Sab. Feb 24th, 2024

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il suo “amico-nemico” di estrema destra, il vice premier Matteo Salvini, hanno tenuto la loro rivalità ampiamente sotto controllo da quando la loro coalizione ha preso il potere alla fine del 2022.

Ma è probabile che le tensioni aumentino in vista delle elezioni del Parlamento europeo di giugno, mentre Salvini tenta di ricostruire il sostegno alla sua Lega di estrema destra, che è stata eclissata da Fratelli d’Italia (FdI) della Meloni.

“Cercherà di rendersi più visibile possibile per strapparle voti”, ha detto Giovanni Orsina, professore di scienze politiche all’Università Luiss di Roma. “Mi aspetto che sia sempre più un rompicoglioni”.

Quando gli italiani votarono per l’ultima volta alle elezioni europee, cinque anni fa, Salvini era all’apice della sua popolarità e condusse la Lega a una vittoria trionfante, assicurandosi il 34% dei voti. La FdI di Meloni, le cui radici politiche affondano nel Movimento Sociale Italiano neofascista fondato dai lealisti di Benito Mussolini dopo la seconda guerra mondiale, era visto come un partito marginale e raccoglieva meno del 6,5%.

Ma da allora la Meloni è diventata molto più popolare mentre la stella di Salvini è tramontata. Nelle elezioni politiche italiane del 2022, FdI ha ottenuto quasi il 26% dei voti rispetto al 9% della Lega, catapultando Meloni al posto di guida della loro alleanza di governo. Recenti sondaggi d’opinione mostrano che il sostegno al partito della Meloni sta diventando sempre più forte mentre la Lega fatica a recuperare il ritardo.

Gli analisti dicono che Salvini sta cercando di recuperare sostegno e scongiurare ulteriori domande sulla sua gestione della Lega, mentre Meloni cercherà di affermare il suo status di leader di destra preminente in Italia.

“Vuole affermare di essere il leader del centrodestra”, ha detto Ernesto Di Giovanni, partner di Utopia, una società di consulenza politica con sede a Roma. “Ciò la renderà la figura politica più importante in Italia”.

Di conseguenza, gli analisti si aspettano una concorrenza più accesa e visibile all’interno della coalizione di governo. Tuttavia, pochi si aspettano che le relazioni si deteriorino al punto da mettere a repentaglio la stabilità del governo, dato che entrambi i leader vogliono restare al potere.

“Molto sarà quello di mettere in piedi uno spettacolo”, ha detto Daniele Albertazzi, professore di scienze politiche all’Università del Surrey. “Non vedo alcuna possibilità che questa coalizione si disintegri”.

Matteo Salvini, al centro, saluta mentre è sul palco con Geert Wilders, leader del Partito della Libertà olandese, a sinistra, Joerg Meuthen, co-leader di Alternativa per la Germania (AfD), terza a destra, e Marine Le Pen, leader del partito nazionalista francese National Il partito rallysta, seconda a destra, durante una manifestazione elettorale del partito della Lega con i nazionalisti europei in vista delle elezioni parlamentari europee
Matteo Salvini, al centro, sta cercando di rafforzare le sue alleanze con gli euroscettici di estrema destra, tra cui Marine Le Pen francese, Geert Wilders nei Paesi Bassi e politici dell’AfD tedesco ©Francesca Volpi/Bloomberg

In carica, la Meloni – un tempo feroce euroscettica – ha cercato di riposizionarsi come leader conservatrice più mainstream, pronta a lavorare in modo costruttivo con Bruxelles e le altre capitali dell’UE.

Il suo convinto sostegno all’Ucraina nella sua lotta contro l’aggressione russa, l’ha anche distinta dagli altri leader europei di estrema destra con legami storici con il partito Russia Unita del presidente russo Vladimir Putin.

La Meloni è ora corteggiata dal Partito popolare europeo di centrodestra, che spera di ottenere il suo sostegno per un secondo mandato per Ursula von der Leyen alla guida della Commissione europea.

“La Meloni ha scelto una strategia per essere responsabile, per farsi accettare e per dimostrare che un governo di destra in Italia non è una catastrofe”, ha detto Orsina. “Si sta trasferendo al centro – [albeit] con molte ambiguità”.

Di Giovanni ha detto che la Meloni spera di fare appello al tipo di elettori conservatori che storicamente hanno sostenuto il defunto Silvio Berlusconi. La sua morte l’anno scorso ha gettato incertezza sul futuro del suo partito Forza Italia, che fa parte della coalizione di Meloni. “Si sta trasferendo in un posto diverso [part of the] elettorato – non di estrema destra ma più moderato”, ha detto Di Giovanni.

Salvini, nel frattempo, sta rafforzando le sue alleanze con gli euroscettici di estrema destra, tra cui Marine Le Pen in Francia, Geert Wilders nei Paesi Bassi e politici dell’AfD in Germania.

“Il suo messaggio agli elettori è: ‘se siete arrabbiati, se siete euroscettici, se avete mantenuto questa ostilità verso il mainstream.’ . . Sono io la persona da votare’”, ha detto Orsina.

L’immigrazione illegale – una questione scottante per la destra italiana – è un’area in cui la Meloni potrebbe trovarsi sotto accusa dopo l’aumento del 50% di migranti irregolari arrivati ​​in Italia lo scorso anno.

Quando un centro di accoglienza per migranti sull’isola italiana di Lampedusa è stato travolto in autunno, Andrea Crippa, vice leader della Lega, ha affermato che gli sforzi della Meloni per trovare una soluzione europea alla crisi migratoria erano falliti. Salvini ha successivamente dichiarato che “tempi disperati richiedono misure drastiche” e ha suggerito un blocco navale per impedire gli sbarchi di migranti.

La Meloni ha cercato di evitare che le critiche divampassero nuovamente, ammettendo a dicembre di non essere stata ancora in grado di “fornire i risultati attesi” su quello che ha definito “il fenomeno più complesso”. Ma ha insistito che avrebbe continuato a lavorare per frenare gli arrivi illegali dopo aver ottenuto un accordo con l’Albania per creare centri per migranti sotto l’autorità italiana.

Ma con l’avvicinarsi delle elezioni, gli analisti dicono che la Meloni potrebbe sentirsi costretta ad assumere una posizione più intransigente sulle questioni europee per rassicurare la sua base tradizionale che non si è discostata dalle sue radici politiche.

A dicembre, FdI ha deluso alcuni a Bruxelles votando contro le riforme del Meccanismo Europeo di Stabilità, il fondo di salvataggio dell’eurozona, deludendo le speranze che l’Italia – l’unico paese dell’UE che deve ancora ratificare i cambiamenti – salirebbe a bordo.

“Non mi aspetto grandi spaccature, ma ci sarà competizione su chi sarà più nazionalista e sovranista”, ha detto Nathalie Tocci, direttrice dell’Istituto Affari Internazionali di Roma.

Gli analisti sono scettici sul fatto che la tattica di Salvini possa dare risultati e affermano che il rischio maggiore per la Meloni è che se il suo partito si comportasse in modo troppo forte, potrebbe creare una vera rottura tra i partner della coalizione.

“Se dovesse andare oltre e fare molto meglio rispetto ai risultati delle elezioni nazionali, la bilancia penderebbe significativamente a suo favore”, ha detto Tocci. “Potrebbe non essere una buona cosa per lei. Potrebbe mettere in pericolo la coalizione di governo – e lei ha la posta in gioco più alta”.