Mar. Lug 16th, 2024
La nuova sinistra francese deve unirsi dietro una nuova visione

Sblocca gratuitamente l'Editor's Digest

Il 7 luglio, la Francia entrerà in una nuova era politica, indipendentemente dall'esito delle elezioni. O il Rassemblement National (RN) e i suoi alleati avranno abbastanza seggi per ottenere la maggioranza assoluta o, se un “Fronte Repubblicano” reinventato in fretta regge, sarà tenuto fuori dal potere per ora, ma non ci sarà una maggioranza coerente.

Se si dovesse realizzare il secondo scenario, il merito andrà alla sinistra che, nel giro di pochi giorni dall'indizione delle elezioni, è riuscita a unire l'intera schiera, dalla frangia populista al centro-sinistra, marginalizzando nel processo il veterano leader dell'estrema sinistra, Jean-Luc Mélenchon, una figura divisiva che è lo spaventapasseri preferito della destra.

Nessuno sa perché il presidente Emmanuel Macron abbia deciso di indire elezioni anticipate subito dopo la schiacciante sconfitta del suo partito alle elezioni europee. Ma una possibilità è che si sia trattato di una scommessa per la rinascita del suo marchio di “estremismo centrista”. Perché un processo di unificazione di una sinistra di ampio respiro, escludendo i suoi membri più sulfurei e includendo alcuni dell'ala sinistra della sua stessa coalizione, era apparentemente dietro l'angolo. E dall'altra parte, il RN sta silenziosamente abbandonando gli elementi pro-poveri del suo manifesto, trasformandosi in una forza politica più accettabile per le aziende che porta voti con la sua retorica autoritaria e xenofoba. Un'analisi del suo programma mostra che i perdenti sono per lo più i poveri, mentre i vincitori sono per lo più i ricchi. Con le elezioni presidenziali del 2027 in vista, il panorama politico francese si sta lentamente riorganizzando lungo il tradizionale asse sinistra-destra.

Qualunque cosa accada domenica, spetterà alla sinistra continuare a consolidare le proprie forze e offrire un'alternativa credibile alla RN. La piattaforma economica messa insieme da questa coalizione è stata criticata da molti economisti per essere irrealistica e dannosa, e certamente aveva la sua quota di idee contestabili. Ma questa critica non coglie il punto. La piattaforma è stata messa insieme in pochi giorni e con la sinistra molto improbabile che ottenesse una maggioranza assoluta non sarebbe mai stata implementata in pieno comunque, sebbene stabilisse importanti idee fondamentali. Il vero lavoro dovrebbe iniziare ora.

Sette anni di Macron ma anche cinque anni di presidente socialista François Hollande (sotto il quale è stato ministro dell'economia) hanno dimostrato che qualunque cosa i politici centristi, sempre intenti a dimostrare la loro ragionevolezza, continuino a offrire è ora una proposta perdente per la maggior parte degli elettori francesi. Nel 2022, sono stati in gran parte i più abbienti a votare per Macron e il suo partito. I poveri urbani e la classe media hanno votato per la sinistra, e i poveri rurali e la classe media per il RN. Nel 2024, anche i francesi più ricchi hanno iniziato a staccarsi per il RN.

Il progetto Macron è fallito perché, pur utilizzando il linguaggio della ragione e della competenza per giustificare le sue riforme come cambiamenti tecnocratici necessari e vantaggiosi per tutti, spesso queste non erano né supportate dalla scienza né particolarmente giuste.

Per fare solo un esempio, è ovvio che il sistema pensionistico francese ha bisogno di una riforma. È un miscuglio di regimi diversi, che porta a situazioni kafkiane per le persone che cambiano lavoro, e non è sostenibile nel lungo periodo. Ma la riforma delle pensioni di Macron non ha affrontato nessuno dei problemi strutturali (a differenza di un precedente tentativo abbandonato durante il suo primo mandato). È stata anche regressiva e alla fine ha avuto troppe esenzioni per risparmiare ingenti somme di denaro. Non c'è da stupirsi che abbia incontrato una massiccia opposizione.

Il rifiuto dei portabandiera liberaldemocratici non è un momento di eccezionalismo francese. Il Regno Unito ha ottenuto la Brexit, gli Stati Uniti Trump, l'Ungheria Orbán. Ovunque le élite politiche hanno ripetuto che la prosperità è dietro l'angolo se solo le persone stringono la cinghia un po' di più, mentre la disuguaglianza è aumentata e gli standard di vita sono rimasti stagnanti per quasi tutti tranne che per i molto ricchi. La fiducia nel governo è in costante calo nella maggior parte dei paesi OCSE da anni. Il recente declassamento del rating creditizio francese e la “scoperta” che le previsioni di entrate erano molto lontane, hanno reso fin troppo facile per la RN piantare l'ultimo chiodo nella bara dell'immagine di un governo Macron competente.

Nessuno crede più alle soluzioni “win win”. Per sostituire questa illusione, la RN offre un programma in cui perdono gli immigrati e i più poveri. Ciò è seducente per coloro che hanno poco e temono di perdere terreno. Per respingere questa visione oscura, una sinistra molto ampia deve inventarne un'altra. Una che combini produzione, ridistribuzione e protezione dell'ambiente; che promuova rispetto e dignità di tutte le persone; che abbia il coraggio di guidare la strada nei grandi progetti di cui la Francia, l'Europa e il mondo hanno bisogno. Principali tra questi: riforma fiscale, una giusta transizione verde e un modo per distribuire i guadagni della crescita in modo più equo a tutti.