Mar. Giu 18th, 2024
La Bce taglierà i tassi?

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La Banca Centrale Europea si è impegnata ad adottare un approccio alla politica monetaria dipendente dai dati. Eppure giovedì sembra quasi certo che si ignorerà la recente ripresa dell’inflazione dell’Eurozona e si inizierà comunque a tagliare i tassi.

Sarà difficile per i politici della BCE fare altro, dopo che molti di loro hanno segnalato chiaramente che è sulla buona strada per diventare la prima grande banca centrale ad iniziare a ridurre i costi di finanziamento da quando tre anni fa è iniziata la più grande impennata dei prezzi di una generazione.

Greg Fuzesi, economista di JPMorgan, ha definito il probabile taglio di 0,25 punti percentuali del tasso di deposito del 4% della BCE “un po’ affrettato e strano”, aggiungendo che “il costo di aspettare fino a settembre appare basso mentre il beneficio di ottenere maggiore chiarezza sulle le prospettive di inflazione appaiono elevate”.

La maggior parte degli analisti ritiene che la recente ripresa dell’inflazione dell’Eurozona, che ha accelerato per la prima volta quest’anno dal 2,4% di aprile al 2,6% di maggio, significhi che la BCE sarà riluttante a impegnarsi ad ulteriori tagli dei tassi dopo questa settimana.

Konstantin Veit, gestore di portafoglio presso l'investitore obbligazionario Pimco, prevede che la BCE taglierà comunque i tassi altre due volte quest'anno, a settembre e dicembre. Ma ha detto: “I rischi sono sbilanciati verso tagli minori, principalmente a causa della vischiosa inflazione dei servizi, di un mercato del lavoro resiliente, di condizioni finanziarie allentate e di considerazioni sulla gestione del rischio della Bce”.

Il rischio per la BCE è che la mossa di questa settimana possa sembrare un errore se l'inflazione dell'Eurozona continua ad allontanarsi dal suo obiettivo del 2% e la Federal Reserve e la Banca d'Inghilterra aspettano molto più a lungo prima di iniziare a tagliare.

Andrzej Szczepaniak, economista di Nomura, si aspetta che la BCE minimizzi l'inversione dell'inflazione di maggio sottolineando che è stata determinata da diversi fattori una tantum. Ma ha anche previsto che verrà adottato un “approccio cauto e graduale” su ulteriori tagli. Martin Arnold

Le buste paga statunitensi cambieranno le scommesse sul taglio dei tassi della Fed?

Venerdì i dati sull'occupazione negli Stati Uniti per maggio verranno esaminati attentamente dagli investitori per vedere se il rallentamento di aprile sia stato un inconveniente.

Secondo un sondaggio di Bloomberg, gli economisti si aspettano che a maggio gli occupati nel settore non agricolo siano cresciuti di 180.000 unità, sostanzialmente in linea con l’aumento di 175.000 unità del mese precedente.

Questi dati suggeriscono che il mercato del lavoro statunitense potrebbe finalmente indebolirsi dopo mesi di resilienza di fronte agli alti tassi di interesse, e hanno dato impulso ai mercati suggerendo che i tagli dei tassi della Federal Reserve potrebbero arrivare prima del previsto.

Alcuni analisti ritengono che i dati di aprile siano stati distorti dalla tempistica anticipata della pausa pasquale e che la crescita dell’occupazione potrebbe essere preparata per una ripresa.

“Una vacanza anticipata avrebbe potuto spingere in avanti alcune assunzioni, con conseguenti più forti buste paga a marzo e una crescita più debole dell’occupazione ad aprile”, hanno detto gli economisti statunitensi di BNP Paribas, che hanno stimato una crescita di 200.000 per maggio e hanno indicato un modello simile nel 2018, quando Pasqua è caduto all'inizio di aprile.

I dati sull’occupazione di maggio arrivano meno di una settimana prima che la Fed tenga la sua prossima riunione sulla fissazione dei tassi. Rispetto ai dati del mese scorso, altri dati economici hanno indicato un graduale rallentamento economico ma solo progressi graduali nel ridurre l’inflazione più vicino all’obiettivo della banca centrale, portando gli investitori a respingere le loro aspettative di tagli dei tassi di interesse a uno, forse due, più avanti nel corso dell’anno. . Un rallentamento più marcato del previsto nella crescita dell’occupazione potrebbe indurre alcuni ad anticipare tale tempistica. Jennifer Hughes

La sterlina deve ancora salire?

La sterlina è stata una delle migliori performance tra le principali valute del mondo lo scorso mese, poiché gli investitori hanno abbandonato le speranze di un taglio dei tassi di interesse estivo e hanno accolto con favore la prospettiva di elezioni imminenti, lasciando gli analisti a prevedere che la forza della sterlina potrebbe continuare a crescere.

La sterlina è cresciuta dell'1,7% rispetto al dollaro a 1,2701 dollari a maggio, sostenuta da un'economia sorprendentemente resiliente, mentre le persistenti preoccupazioni sull'inflazione hanno aumentato la prospettiva che i tassi di interesse del Regno Unito rimangano più alti per un periodo più lungo.

Anche la valuta del Regno Unito ha toccato il massimo di 21 mesi contro l’euro questa settimana, raggiungendo 0,8482 sterline per euro, con gli analisti che affermano che un nuovo governo potrebbe migliorare la stabilità politica e le relazioni con l’Unione Europea, rafforzando ulteriormente la valuta.

“Parte della resilienza della sterlina è dovuta al fatto che il mercato guarda alle elezioni”, ha affermato Themos Fiotakis, responsabile della ricerca FX presso Barclays, aggiungendo che si aspettava che la sterlina si rafforzasse a 0,82 sterline per euro entro la fine dell’anno, ma aveva ha anticipato l’obiettivo dei prezzi alla luce delle elezioni anticipate.

Gli analisti valutari intervistati da Bloomberg prevedono che la sterlina raggiunga quota 1,30 dollari entro l’inizio del prossimo anno, mantenendosi stabile rispetto all’euro.

Ma alcuni analisti avvertono che il nuovo governo avrà pochissimo spazio per un allentamento fiscale e che, sebbene i tagli dei tassi siano stati ritardati, non sono stati rimossi dall’agenda.

“La sterlina può ottenere guadagni modesti e mantenerli per mesi, anziché settimane, ma un rally significativo richiede un chiaro miglioramento delle prospettive di crescita e delle aspettative che i tassi rimangano elevati per un periodo considerevolmente più lungo”, ha affermato Kit Juckes, stratega valutario presso Société Générale. Mary McDougall