Mar. Giu 18th, 2024
Il futuro post-elettorale dell’Ue

Bentornato. Le elezioni del Parlamento europeo di questa settimana si sono svolte in un contesto internazionale più minaccioso che mai dalla fine della guerra fredda. Quali dovrebbero essere le priorità dell’Europa nei cinque anni fino alle prossime elezioni europee del 2029? Sono a [email protected].

Innanzitutto, i risultati del sondaggio della scorsa settimana. Alla domanda se i partiti di centrodestra dell'UE debbano stringere un patto con il premier italiano Giorgia Meloni, il 47% di voi ha detto sì, il 43% ha detto no e l'11% è stato indeciso. Grazie per aver votato!

Una discesa nel quasi-caos

I risultati delle elezioni, che si terranno nei 27 Stati membri dell'UE, inizieranno ad arrivare domenica sera. Nel frattempo, commentatori esperti concordano sul fatto che le prospettive suscitano serie preoccupazioni.

Martin Wolf del FT, invertendo la retorica di Martin Luther King alla marcia su Washington del 1963, ha iniziato questa settimana un articolo:

“Ho un incubo.”

Erik Nielsen, consulente economico capo globale di UniCredit, la banca italiana, afferma:

“Gli ultimi cinque-otto anni sono stati un pendio scivoloso, e gli ultimi due anni hanno visto una discesa così rapida nel quasi caos geopolitico che nessuno può nutrire alcuna speranza di un ritorno agli anni d’oro della globalizzazione”.

Mujtaba Rahman, amministratore delegato per l'Europa presso la società di consulenza Eurasia Group, aggiunge:

“Sostenere che l’Europa si trova in un momento di massima insicurezza è un eufemismo. . . La geopolitica è tornata con forza e influenzerà le priorità politiche ed economiche dell’UE nei prossimi cinque anni”.

Alcuni rischi sono chiari. La Russia potrebbe sconfiggere l’Ucraina. Donald Trump potrebbe tornare presidente degli Stati Uniti. Le relazioni con la Cina potrebbero deteriorarsi ulteriormente. In Europa, la disunità politica e le minacce alla democrazia potrebbero aumentare.

Infine, è facile immaginare una risposta inadeguata al cambiamento climatico e l’incapacità di arrestare o invertire l’erosione della competitività aziendale e dell’influenza economica globale dell’Europa.

La recente siccità in Spagna è una finestra sul futuro del blocco, poiché il cambiamento climatico rende più probabili eventi meteorologici estremi ©AFP tramite Getty Images

Aspettare l'inaspettato

A questi problemi ben noti, ne aggiungerei un altro: la probabilità che, nei prossimi cinque anni, l’UE si trovi ad affrontare almeno un’emergenza su vasta scala, al momento impossibile da prevedere.

Cosa potrebbe essere? Qualcosa derivante dall’uso improprio dell’intelligenza artificiale? Un attacco che coinvolge un'arma nucleare? Il crollo di una democrazia consolidata – o di una dittatura ostile all’Occidente?

Non lo sappiamo. Ma ripensiamo a quanto accaduto dopo le elezioni del Parlamento europeo del 2009, 2014 e 2019.

Chi nel 2009 aveva previsto che l’Eurozona sarebbe precipitata nella madre di tutte le crisi del debito sovrano e del settore bancario?

Chi nel 2014 aveva previsto la Brexit, la vittoria elettorale di Donald Trump e una vasta crisi di rifugiati e migranti ai confini dell’Europa?

Chi nel 2019 ci ha avvertito della pandemia di Covid-19 o dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia?

In ogni caso, c’erano alcune voci preveggenti: ad esempio, politici e analisti dell’Europa centrale e orientale hanno parlato della crescente minaccia rappresentata dalla Russia di Vladimir Putin. Ma nel complesso, la lezione è che accade sempre l’inaspettato.

Un test per l’UE sarà il modo in cui i suoi leader – alcuni già in carica, altri che saranno nominati nei mesi successivi alle elezioni di questa settimana – risponderanno agli imprevisti.

Relativo declino dell’Europa

Lo sfondo dei nostri tempi inquietanti è il declino del peso politico ed economico dell’Europa, e in una certa misura delle democrazie occidentali nel loro insieme, rispetto al resto del mondo.

Questo è il tema di un nuovo libro, L’assenza di occidente: il grande riequilibrio globaledi Samir Puri, studioso ed ex diplomatico britannico che ha scritto uno studio apprezzato sulle eredità mondiali dell’imperialismo occidentale.

Hugo Dixon, scrivendo per Reuters Breakingviews, coglie gli aspetti economici di questo declino:

“Nel 1992, l’UE era un gigante geoeconomico. Con il 29% della produzione globale e una forte posizione nelle tecnologie leader, potrebbe stabilire molti standard mondiali.

“Nel 2022, la quota del blocco della produzione mondiale si era ridotta solo al 17%, mentre la quota degli Stati Uniti era stabile al 25% nello stesso periodo. Inoltre, l’UE conta ora solo quattro delle 50 principali aziende tecnologiche del mondo”.

Rilancio economico

Una priorità per l’UE, quindi, è la ripresa economica. Jean-Dominique Giuliani della Fondazione Robert Schuman, un think tank con sede a Parigi e Bruxelles, espone il problema:

“. . . il divario economico con i due grandi Stati-continente, Stati Uniti e Cina, significa che dobbiamo rompere con le tradizionali politiche di bilancio e monetarie. Queste transizioni richiedono l’assunzione di rischi, ingenti investimenti ad alta intensità di capitale e, possibilmente, prestiti per il bene della crescita”.

