichiarazione separata all’inizio di quest’anno di essersi offerto di acquistare l’intera società, non solo la quota di Sberbank. “Ho deciso di investire nell’azienda per la prima volta nell’ottobre 2022 perché credo nella forza e nelle potenzialità del Gruppo Fortenova.”

L’opinione ufficiale dell’UE e della Croazia secondo cui Fortenova ha ancora un proprietario russo è problematica per l’azienda, poiché crea un ostacolo al rifinanziamento che potrebbe spingere il gruppo al secondo default in meno di un decennio.

HPS Investment Partners, con sede negli Stati Uniti, ha accettato di sottoscrivere un pacchetto obbligazionario da 1,2 miliardi di euro a settembre per fornire un finanziamento ponte mentre la società tentava di risolvere il problema della proprietà. Tuttavia, Peruško ha avvertito che, a meno che la società non raggiunga un accordo di finanziamento a lungo termine entro la scadenza delle obbligazioni nel novembre 2024, potrebbe diventare priva di valore.