Ven. Mag 24th, 2024
La guerra dei pacchi sta per iniziare

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Domanda: cosa hanno in comune il fentanil, il fast fashion, l’elusione tariffaria e la frode doganale? Risposta: vengono usati come scusa per imporre tariffe sui pacchi importati di basso valore.

La maggior parte dei paesi esenta tali importazioni dai dazi. Questa clemenza è spesso accompagnata da una significativa riduzione degli oneri amministrativi per gli importatori.

La cosiddetta soglia de minimis varia da paese a paese: quella del Regno Unito è di 135 sterline, quella dell’UE è di 150 euro e quella degli Stati Uniti è piuttosto alta di 800 dollari.

Questo grafico Economia di Copenaghen fornisce un'utile panoramica comparativa:

In pratica, ciò significa che se un inglese acquista un abito da 20 sterline da un noto sito di moda a basso costo e viene spedito dalla Cina, l’abito non sarà soggetto alla normale tariffa del 20%.

Perché i paesi fanno questo?

La giustificazione politica del “comunicato stampa governativo” è che le elevate soglie tariffarie de minimis rendono più facile per le piccole imprese commerciare a livello internazionale. Le soglie de minimis sono promosse, in quanto tali, da organizzazioni come l'Organizzazione mondiale delle dogane e l'OCSE.

Il vero motivo è che la riscossione delle tariffe sulle spedizioni di basso valore, solitamente piccoli pacchi, è costosa e impegnativa dal punto di vista amministrativo. Una volta compensati tali costi, non è ovvio che l’applicazione delle tariffe aumenterebbe le entrate.

Ma i tempi stanno cambiando.

La soglia tariffaria de minimis degli Stati Uniti – ancora una volta, certamente alta – è oggetto di attacchi politici da diverse direzioni.

La scorsa settimana è stata informata la rappresentante commerciale degli Stati Uniti Katherine Tai membri del comitato House Ways & Means che la politica degli Stati Uniti stava aiutando le aziende cinesi a sminuire i loro concorrenti americani.

Alcuni politici statunitensi, come Il senatore dell'Ohio Sherrod Brownsostengono che la soglia de minimis facilita l'evasione fiscale e l'importazione di droghe illegali:

Funziona così: queste aziende dividono le spedizioni in tanti piccoli pacchi per eludere i dazi dovuti, e i trafficanti di droga inviano farmaci mortali come il fentanil nel nostro paese senza essere scoperti, perché questi pacchi più piccoli non devono andare attraverso screening e sopralluoghi.

Lo è anche l’ex capo del commercio di Trump, Robert Lighthizer non un fan:

Nessuno sognava che ciò potesse mai accadere. Adesso arrivano pacchi, 2 milioni di pacchi al giorno, quasi tutti dalla Cina. Non abbiamo idea di cosa contengano. Non sappiamo davvero quale sia il valore.

Sono istintivamente scettico su alcuni degli argomenti qui. Sono sicuro che Alcuni i prodotti illeciti si stanno facendo strada negli Stati Uniti, ma la mia regola pratica è che se un politico chiede dazi, di solito è perché un elettore nazionale che ha una certa influenza sul voto delle persone per quel politico sta chiedendo loro di chiedere tariffe.

Nello specifico, per quanto riguarda il problema del fentanil, esiste una barriera più grande. COME sostenuto da Deborah Elms, responsabile della politica commerciale presso la Fondazione Hinrich, le forze di frontiera statunitensi semplicemente non hanno la capacità di controllare adeguatamente tutti i pacchi che entrano nel paese. Rimuovere o ridurre la soglia de minimis non risolverebbe questo problema.

In ogni caso, il Congresso sta attualmente discutendo a conto ciò eliminerebbe il trattamento de minimis dai beni cinesi soggetti all’era Trump Tariffe sezione 301.

E mentre gli Stati Uniti pontificano, l’UE è sulla buona strada per legiferare.

Nel maggio 2023, la Commissione Europea ha proposto a fascia di cambiamenti alle norme doganali dell’UE. Tra questi, seguendo le raccomandazioni del cosiddetto “gruppo di saggi” (nota: questo non è particolarmente rilevante, penso solo che sia divertente che questo gruppo di saggi sia continuamente menzionato nei documenti della Commissione Valutazione di impatto), è una proposta volta ad abolire la soglia de minimis di 150 euro fissata dall'UE. Tale cambiamento sarebbe in linea con la rimozione, nel 2021, di un’analoga esenzione IVA sulle importazioni di basso valore.

Perché?

Ebbene, il motivo ufficiale è proteggersi dalle frodi. Lo sottolinea la Commissione una nota di studio del 2016 leggermente datata (che si è concentrato specificamente sull’evasione dell’IVA, non sulle tariffe) che rileva che il 65% delle spedizioni e-commerce sono sottovalutate.

Ma il vero motivo (imo) è che la Commissione vorrebbe raccogliere più fondi.

Per chi non lo sapesse, i dazi doganali sono considerati una “risorsa propria” dell’UE, il che significa che il denaro appartiene all’UE piuttosto che agli Stati membri. In pratica, il 75% delle entrate doganali spetta all’UE, mentre gli Stati membri possono trattenere il 25% per coprire i costi amministrativi. Nel 2022, All’UE sono andati 25 miliardi di euro di dazi doganali; circa il 10% del fatturato totale.

E in un mondo post-Covid, post-UE con prestiti centralizzati… ogni euro conta. La Commissione stima che l’eliminazione dell’esenzione de minimis di 150 euro comporterebbe un ulteriore aumento 1 miliardo di euro all’anno:

Ma aspetta, non c'è un presupposto generale (come all'inizio di questo pezzo) che le tariffe sulle spedizioni di basso valore non raccolgono necessariamente molto denaro? Qui ci sono due cose da notare:

  1. Il costo della riscossione delle entrate tariffarie è sostenuto dallo Stato membro, ma le entrate tariffarie vanno all’UE (o almeno il 75% di esse). Ciò significa che si potrebbe plausibilmente avere una situazione in cui il costo della riscossione è maggiore delle entrate tariffarie riscosse, ma fa comunque guadagnare all’UE (come istituzione centrale).

  2. Come ha fatto con l’IVA sulle importazioni, l’UE sta pianificando di trasferire i costi di riscossione sulle grandi piattaforme Internet di e-commerce facendo sì che si assumano la responsabilità di riscuotere le entrate tariffarie dai venditori che le utilizzano:

Quindi sì, a meno che la proposta non cambi molto nel corso del prossimo anno, lo shopping online in Europa (e forse negli Stati Uniti) sembra destinato a diventare più costoso. Perché alla fine — quanto è utile diagramma di flusso di Erica York di Cato stabilisce: sappiamo tutti chi finisce per pagare le tariffe…