Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde ha spronato gli investitori ad aumentare le scommesse sui primi tagli dei tassi questa settimana, affermando che la crescita dei salari stava mostrando segni di raffreddamento, causando un calo dell’euro e dei rendimenti obbligazionari. Ma gli economisti avvertono che i decisori dei tassi hanno ancora bisogno di dati concreti per confermare l’impatto sull’inflazione prima di agire.

Il grande timore di tutte le banche centrali dall’inizio dell’impennata dell’inflazione è stato che le richieste dei lavoratori di salari più alti per mantenere il loro tenore di vita avrebbero alimentato persistenti aumenti dei prezzi.

Nell’UE i salari sono aumentati più lentamente che negli Stati Uniti o nel Regno Unito, perché molti lavoratori sono coperti da accordi salariali settoriali che durano diversi anni e richiedono tempo per essere rinegoziati.

Ma nel terzo trimestre dello scorso anno l’effetto era chiaro: il monitoraggio in tempo reale dei salari negoziati della Bce mostrava che la crescita annuale delle retribuzioni aveva raggiunto il 4,7%, il ritmo più veloce nella storia dell’area della moneta unica. Ciò si confronta con una crescita salariale annua del 4,1% negli Stati Uniti e del 6,5% nel Regno Unito, secondo gli ultimi dati.

Lagarde ha dichiarato giovedì alla conferenza stampa della BCE che la retribuzione del 40% dei dipendenti coperti dal suo sistema di monitoraggio dei salari è “ancora da determinare” perché è coperta da contratti collettivi in ​​scadenza a dicembre e nel primo trimestre del 2024.

Ciò significa che nei prossimi mesi la BCE riceverà informazioni cruciali sull’entità delle pressioni inflazionistiche sottostanti.

I commenti di Lagarde suggeriscono che la BCE è cautamente ottimista riguardo a uno scenario favorevole in cui i salari crescono più lentamente, a un ritmo che consenta ai lavoratori di ripristinare il proprio tenore di vita, mentre le aziende subiscono un colpo sui profitti piuttosto che trasferire i costi sui consumatori.

Il sistema di monitoraggio salariale interno della banca centrale suggerisce che la crescita salariale si è stabilizzata nelle ultime settimane poiché i posti di lavoro vacanti sono diminuiti, ha affermato Lagarde. “Stiamo assistendo a un leggero calo, quindi dal nostro punto di vista la direzione è positiva.”

Secondo un’indagine della BCE condotta su 70 società non finanziarie, la crescita salariale dovrebbe rallentare dal 5,3% circa dell’anno scorso al 4,4% quest’anno. pubblicato venerdì, secondo cui “un numero crescente” stava progettando di tagliare posti di lavoro. La banca ha affermato che la crescita salariale del 3% è coerente con l’inflazione in linea con il suo obiettivo del 2%.

Nel frattempo, l’ipotesi della BCE secondo cui gli aumenti salariali sarebbero stati assorbiti dai margini delle aziende era “esattamente ciò che abbiamo visto”, ha detto Lagarde, aggiungendo: “C’è un fenomeno di recupero da parte dei dipendenti. È anche uno dei motivi per cui prevediamo un aumento della crescita e un inizio di ripresa nel corso del 2024, a causa dell’aumento dei salari mentre l’inflazione scende”.

“Non sono preoccupato per quello che vedo nei salari”, ha detto un membro del consiglio direttivo della BCE al MagicTech dopo la riunione di giovedì, quando la banca centrale ha mantenuto i tassi al livello record del 4%. “Ma non dobbiamo avere fretta, dobbiamo essere cauti e dare un giudizio sulla base dei dati che verranno fuori”.

I politici hanno espresso opinioni divergenti su quanto saranno importanti i dati sulla crescita dei salari trimestrali al momento di decidere quando tagliare i tassi di interesse.

I dati sulla crescita dei salari dell’Eurozona nel primo trimestre saranno pubblicati poco dopo la riunione della BCE di aprile, suggerendo che il voto di giugno potrebbe essere il primo possibile taglio dei tassi. Philip Lane, capo economista della BCE, sembra segnalarlo affermando di recente: “Entro la nostra riunione di giugno, avremo questi dati importanti”.

Tuttavia, Lagarde ha minimizzato la necessità di attendere i dati salariali del primo trimestre per avere fiducia che l’inflazione sia stata domata. “Osserviamo tutta una serie di dati, non ci concentriamo solo sui salari”, ha affermato. “Quindi non trarrei alcuna conclusione da una data di pubblicazione.”

Cristina Lagarde
La presidente della BCE Christine Lagarde parla alla stampa dopo la riunione di politica monetaria del Consiglio direttivo di giovedì © Kai Pfaffenbach/Reuters

Oltre a monitorare gli sviluppi salariali in tempo reale, i politici terranno d’occhio i profitti aziendali, l’inflazione del settore dei servizi, i prezzi dell’energia in continua evoluzione e le decisioni fiscali sulla revoca del sostegno alle bollette energetiche delle famiglie, ha osservato Lagarde.

Tuttavia, gli economisti hanno affermato che, data l’enfasi che la BCE ha posto sull’importanza dei salari, è probabile che i suoi decisori dei tassi vogliano vedere i dati trimestrali prima di essere abbastanza sicuri da allentare la politica.

“Si stanno chiaramente preparando ad un taglio dei tassi”, ha detto Dirk Schumacher, ex economista della BCE ora presso la banca francese Natixis. “Il mercato sta scontando un taglio ad aprile, ma la BCE non avrà i dati salariali che desidera per allora, quindi penso che l’economia abbia davvero bisogno di farsi carico di un taglio prima di giugno”.

Ci sono ancora segnali che i sindacati stanno spingendo per grandi aumenti salariali, inclusa la richiesta in Germania di un aumento salariale di 500 euro al mese per quasi 1 milione di lavoratori edili del paese. Ciò equivale ad un vistoso aumento salariale del 21% per la maggioranza meno pagata del settore, anche se i sindacati tedeschi spesso accettano circa la metà di quello che chiedono.

Esiste anche la preoccupazione persistente che le aziende stiano accumulando manodopera. La disoccupazione ha toccato il minimo storico del 6,4% in tutto il blocco a novembre, nonostante il debole contesto economico. Ma l’orario di lavoro medio è diminuito, potenzialmente perché le aziende sono riluttanti a licenziare personale che sarà difficile da assumere quando la domanda riprenderà.

Ci sono anche indicazioni diffuse che l’Eurozona presenta ancora significative carenze di manodopera e crescenti pressioni salariali. In un recente sondaggio dell’UE, una percentuale quasi record delle aziende di servizi ha lamentato carenza di lavoratori. Secondo un sondaggio di S&P Global, le aziende stanno inoltre trasferendo l’aumento del costo del lavoro attraverso i maggiori aumenti dei prezzi degli ultimi mesi.

“I salari negoziati devono ancora cambiare in modo decisivo, mentre la produttività del lavoro è persistentemente debole”, ha affermato Hugo Le Damanay, economista di Axa Investment Managers.

Tutto ciò significa che la BCE dovrà rimanere cauta. Nonostante le sue osservazioni più accomodanti giovedì, Lagarde si è mostrata consapevole di ciò, affermando: “Dobbiamo essere più avanti nel processo di disinflazione prima di poter essere sufficientemente sicuri che l’inflazione raggiungerà effettivamente l’obiettivo in modo tempestivo”.