Ven. Mag 24th, 2024
La ripresa economica della Grecia in un contesto (doloroso).

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

È tempo di guardare alla forte ripresa economica post-pandemia della Grecia in un contesto storico. Tl;dr: il paese è effettivamente tra i paesi con le migliori performance recenti nell’eurozona, ma è anche diventato il più povero.

La settimana scorsa, l'agenzia di rating S&P è stata l'ultima a cantare le meritate lodi del paese, rivedendo l'outlook del paese in “positivo”. Ciò è avvenuto sulla scia delle autorità greche che hanno intrapreso “un ampio programma di riforme strutturali e hanno affrontato i colli di bottiglia di lunga data”, stimolando la crescita al di sopra della media della zona euro e determinando un calo del rapporto debito/PIL.

Le prospettive positive riflettono la nostra aspettativa che il regime fiscale restrittivo continuerà a stimolare una riduzione del rapporto debito pubblico, mentre la crescita dovrebbe continuare a sovraperformare quella dei paesi della zona euro della Grecia.

In effetti, i nuovi dati pubblicati lunedì da Eurostat hanno mostrato che il debito pubblico greco rispetto al PIL è sceso di 10,8 punti percentuali al 162% nel 2023.

L’economia greca è cresciuta del 2% nel 2023, superando la contrazione dello 0,3% registrata in Germania. Dal 2019, prima della pandemia, il Paese è cresciuto a un ritmo quasi doppio rispetto a quello dell’Eurozona. La settimana scorsa il FMI ha dichiarato che l'economia greca si espanderà del 2% anche quest'anno, e continuerà a sovraperformare il tasso di crescita medio dell'unione monetaria per i prossimi due anni.

I forti numeri del turismo, che vanno di pari passo con il miglioramento del mercato del lavoro e la ripresa dei consumi, stanno aiutando. Lo stesso vale per le riforme strutturali volte a rimuovere gli ostacoli alla crescita, come l’aumento dell’accesso digitale ai servizi pubblici, l’accelerazione delle decisioni giudiziarie e il miglioramento della trasparenza e delle finanze pubbliche.

Come ha detto a FTAV l’economista di BNP Paribas Guillaume Derrien:

La rinnovata stabilità politica e il forte consolidamento fiscale stanno rendendo la Grecia un paese molto più attraente per gli investimenti rispetto al passato.

Tuttavia . . .

L’ultima ripresa ha innalzato solo leggermente il tenore di vita greco rispetto alla media UE negli ultimi due anni – e non abbastanza da sollevarlo dalla posizione di popolo più povero dell’eurozona.

Si tratta di una cosa relativamente nuova per la Grecia, poiché il PIL pro capite era simile a quello della media dell’UE fino al 2009. Da allora, 10 paesi hanno visto il tenore di vita aumentare al di sopra di quello della Grecia, rendendola la seconda più povera dell’UE dopo la Bulgaria. , e i più poveri nel blocco della valuta comune

Considerando che il divario con la Bulgaria si sta riducendo drasticamente, non è irragionevole aspettarsi che la Grecia diventi presto il paese più povero dell'UE.

Come si conciliano queste storie opposte di forte ripresa e povertà?

La risposta si trova all’indomani della crisi finanziaria e dell’austerità seguita alla crisi del 2010. La spesa greca è stata tagliata e le tasse sono aumentate per garantire un piano di salvataggio da parte del FMI e dell’UE, schiacciando imprese e famiglie e demolendo l’economia. L’entità del danno economico fu eccezionale per il tempo di pace.

L’economia greca si è contratta di quasi il 30% dal picco alla fine. Nel 2016, la spesa dei consumatori è scesa del 24% rispetto al 2007, la spesa pubblica è scesa del 20% e gli investimenti sono crollati del 65%. Nello stesso periodo, l’attività manifatturiera si è quasi dimezzata, il commercio al dettaglio e l’attività professionale si sono ridotti di quasi un terzo. La disoccupazione è arrivata al massimo storico, quasi al 30%.

Di conseguenza, l’economia greca è oggi circa il 19% più piccola rispetto al 2007 – nonostante la forte ripresa post-pandemia del paese – mentre l’economia dell’UE nel suo complesso è cresciuta del 17%.

Il colpo economico è quasi senza precedenti nei tempi moderni, paragonabile solo alla Grande Depressione americana degli anni ’30, osserva George Lagarias, capo economista della Mazars Wealth Management.

I salari reali sono in costante calo fino al 2022, l’ultimo dato disponibile nel database dell’OCSE, e sono scesi del 30% rispetto ai livelli pre-crisi finanziaria, lasciando il Paese con uno dei salari medi più bassi tra le economie sviluppate.

Grafico a barre del periodo 2007-2022, variazione percentuale dei salari reali che mostra che i salari greci sono diminuiti a un ritmo senza precedenti

Il settore delle costruzioni – un importante motore di crescita prima della crisi – è stato quasi spazzato via. Gli investimenti residenziali, che rappresentavano oltre il 10% del Pil al culmine della bolla del 2008, da allora sono crollati al 2% del Pil, la quota più bassa tra i paesi della zona euro. Come dice Derrien del BNP:

La Grecia ha ora un modello di sviluppo economico meno sbilanciato – il che è positivo – ma il calo dell’attività edilizia deve ancora essere completamente riequilibrato dall’espansione in nuovi settori.

Ci sono anche preoccupazioni circa le prospettive economiche a lungo termine del paese.

Lagarias sostiene che la crescita con un indebitamento limitato – come è il caso della Grecia – rimarrà lenta, e prevede che ci vorranno molti anni di “riforme persistenti” affinché la Grecia ritorni ai livelli del 2007. Anche bassi investimenti e bassa produttività continuano a ostacolare il potenziale economico della Grecia, secondo Derrien.

Nel suo ultimo rapporto nazionale, il Fondo monetario internazionale ha anche menzionato il cambiamento climatico come un pericolo – poiché il 90% delle infrastrutture turistiche del paese e l’80% delle attività industriali si trovano in aree esposte ad elevati rischi climatici – e i dati demografici sempre più duri.

Nel 2022, le nascite in Grecia sono scese al minimo degli ultimi nove decenni, aggravando l’invecchiamento del Paese e la contrazione della popolazione, poiché ogni anno molti giovani lasciano il Paese.

Il grafico a linee del 2000 che mostra le nascite dei greci è crollato

Nel complesso, la ripresa economica della Grecia dovrebbe essere celebrata, ma deve essere vista nel contesto di una notevole crisi economica che l’ha lasciata in un buco dal quale potrebbe volerci una generazione per uscire.