Mar. Lug 16th, 2024
Il conduttore televisivo anticonformista che sta fomentando l'estrema destra francese

Un modo per comprendere i tumulti e le tensioni politiche che hanno colpito la Francia odierna è guardare il presentatore televisivo e radiofonico Cyril Hanouna.

Il 49enne conduce uno spettacolo dal vivo chiamato Non ho toccato il mio post! (Non toccare il mio canale TV!) — un cocktail populista di chiassoso infotainment politico che attrae ogni giorno diversi milioni di spettatori e che i critici hanno accusato di rafforzare l'estrema destra.

Dietro questo show di successo c'è Vincent Bolloré, un miliardario magnate dei media che è diventato una figura alla Rupert Murdoch in Francia, promuovendo un programma conservatore in tutti i suoi media, tra cui il canale televisivo CNEWS, il quotidiano domenicale Journal du Dimanche e la radio Europe 1.

Hanouna, un tempo un personaggio simile a un giullare che aveva mosso i primi passi come comico, è diventato il braccio destro dell'impero di Bolloré, raggiungendo un pubblico più giovane e operaio che spesso non vota.

I politici accorrono in massa al suo programma per rivolgersi a quella fascia della popolazione in un contesto più informale e non convenzionale rispetto ai media tradizionali.

Vincent Bolloré è un devoto cattolico che controlla una vasta gamma di media francesi ©Alain Jocard/AFP/Getty Images

Lo spettacolo è uno specchio della società francese e non riguarda solo la politica. Su un set blu elettrico o giallo brillante, la carismatica Hanouna guida un coro di commentatori e ospiti che analizzano gli eventi del giorno, spesso concentrandosi su ciò che è di tendenza sui social media: crimini cruenti, una stretta sugli abiti di ispirazione musulmana nelle scuole o una celebrità coinvolta in un incidente d'auto mortale.

Ma quando il presidente Emmanuel Macron ha inaspettatamente indetto elezioni anticipate il mese scorso, Hanouna si è rivolta a un programma radiofonico quotidiano speciale a tema politico chiamato In marcia su testa (È andato tutto a rotoli).

Poco dopo, l'autorità di regolamentazione delle trasmissioni radiotelevisive francesi ha emesso un avviso ufficiale per parzialità: più della metà dei 29 politici intervistati apparteneva all'estrema destra, ha affermato, mentre la sinistra era “sistematicamente trattata in modo critico e virulento, spesso in termini dispregiativi e oltraggiosi”.

Quando Jordan Bardella, il capo del partito di estrema destra Rassemblement National, è entrato in campo, Hanouna gli ha fatto domande facili e hanno riso delle domande degli interlocutori. Al contrario, il conduttore ha ripetutamente interrotto Arthur Delaporte, un socialista in corsa per la rielezione, criticandolo per aver formato un'alleanza con l'estrema sinistra.

Il programma televisivo di Hanouna, che è andato in pausa estiva il mese scorso, ha anche messo in mostra l'estrema destra nel suo ultimo episodio, con Sarah Knafo — un politico del partito più piccolo ed estrema destra Reconquête (Riconquista) di Éric Zemmour — ed Eric Ciotti, il leader del partito conservatore Les Républicains, che era appena passato al partito di estrema destra Rassemblement National.

Knafo ha chiesto in diretta radiofonica una coalizione tra tutti loro e ha detto che spetterà a Bardella accettarla.

“Chiamiamolo subito”, ha detto Hanouna, prima di comporre il numero del leader della RN Bardella. Non ha risposto, ma Knafo gli ha lasciato un lungo messaggio vocale su come hanno un'”opportunità unica” di fare squadra.

Hanouna ha fatto una battuta sul lungo messaggio di Knafo, ma il momento aveva un sottotesto serio: il discorso era mirato a forgiare l'unione dei diritti (unione della destra), un sogno accarezzato da tempo da Bolloré e un esempio di come i suoi organi di informazione promuovano la sua visione del mondo.

Cattolico devoto e fervente sostenitore del capitalismo, Bolloré ha trasformato CNEWS in un canale 24 ore su 24 che esprime opinioni con connotazioni di destra, simile a Fox News.

In un segno dell'influenza di Bolloré, il leader di LR Ciotti si è consultato con lui il mese scorso prima della sua apertura verso il RN, secondo il quotidiano Le Monde. Ciotti è apparso in diversi canali di Bolloré per difendersi mentre i suoi ex colleghi di partito lo attaccavano definendolo un traditore.

Nell'ultimo programma televisivo di Hanouna prima della pausa estiva, il conduttore ha chiesto a Ciotti: “Allora, hai negoziato con Bardella per diventare ministro?” Ciotti ha dato una lunga e non-risposta.

