Gio. Mag 23rd, 2024
Il governo francese cerca di acquistare asset chiave da Atos

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il governo francese ha proposto di acquistare asset chiave di Atos, la società tecnologica fortemente indebitata, perché Parigi vuole mantenerli in mano nazionale.

Lo Stato vuole acquistare tre parti strategiche di Atos: supercalcolatori per l'informatica quantistica, che vengono utilizzati dall'esercito francese per il programma di armi nucleari del paese; tecnologia di comunicazione sicura utilizzata anche dai militari; e alcune risorse di sicurezza informatica.

A Parigi, tra le preoccupazioni che gli investitori stranieri, compresi gli hedge fund, possano acquisire il controllo di Atos in un'imminente ristrutturazione del suo debito di 3,9 miliardi di euro, il ministro delle Finanze Bruno Le Maire ha dichiarato domenica che lo Stato ha inviato una lettera di intenti non vincolante a Parigi. la società francese sull'acquisto dei beni.

“Ci sono asset sovrani in Atos che devono rimanere sotto il controllo esclusivo della Francia”, ha detto Le Maire al canale di notizie LCI. “Abbiamo segnalato il nostro interesse ad acquisire tutti gli asset strategici di Atos”.

La lettera di intenti del governo è stata fatta tramite l'APE, un'agenzia che gestisce le partecipazioni dello Stato francese in società tra cui l'utility EDF e il gruppo di telecomunicazioni Orange.

Atos, presieduta dall'ex capo di UniCredit Jean Pierre Mustier, ha rifiutato di commentare.

Il governo francese è rimasto fuori dalle turbolenze di Atos, poiché la società ha cambiato diversi amministratori delegati e ha compiuto diverse inversioni di marcia strategiche negli ultimi tre anni.

Ma con il peggioramento della posizione finanziaria di Atos, all'inizio di aprile lo Stato ha annunciato che avrebbe concesso un prestito a breve termine di 50 milioni di euro e creato un sistema di “golden share” per gli asset sensibili dell'azienda, che consentirebbe ai ministri di bloccare qualsiasi acquisizione non approvata. .

Gli asset che il governo proponeva di acquistare generavano circa 900 milioni di euro di entrate annuali e impiegavano 4.000 persone, ha detto un funzionario del ministero dell’Economia.

Ciò rappresenta meno del 10% delle vendite di Atos nel 2023 e il 4% della forza lavoro totale.

La proposta del governo francese non è una nazionalizzazione forzata, ha spiegato il funzionario del ministero dell'Economia.

Lo Stato sta cercando di avviare trattative con Atos prima di presentare potenzialmente un’offerta definitiva entro giugno, hanno aggiunto.

Le Maire ha detto che il governo cercherà di convincere i gruppi industriali francesi a unirsi alla sua offerta in un consorzio.

“Vedremo quali altri attori potrebbero voler partecipare: saranno solo gruppi francesi in settori strategici come la difesa o l'aerospaziale”, ha detto Le Maire.

Dassault Aviation, il produttore francese di aerei da combattimento Rafale, ha precedentemente espresso interesse per alcuni asset di Atos, secondo persone informate della situazione.

Thales, il gruppo francese di elettronica per la difesa, sarebbe un altro potenziale partecipante a cui lo Stato potrebbe arruolarsi.

Thales ha rifiutato di commentare, mentre Dassault non ha risposto.

Atos ha avuto diversi colloqui falliti con individui e aziende interessati ad acquistare alcuni dei suoi asset, poiché il gruppo ha cercato di raccogliere liquidità per ridurre il carico del debito.

Tra questi figurano il miliardario ceco Daniel Křetínský e Airbus.

Atos ha chiesto entro venerdì proposte ai principali azionisti e creditori con l'obiettivo di ridurre il proprio debito di almeno 2,4 miliardi di euro. Potrebbero essere necessari 1,2 miliardi di euro di nuovo capitale proprio e debito.