Gio. Mag 23rd, 2024
Il primo ministro spagnolo pensa di dimettersi mentre la moglie è indagata per corruzione

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Mercoledì il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha detto che stava valutando la possibilità di dimettersi dopo che un giudice ha aperto un'indagine preliminare su sua moglie per accuse di corruzione.

Il leader socialista ha annunciato che rinuncerà alle sue funzioni pubbliche per i prossimi giorni e che annuncerà una decisione sul suo futuro il 29 aprile.

In un lettera straordinaria al Paese, Sánchez ha detto: “A questo punto, la domanda che mi pongo legittimamente è: 'Ne vale la pena?' Onestamente non lo so.

Mercoledì scorso il giudice Juan Carlos Peinado ha aperto un procedimento giudiziario contro Begoña Gómez, moglie di Sánchez, per le accuse di aver ricevuto favori da imprese private che hanno vinto appalti governativi e hanno ricevuto fondi pubblici.

“Questo attacco non ha precedenti, è così grave e cruento che devo fermarmi e riflettere con mia moglie”, ha scritto Sánchez sulla piattaforma social X.

Sánchez, uno dei leader di centrosinistra più anziani in un continente europeo che si sta spostando a destra, è al potere dal 2018, quando ha sostituito un primo ministro conservatore abbattuto dalle accuse di corruzione.

Ha iniziato un nuovo mandato alla fine dello scorso anno dopo aver messo insieme un governo di coalizione sostenuto da una fragile maggioranza parlamentare dopo un’elezione generale inconcludente.

Il procedimento contro Gómez è stato aperto dopo che un sindacato chiamato Manos Limpias – o Mani Pulite – ha presentato una denuncia fondata su una serie di articoli pubblicati da testate giornalistiche, in particolare El Confidencial.

Sánchez ha definito le storie “false” produzioni dei “media di destra e di ultra-destra”.

Manos Limpias sostiene che Gómez abbia ricevuto favori dai dirigenti di Air Europa e della sua società madre Globalia in qualità di direttrice di un centro di ricerca sull'Africa che ha gestito per quasi quattro anni fino al 2022 presso l'Università IE di Madrid.

Manos Limpias collega la sua attività a un piano di salvataggio governativo da 475 milioni di euro che la compagnia aerea ha ricevuto alla fine del 2020 mentre lottava per sopravvivere alla pandemia di coronavirus.

Gómez è rimasto in silenzio sulle accuse nelle ultime settimane. Globalia ha rifiutato di commentare.

L'Università dell'IE ha confermato di aver ricevuto quattro biglietti aerei da Globalia nel 2020 come parte di un accordo di sponsorizzazione di un evento, ma ha affermato di non aver mai ricevuto denaro dalla compagnia, né di aver ricevuto denaro dal suo centro africano.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez e sua moglie Begoña Gómez hanno votato alle elezioni generali dello scorso anno © Ballesteros/EPA-EFE

Sánchez ha legato la mossa giudiziaria al rancore e alla tossicità della politica spagnola, che ha raggiunto nuovi massimi dalle elezioni dello scorso luglio.

Ha detto che i leader del partito conservatore Popolare e del partito di estrema destra Vox – Alberto Núñez Feijóo e Santiago Abascal – si sono impadroniti del caso contro sua moglie perché loro stessi avevano alimentato una tempesta intorno alle notizie originali dei media.

“In questo oltraggio . . . entrambi sono collaboratori necessari, insieme ad una galassia online di estrema destra e all’organizzazione Manos Limpias”, ha scritto.

“In breve, questa è un’operazione di molestie e demolizioni via terra, mare e aria per cercare di indebolirmi politicamente e personalmente attaccando mia moglie”.

Sánchez ha aggiunto che sua moglie “difenderà il suo onore” e coopererà con le autorità giudiziarie.

Le accuse contro di lei erano incentrate su eventi “inesistenti”, ha detto.

In un'intervista radiofonica mercoledì sera, Feijóo ha detto di non aver mai spinto perché si indagasse sulla moglie di Sánchez e che il primo ministro aveva pubblicato una lettera “dicendo cose sconvenienti per un primo ministro”.

All’inizio della giornata, Pepa Rodríguez de Millán, un parlamentare di Vox, ha affermato che il partito socialista è immerso in un “caso molto grave di corruzione”.

Gli oppositori conservatori di Sánchez differiscono con lui ideologicamente sulla politica fiscale, del lavoro, energetica e ambientale.

Ma la loro più grande ira è stata alimentata dalla sua volontà di lavorare con i partiti separatisti in Catalogna e nei Paesi Baschi, il cui obiettivo è tagliare i legami con il resto della Spagna.

La mossa più controversa del mandato di Sánchez è stata la legislazione per concedere un'amnistia ai separatisti catalani coinvolti nel tentativo di indipendenza del 2017. Il disegno di legge deve ancora completare il suo passaggio in parlamento.

L’amnistia è stata il prezzo che Sánchez ha dovuto pagare per assicurarsi i voti parlamentari di cui aveva bisogno per iniziare un altro mandato dopo le elezioni.