Gio. Mag 23rd, 2024
Il controverso accordo UE sull’immigrazione con la Turchia è stato un buon investimento?

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno. La Camera di Commercio cinese presso l'UE ha attaccato quello che ha definito un “raid all'alba” da parte delle autorità della Commissione Europea contro un fornitore cinese di apparecchiature di sicurezza nei Paesi Bassi e in Polonia. Bruxelles ha affermato che la società “potrebbe aver ricevuto sussidi esteri che potrebbero distorcere il mercato interno”.

Oggi, Laura e il nostro corrispondente da Istanbul riferiscono di un audit del controverso accordo sulla migrazione tra l’UE e la Turchia. E il nostro corrispondente sul clima riferisce della richiesta finlandese di applicare meglio il divieto sul legno russo e di poter abbattere più alberi da soli.

Ritorno sull'investimento

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha condotto un duro affare quando ha negoziato un accordo sull’immigrazione da 6 miliardi di euro con l’UE circa otto anni fa.

Secondo la Corte dei conti europea Bruxelles ha realizzato solo in parte il suo valore, scrivere Laura Dubois E Adamo Sansone.

Contesto: nel 2016, la Turchia ha accettato di riprendere i rifugiati siriani che erano entrati in Europa in cambio di 6 miliardi di euro dal bilancio dell’UE, che hanno contribuito alla gestione delle frontiere ma anche all’assistenza sanitaria, all’istruzione e al trasferimento di denaro ai rifugiati in Turchia. I fondi sono stati integrati di 3 miliardi di euro nel 2021.

Sebbene il denaro abbia sostenuto i rifugiati e le comunità turche colpite, la Corte ha riscontrato che “la struttura avrebbe comunque potuto ottenere un maggiore rapporto qualità-prezzo e avrebbe potuto mostrare un impatto maggiore“, ha affermato Bettina Jakobsen, membro responsabile della Corte dei conti.

Ha affermato che l’attuazione di molti progetti è stata “ritardata in modo significativo” – alcuni fino al 2025 – e che il loro impatto spesso non è chiaro.

“La mancanza di volontà politica da parte delle autorità nazionali ha limitato l'impatto di alcune azioni della commissione”, ha aggiunto Jakobsen.

Il resoconto di oggi arriva mentre i rifugiati in Turchia – che ora ospita circa 3,2 milioni di siriani e più di 320.000 persone provenienti da Afghanistan, Iraq e Iran – affermano di aver ricevuto assistenza limitata o nulla dall’UE.

Diversi nuovi arrivati ​​a Van, una città vicino al confine turco-iraniano che ospita molti fuggiti dall’Afghanistan dopo la presa del potere dei talebani nel 2021, hanno detto al FT che facevano affidamento principalmente sul sostegno del governo turco.

Seduto in un bar, Mustafa ha ricordato come la sua famiglia di otto persone ha dovuto “vendere tutto” e fare un viaggio pericoloso in Turchia per sfuggire agli abusi e alle torture dei talebani.

La famiglia di Mustafa ora vive in una “casa molto, molto vecchia” a Van, che a malapena possono permettersi grazie agli aiuti dello Stato turco e al suo stipendio, inferiore al salario minimo. La sua famiglia non ha ricevuto alcuna assistenza attraverso i programmi dell'UE.

Rıdvan Canış, un assistente sociale, ha affermato che hanno operato con un “budget limitato”, in particolare dopo che il devastante terremoto dello scorso anno nel sud della Turchia ha creato un enorme bisogno di ulteriori aiuti.

Canış, la cui organizzazione offre consulenza e consulenza legale ai rifugiati, afferma che molti di loro hanno un accesso limitato ai benefici dell’UE e faticano a soddisfare i bisogni primari. “Abbiamo famiglie che non hanno scarpe ai piedi”, ha detto Canış.

Chart du jour: di nuovo in pista

L’attività economica nell’Eurozona è salita ai massimi da quasi un anno, indicando che l’economia è sulla buona strada per un “atterraggio morbido”.

Rivestire di legno!

La Finlandia vuole che l’UE spinga per una repressione globale sul legname russo. Ma vuole anche che la Commissione europea ritardi le norme sulla deforestazione per abbattere più alberi. scrive Alice Hancock.

Contesto: l’UE ha bloccato le importazioni di prodotti di legno russi, ma l’elusione di tali sanzioni è diffusa e diversi alleati europei non hanno ancora sanzionato il legname russo. Prima dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca, la Russia era il secondo maggiore fornitore di legname per l’UE dopo la Cina, con importazioni nel 2021 del valore di 4,6 milioni di dollari.

Sari Essayah, ministro finlandese dell'agricoltura e delle foreste, ha dichiarato: “Non capisco” perché altri paesi del G7 non abbiano bloccato le importazioni di legname segato dalle foreste russe, per lo più di proprietà statale. “Questo è qualcosa su cui dovremmo davvero andare avanti”.

Essayah ha anche affermato che Bruxelles deve ritardare la sua storica legge sulla deforestazione, che vieterà la vendita all’interno del blocco di prodotti come carne bovina, legno e gomma se collegati a terreni deforestati.

Sebbene la legge abbia ricevuto molte critiche da parte dei paesi al di fuori dell’UE, la Finlandia avverte che potrebbe avere un impatto anche sui produttori all’interno del blocco.

“La regolamentazione sulla deforestazione causa grattacapi a molti paesi”, ha affermato, aggiungendo che gli agricoltori finlandesi avevano paura di infrangere le regole. “La situazione è insostenibile”.

Anche altri Stati membri si stanno rendendo conto delle implicazioni della legge da loro approvata. A marzo, la maggioranza dei ministri dell’Agricoltura dell’UE ha chiesto la sospensione del regolamento, ma finora senza conseguenze.

Un gruppo di ONG, organismi industriali e Stati membri si riuniranno oggi a Bruxelles per discuterne l’attuazione.

Ma un alto funzionario dell’UE ha affermato che finora la commissione ha “mantenuto ferme” sulla sua tabella di marcia.

Cosa guardare oggi

  1. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ospita a Berlino il primo ministro britannico Rishi Sunak.

  2. Il Parlamento europeo festeggia 20° anniversario dell’allargamento dell’UE del 2004.

Ora leggi questi