Durante un'inchiesta parlamentare sulle licenze TV a marzo, i senatori di sinistra hanno accusato Hanouna di promuovere l'agenda politica di Bolloré e di dare un tempo di trasmissione sproporzionato a politici di estrema destra. Hanouna e Bolloré hanno negato qualsiasi parzialità.

Claire Sécail, un'accademica che ha studiato lo spettacolo di Hanouna per una critica libroha affermato che il programma ha contribuito alla polarizzazione della società, alimentando le controversie e incoraggiando gli scontri tra gli ospiti per aumentare gli ascolti.

Lo spettacolo “è una camera di risonanza populista”, ha detto Sécail. “Inizialmente pensi che Hanouna sia un pagliaccio, ma c'è un vero progetto politico dietro lo spettacolo, quello di Vincent Bolloré, che demonizza l'estrema sinistra per normalizzare l'estrema destra”.

Hanouna ha negato davanti al Senato che Bolloré esercitasse alcuna influenza sul suo show. “Vincent Bolloré non mi ha mai chiesto di invitare certe persone o di parlare di un argomento specifico. Mai!” ha detto.

Hanouna ha definito la sua missione come quella di dare voce a persone provenienti da contesti diversi, non solo alle élite parigine: ha affermato che nel suo spettacolo sono comparse donne che indossano il velo musulmano, una rarità nella TV francese, insieme a tassisti e vittime di reati.

Ha detto che allo show sono stati invitati politici di ogni genere, ma molti esponenti della sinistra e del centro hanno rifiutato.

Nel 2018, Hanouna è stato tra i primi padroni di casa ad invitare gilet gialli (gilet gialli) in TV, amplificando il movimento amorfo e populista innescato da una tassa sul carbonio della benzina, una politica controversa promulgata da Macron. Hanouna ha inizialmente ospitato un'ampia gamma di politici, anche dell'estrema sinistra.

Louis Boyard, parlamentare del LFI, a sinistra e conduttore televisivo Cyril Hanouna, a destra
La discussione “accesa” tra il parlamentare del LFI Louis Boyard, a sinistra, e il conduttore Cyril Hanouna che ha definito il politico uno “stronzo” © TPMP/C8/Dailymotion

Tale apertura è terminata nel 2022 quando Hanouna si è scontrato con Louis Boyardex commentatore di sinistra del suo programma televisivo, diventato deputato di La France Insoumise (LFI), il partito del militante anticapitalista Jean-Luc Mélenchon.

Quando Boyard insultò Bolloré, sostenendo che la società del magnate dei media saccheggiava le risorse dell'Africa, Hanouna replicò che il parlamentare di sinistra era uno “stronzo”, una “merda” e un “perdente”.

“Non mordo la mano che mi dà da mangiare e non dovresti farlo neanche tu”, ha detto Hanouna, in un apparente riferimento a Bolloré.

Arcom, l'ente francese di regolamentazione delle trasmissioni radiotelevisive, ha inflitto al canale una multa di 3,5 milioni di euro per l'incidente, affermando che aveva danneggiato la reputazione di Boyard e violato l'obbligo dell'emittente di controllare ciò che veniva trasmesso sulle sue onde radio.

Ulteriori violazioni, come il dare voce ai teorici della cospirazione, la ripetizione di fake news e il mancato rispetto del pluralismo, sono costate al canale di Bolloré un totale di 7,5 milioni di euro.

Il comico Yassine Bellatar, che in passato appariva nello show e un tempo considerava Hanouna un'amica, ha affermato che lo scontro con Boyard ha comportato l'invito di molti meno ospiti alla festa di Mélenchon.

“Non è più uno show in cui le persone esprimono le proprie opinioni”, ha detto Bellatar. “Cyril Hanouna è diventato il più grande sponsor dei personaggi dell'estrema destra”.

Bellatar ha anche criticato Hanouna, ebrea di origine tunisina, per aver “demonizzato la comunità musulmana in Francia” dopo l’attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre, oltre ad amplificare le critiche a LFI per il suo fermo sostegno ai palestinesi.

Hanouna ha rifiutato di commentare. Un dirigente della società Vivendi ha detto che era una “fantasia totale” pensare che Hanouna stesse eseguendo gli ordini di Bolloré, aggiungendo che “non c'è alcun progetto politico o ideologico. È un'iniziativa imprenditoriale”.

Christophe Barbier, un giornalista veterano che ha scritto un libro insieme ad Hanouna, ha affermato che il suo spettacolo “era un sintomo del malessere democratico che affligge la Francia oggi, non la sua causa”.

“La società francese non è più intrisa dello spirito sfumato di Voltaire, Hugo o Zola”, ha detto riferendosi al filosofo e agli scrittori emblematici della Francia. “È intrisa di Hanouna”.