Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Solo pochi anni dopo che il partito pro-unità irlandese Sinn Féin si è liberato della sua immagine di paria politico ed è entrato nel mainstream politico, la sua leader Mary Lou McDonald punta al potere attraverso le elezioni generali che probabilmente si terranno questo autunno.

Un tempo evitato portavoce dei paramilitari dell’esercito repubblicano irlandese, il Sinn Féin è diventato il partito più popolare in Irlanda, in gran parte grazie a McDonald e alla sua attenzione nel risolvere una crisi abitativa cronica piuttosto che sull’impegno centrale del partito di riunificare l’isola dopo un secolo di spartizione. .

“Cosa farebbe un governo del Sinn Féin?” ha detto al MagicTech in vista delle elezioni previste quest’anno. “Costruiremo case”.

I due partiti tradizionali del paese, Fianna Fáil e Fine Gael, che attualmente governano in coalizione con il partito dei Verdi, predicano la sicurezza nella continuità. McDonald offre il contrario.

“Il pericolo per l’Irlanda non è il cambiamento”, ha detto. “Il pericolo è l’inerzia”.

Mary Lou McDonald a Belfast
Mary Lou McDonald a Belfast, Irlanda del Nord, a dicembre © Charles McQuillan/Getty Images

McDonald, 54 anni, è un oratore carismatico e abile, non contaminato da legami con l’IRA nel conflitto dei Troubles dell’Irlanda del Nord. Il dublinese della classe media ha indirizzato il partito tradizionalmente di sinistra verso il centro politico e sta corteggiando gli imprenditori per ampliare il suo appeal.

Dopo i risultati disastrosi alle elezioni locali ed europee del 2019, quando ha perso metà dei suoi seggi nel consiglio e due dei suoi tre eurodeputati, ha compiuto una svolta storica nelle elezioni generali del 2020, arrivando secondo per un seggio.

Da allora, lo Sinn Féin si è costantemente classificato al primo posto nei sondaggi d’opinione, ottenendo il più grande sostegno di qualsiasi partito in tutta l’Irlanda e in tutte le fasce d’età, esclusi gli over 65. Il partito è ora anche il più grande dell’Irlanda del Nord. Nelle elezioni dell’Irlanda del Nord del 2022, lo Sinn Féin ha vinto il maggior numero di seggi nell’assemblea Stormont di Belfast, la prima volta che un partito nazionalista irlandese lo ha fatto.

Ma la sfiducia è profonda. Lo Sinn Féin ha lottato per far crescere la propria base nella Repubblica irlandese oltre un terzo dell’elettorato. Per alcune imprese ed elettori, la prospettiva di un taoiseach (primo ministro) di un partito così strettamente legato a tre decenni di violenza in Irlanda del Nord è troppo da digerire.

Altri sono delusi dall’ossessione del partito per la segretezza e dalla sua propensione ad azioni legali contro le voci critiche nei media.

Recentemente lo Sinn Féin ha incontrato dei dossi stradali. Pur essendo ancora davanti a Fianna Fáil e Fine Gael, ha perso slancio da luglio 2022, secondo l’Irish Polling Indicator compilato dall’Università di Leiden e dall’UCD di Dublino.

Ha scommesso su un voto di sfiducia nei confronti del ministro della Giustizia dopo le rivolte scoppiate a Dublino lo scorso novembre, scatenate da attivisti di estrema destra. Lo Sinn Féin ha perso, e il voto ha spinto il Fine Gael, il partito del Taoiseach Leo Varadkar, a mandare in onda un video di cinque minuti che evidenziava i presunti “collegamenti con la criminalità” dello Sinn Féin che, secondo lui, avrebbero squalificato McDonald dalla carica di premier.

Il video la mostrava con un ex consigliere dello Sinn Féin condannato per aver facilitato un omicidio nella malavita di Dublino. McDonald era imperturbabile.

“Darò credito alle persone che hanno più ‘poliziotto’ [common sense] piuttosto che vedere le loro intenzioni di voto modellate da un pezzo di successo come quello”, ha detto nel suo ufficio al Dáil, il parlamento irlandese, con un grande tricolore irlandese in mostra.

I prossimi mesi vedranno il partito intensificare i suoi sforzi per convincere gli scettici. “Anche per coloro che non voterebbero per lo Sinn Féin, sono molto consapevole che, come minimo, devono avere la sensazione che siamo fiduciosi, che siamo responsabili”, ha detto McDonald.

McDonald ha indirizzato il partito tradizionalmente di sinistra verso il centro politico © Paulo Nunes dos Santos/FT

I sondaggi mostrano che insieme, Fianna Fáil e Fine Gael possono ancora raccogliere più voti del Sinn Féin. Ma molti giovani elettori ritengono che i partiti tradizionali siano diventati compiacenti; Fine Gael è al governo dal 2011.

“L’opzione migliore . . . perché un governo di cambiamento sarebbe un governo senza Fianna Fáil e Fine Gael per la prima volta dalla fondazione dello Stato”, ha affermato McDonald.

“Ma ho anche detto. . . che quando si contano i voti. . . Andrò a parlare con tutti perché questa è la cosa democratica da fare”.

La riunificazione irlandese rimane la ragion d’essere del partito. Poco più di un secolo dopo la spartizione del 1921, il Sinn Féin vuole riformulare il paese come “una questione di opportunità” e procedere con un voto sulla questione entro un decennio.

I sondaggi mostrano che la maggioranza in Irlanda aspira alla riunificazione, ma in Irlanda del Nord la maggior parte vuole ancora restare nel Regno Unito. McDonald non si lascia intimorire: Dublino deve sostenere l’unità e iniziare a preparare il terreno, soprattutto per articolare “la grande vittoria economica”.

“Non si tratta di vincitori e vinti”, ha detto, insistendo che la pianificazione debba iniziare per una transizione “ordinata, democratica e pacifica” verso una nuova Irlanda che accolga gli unionisti filo-britannici. Il semplice fatto di “scatenarsi” nell’Irlanda del Nord sarebbe “un’occasione davvero, davvero persa”, ha detto.

Ha previsto un servizio sanitario congiunto ispirato al servizio sanitario nazionale del Regno Unito, ma ha escluso di cambiare la bandiera irlandese o di spostare la capitale da Dublino. McDonald ha anche detto che non si sarebbe dimessa se non avesse vinto le elezioni generali irlandesi.

Ma con le casse statali irlandesi piene di ingenti entrate fiscali sulle società, mantenere il suo programma nel caso in cui dovesse guidare il prossimo governo “non è affatto un quadro desolante”.

“Stiamo parlando di cambiamento in un ambiente in cui lo Stato ha molte risorse da impiegare”, ha detto McDonald.

Ma prima “il nostro compito è convincere coloro che . . . respingere uno scenario in cui un’intera generazione è esclusa dalla proprietà della casa, in cui gli affitti sono pazzeschi. . . ad avere fiducia in noi come agenti del cambiamento”.