Tuttavia, aggiunge:

“Un problema quasi filosofico affligge gli europei: preferiscono la regolamentazione e la costrizione alla libertà e agli incentivi”.

UN messaggio simile proviene dalla Tavola Rotonda Europea per l'Industria, che riunisce amministratori delegati e presidenti di 60 principali aziende europee:

“[Europe] è rimasto indietro nella costruzione di infrastrutture chiave e ha creato un contesto normativo privo di coerenza e incentivi per gli investimenti”.

Questi leader aziendali sostengono l’incoraggiamento degli investimenti nell’alta tecnologia, l’approfondimento del mercato unico dell’UE e la semplificazione del quadro normativo del blocco.

Dove sono i soldi?

Tali prescrizioni non sono certo una novità. Ma nei prossimi cinque anni si profilano due ostacoli sul loro cammino.

Il primo è che Francia e Germania, sotto la loro attuale leadership, non sono d’accordo sulla via da seguire – una questione evidenziata in due recenti articoli del FT di Adam Tooze e Sylvie Kauffmann.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto il raddoppio del bilancio dell’UE e l’investimento di centinaia di miliardi di euro ogni anno in nuove tecnologie, difesa e decarbonizzazione dell’economia europea.

Nella coalizione tripartita al potere in Germania, tuttavia, il ministro delle finanze Christian Lindner e i suoi alleati si oppongono a un’emissione di debito comune da parte dell’UE, simile al fondo di ripresa post-pandemia del blocco.

Questa differenza di opinioni è collegata al secondo problema: da dove arriveranno i soldi per una rinascita economica europea?

In questa analisi approfondita per il Centro per gli Studi Strategici e Internazionali, Max Bergmann e Federico Steinberg spiegano che l'UE potrebbe aumentare la spesa in tre modi: maggiori contributi nazionali al bilancio del blocco, più debito comune e nuove tasse europee.

Ma avvertono: “Mentre c’è uno slancio per una maggiore spesa dell’UE, c’è anche una forte resistenza all’interno dell’UE allo sviluppo delle capacità fiscali del blocco. . . in particolare nei paesi più ricchi del Nord Europa”.

Un'altra difficoltà è rappresentata dalle nuove regole fiscali concordate dall'UE limitare la capacità dei governi nazionali a spendere di più in difesa, tecnologia e politiche verdi – almeno, se vogliono mantenere la spesa in settori come l’istruzione, l’edilizia abitativa, i trasporti e il welfare ai livelli attuali o vicini a quelli attuali.

Spese per la difesa inadeguate

La spesa per la difesa costituisce una preoccupazione particolare. Come mostra il grafico sottostante, la spesa militare europea è aumentata negli ultimi anni, ma rappresenta ancora una piccola frazione della spesa per la difesa mondiale.

Per massimizzare l'efficienza dei programmi di difesa dell'UE, si parla di creare la carica di commissario alla difesa nella prossima Commissione europea. Ma, come commenta Giles Merrittil lavoro dovrebbe avere ampi poteri per essere di qualche utilità:

“Il settore della difesa europeo è un campo minato politico in cui i campioni nazionali rivali degli Stati membri collaborano su alcuni progetti e sono concorrenti spietati in altri”.

Non avrebbe senso includere il Regno Unito, una delle principali potenze militari europee, in uno sforzo di difesa rivitalizzato?

Una questione correlata è quella dell’allargamento dell’UE all’Europa orientale e sudorientale. Anche questo costerà denaro, oltre a richiedere un’ampia riorganizzazione delle procedure di voto dell’UE e di altri accordi istituzionali.

Ma alcuni governi, come la nuova coalizione in corso Paesi Bassisono sotto il controllo di forze politiche diffidenti nei confronti dell’allargamento se dovesse comportare maggiori contributi al bilancio dell’UE.

Scelte difficili attendono l’UE se si vuole che l’allargamento progredisca nei prossimi cinque anni.

Sicurezza e migrazione

L’UE pensa alla sicurezza non solo nel senso tradizionale di forti difese contro stati potenzialmente aggressivi, ma in termini di frontiere strettamente controllate contro l’immigrazione irregolare.

Questa questione preoccuperà sicuramente i politici dell’UE nei prossimi cinque anni, come ha fatto dal 2014, un decennio in cui quasi 30.000 persone sono morti o scomparsi nel Mediterraneo, secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni.

I prossimi anni dimostreranno se le nuove norme sull’asilo dell’UE e i suoi sforzi per limitare la migrazione organizzando pacchetti di aiuti multimiliardari per paesi come Egitto, Mauritania e Tunisia funzioneranno.

Luigi Scazzieri del think tank Center for European Reform è tra coloro che dubitano che le misure saranno sufficienti.

Tutto sommato, si prospettano cinque anni difficili. Forse è di conforto che la recente storia storica dimostri che l’UE può superare i momenti difficili, purché faccia appello alla volontà politica.

Maggiori informazioni su questo argomento

Rendere la sicurezza economica europea una realtà: a carta di François Godement per l'Institut Montaigne di Parigi

Le scelte della settimana di Tony

Una serie di attacchi legati agli elefanti in un parco nazionale del Malawi sta evidenziando le tensioni tra ambientalisti internazionali e popolazioni locali che vivono a fianco della fauna selvatica, riferisce David Pilling del FT

Il Regno Unito ci sta provando rafforzare le sue relazioni con i paesi dell’Asia centrale in risposta all'influenza della Cina nella regione e all'attacco della Russia all'Ucraina, Mehmet Fatih Oztarsu scrive per il Central Asia-Caucasus Analyst