Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Rishi Sunak visiterà Kiev e confermerà che i finanziamenti militari del Regno Unito all’Ucraina aumenteranno a 2,5 miliardi di sterline nel prossimo anno finanziario, ha affermato Downing Street.

Il primo ministro britannico incontrerà venerdì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy per firmare un nuovo accordo bilaterale sulla cooperazione in materia di sicurezza, il primo passo nello sviluppo di una “partnership centenaria” tra le due nazioni, secondo Number 10.

“Sono qui oggi con un messaggio: anche il Regno Unito non vacillerà”, ha detto Sunak. “Staremo al fianco dell’Ucraina, nei momenti più bui e nei tempi migliori che verranno”.

Il suo messaggio di rassicurazione e impegno per gli aiuti militari britannici per il prossimo anno finanziario, un aumento di 200 milioni di sterline negli ultimi due anni, cercherà di placare i timori a Kiev che il sostegno occidentale all’Ucraina stia diminuendo.

Il conflitto tra Israele e Hamas in Medio Oriente in seguito all’attacco del 7 ottobre da parte del gruppo armato palestinese e il lancio di attacchi aerei da parte di Stati Uniti e Regno Unito contro i ribelli Houthi nello Yemen questa settimana hanno distolto l’attenzione internazionale dall’invasione dell’Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin.

L’assistenza del Regno Unito arriva mentre gli Stati Uniti e l’UE lottano per garantire pacchetti di sostegno per l’Ucraina del valore complessivo di centinaia di miliardi di dollari. Tuttavia, i singoli paesi europei hanno assunto impegni considerevoli in termini di aiuti militari. La Germania si è impegnata a fornire 8 miliardi di euro quest’anno e la Norvegia ha stanziato 75 miliardi di corone norvegesi (7,3 miliardi di dollari) in aiuti militari ed economici fino al 2027.

Un pacchetto di assistenza statunitense del valore di 61 miliardi di dollari è stato bloccato al Congresso, con i repubblicani che chiedono che gli aiuti supplementari all’Ucraina siano subordinati a maggiori finanziamenti per la sicurezza delle frontiere statunitensi. I colloqui riprenderanno questo mese, ma si prevede che saranno controversi.

Zelenskyy ha visitato Washington un mese fa, ma gli incontri con i migliori repubblicani, tra cui il presidente della Camera Mike Johnson, non hanno prodotto risultati immediati. Il pacchetto di assistenza più recente di Washington per Kiev è stato annunciato il 27 dicembre e comprendeva munizioni cruciali per la difesa aerea, artiglieria e altro ancora. Il Pentagono ha poi affermato che probabilmente sarebbe stato l’ultimo pacchetto finché il Congresso non avesse approvato una nuova legislazione.

Nel frattempo, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha bloccato un pacchetto finanziario da 50 miliardi di euro per mantenere in funzione il governo ucraino, anche se ci sono segnali che potrebbe essere raggiunto un accordo tra Budapest e Bruxelles.

Nell’incertezza di ulteriori aiuti militari americani, i soldati ucraini in prima linea affermano di essere già stati costretti a razionare i proiettili di artiglieria, minando la loro capacità di attaccare e difendersi dalle forze russe, che hanno recentemente portato avanti offensive in diverse località lungo il 1.000- chilometro di prima linea nelle regioni meridionali e orientali dell’Ucraina.

Kiev ha avvertito che le sue munizioni per la difesa aerea sono pericolosamente scarse in un momento in cui la capitale e le città di tutto il paese hanno dovuto affrontare alcuni dei più grandi assalti aerei da quando la Russia ha iniziato la sua invasione su vasta scala quasi due anni fa.

Il colonnello Yuriy Ihnat, portavoce dell’aeronautica ucraina, ha detto questa settimana che Kiev ha “un deficit di missili guidati antiaerei”.

La Gran Bretagna ha affermato che il suo nuovo pacchetto di sostegno fornirebbe missili a lungo raggio, difesa aerea, munizioni di artiglieria e sicurezza marittima.

Verranno spesi almeno 200 milioni di sterline per la fornitura di droni: la più grande consegna di veicoli aerei senza pilota all’Ucraina da qualsiasi nazione, comprese migliaia di droni di sorveglianza, d’attacco a lungo raggio e marittimi.

La maggior parte di questi sarà prodotta nel Regno Unito, poiché il Ministero della Difesa britannico lavora per aumentare la produzione con altri partner internazionali.

Il nuovo accordo di sicurezza tra Londra e Kiev si basa sull’impegno assunto lo scorso anno dalle nazioni del G7 di offrire garanzie di sicurezza bilaterali all’Ucraina. Formalizzerà i collegamenti esistenti sulla condivisione dell’intelligence, sulla sicurezza informatica, sull’addestramento militare e sulla cooperazione industriale, con il Regno Unito che promette di offrire assistenza “rapida e sostenuta” in caso di un futuro attacco all’Ucraina.

Sunak annuncerà inoltre un ulteriore aiuto di 18 milioni di sterline all’Ucraina, di cui 8 milioni di sterline per sostenere le infrastrutture energetiche del paese. Verranno inoltre forniti finanziamenti aggiuntivi per pagare le lezioni di inglese online per gli ucraini, per approfondire le relazioni tra le nazioni a lungo termine.

Durante la visita di un giorno, Sunak incontrerà i primi soccorritori sulla scena dopo gli attacchi bomba russi.

Il segretario ombra della Difesa laburista, John Healey, ha affermato che il suo partito “appoggia pienamente” i nuovi finanziamenti militari e il “sostegno vitale” per l’Ucraina.