Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Quasi due anni di paralisi politica in Irlanda del Nord sembravano destinati a finire sabato, dopo che il governo britannico ha presentato una serie di proposte per rinnovare le regole commerciali della Brexit e consolidare i legami della regione con la Gran Bretagna.

Le misure, dettagliate in un documento di comando di 76 pagine intitolato “Salvaguardare l’Unione”ha affrontato le aspre divisioni sindacali che hanno portato al crollo dell’esecutivo di condivisione del potere di Stormont.

La legislazione per attuare le proposte, che includono l’abolizione dei controlli doganali sulle merci che viaggiano dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord e che rimangono nella regione, dovrebbe essere accelerata giovedì a Westminster.

Su tale base, Stormont dovrebbe riunirsi nuovamente sabato per eleggere un presidente, nonché il primo e il vice primo ministro e le posizioni ministeriali.

Stormont non si riunisce dal 2022, quando il Partito Democratico Unionista ha iniziato a boicottare le istituzioni per protestare contro le regole commerciali post-Brexit che, a suo dire, danneggiavano la posizione dell’Irlanda del Nord nel Regno Unito e la capacità di commerciare con la Gran Bretagna.

Non appena Stormont ritornerà, Londra ha promesso di sbloccare un pacchetto di aiuti da 3,3 miliardi di sterline per affrontare la crisi delle finanze pubbliche e dei servizi della regione, che è cresciuta vertiginosamente durante i due anni di limbo politico.

La rinascita di Stormont avverrà con un cambiamento storico: per la prima volta in una regione creata dalla spartizione dell’Irlanda più di un secolo fa per l’allora maggioranza protestante unionista, il posto di primo ministro sarà ricoperto da un nazionalista.

Michelle O’Neill, primo ministro designato del partito filo-irlandese Sinn Féin, che ora è il più grande su entrambi i lati del confine irlandese, ha affermato che questo momento ha sottolineato “il cambiamento che sta avvenendo in tutta l’isola”.

Le proposte presentate a Westminster mercoledì, quarto anniversario della Brexit, erano pensate per rassicurare gli unionisti sul fatto che l’Irlanda del Nord non è stata tagliata fuori dal resto del Regno Unito.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha salutato “la prospettiva di una nuova condivisione del potere” in pochi giorni in Irlanda del Nord, affermando che il DUP ha compiuto “passi significativi” verso la fine dell’impasse.

Le proposte includono la garanzia che l’80% delle merci che arrivano nella regione dalla Gran Bretagna lo facciano senza controlli e la creazione di un nuovo organismo “Intertrade UK” per promuovere la posizione dell’Irlanda del Nord nel mercato interno del Regno Unito.

Il leader del DUP Sir Jeffrey Donaldson con Chris Heaton-Harris, il segretario dell'Irlanda del Nord
Il leader del DUP Sir Jeffrey Donaldson con Chris Heaton-Harris, il segretario dell’Irlanda del Nord © Getty Images

La legislazione proibirebbe inoltre esplicitamente che l’Irlanda del Nord venga esclusa dai benefici di qualsiasi futuro trattato internazionale firmato dal governo di Westminster.

L’UE non ha preso parte ai negoziati sulle proposte, anche se gli attuali accordi commerciali per l’Irlanda del Nord sono stati concordati congiuntamente lo scorso anno da Londra e Bruxelles nel quadro di Windsor.

“Questo compito riguardava il rafforzamento del sindacato”, ha detto il leader del DUP Sir Jeffrey Donaldson in una conferenza stampa al castello di Hillsborough. “Il nostro compito ora è presentare i vantaggi del sindacato”.

L’idea di un confine commerciale all’interno del Regno Unito è un anatema per il DUP, il più grande partito pro-Regno Unito dell’Irlanda del Nord e per lungo tempo il gruppo politico dominante della regione.

Affrontare questo problema ha richiesto mesi di negoziati tra Londra e Belfast. Gavin Robinson, deputato del DUP, ha dichiarato mercoledì alla Camera dei Comuni: “Abbiamo trasformato l’impossibile in possibile”.

“È un buon accordo, un accordo basato sul buon senso”, ha affermato Jon Tonge, professore di politica all’Università di Liverpool. Ma ha lamentato “due anni sprecati” di paralisi politica in una delle regioni più povere del Regno Unito.

“Questo è un accordo che, nel suo insieme, è quello giusto per l’Irlanda del Nord e per l’Unione”, ha detto ai parlamentari a Westminster Chris Heaton-Harris, il segretario dell’Irlanda del Nord.

“È tempo di sfruttare i progressi degli ultimi 25 anni”, ha affermato Heaton-Harris, riferendosi all’Accordo del Venerdì Santo del 1998, che ha posto fine al conflitto trentennale della regione.

Giovedì è previsto il voto della Camera dei Comuni per ratificare le modifiche. I laburisti e altri partiti minori sosterranno l’accordo, garantendo un’ampia maggioranza parlamentare.

Il capo della Commissione europea per la Brexit, Maroš Šefčovič, e il ministro degli esteri britannico Lord David Cameron, hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che “entrambi sono d’accordo sull’enorme importanza di vedere ripristinato l’esecutivo dell’Irlanda del Nord e dare risultati per il popolo dell’Irlanda del Nord”.

La Commissione ha aggiunto che “analizzerà attentamente i testi pubblicati oggi”.