Gio. Mag 23rd, 2024
La Cina fa dell’Ungheria un modello per i rapporti diplomatici in Europa

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Migliorando le relazioni della Cina con l'Ungheria, Xi Jinping questa settimana ha reso lo stato dell'Europa centrale guidato dall'anticonformista primo ministro Viktor Orbán un modello che spera sarà seguito da altri in Europa e oltre, hanno detto funzionari cinesi.

Visitando Budapest al termine di un tour europeo di cinque giorni in tre nazioni, Xi ha salutato quella che ora è ufficialmente la “partenariato strategico globale per tutte le stagioni per la nuova era” tra Cina e Ungheria, una descrizione che, secondo i funzionari, è molto più che semplice. mera importanza semantica.

Budapest è ora membro di quella che Xi chiama la “cerchia degli amici” di Pechino, quei paesi che fanno di più per sostenere gli sforzi della Cina per contrastare il potere degli Stati Uniti e che sono sempre più ricompensati con investimenti, commercio e sostegno diplomatico, hanno detto i funzionari al MagicTech.

Ciò significa che l’espansione di una relazione precedentemente descritta semplicemente come una “partenariato strategico globale” porta un messaggio geopolitico più significativo della descrizione sdolcinata di Xi dei legami con l’Ungheria come “dolci e ricchi come il vino Tokaji”.

Pechino vede Budapest come partecipe del progetto personale di Xi per guidare la costruzione di “una comunità globale di futuro condiviso” ©Reuters

Nonostante l'adesione dell'Ungheria alla NATO e all'UE, Orbán è noto per il suo antagonismo nei confronti di Washington e Bruxelles. Xi lo ha elogiato per la sua politica estera “indipendente” e per aver “sfidato” la politica delle grandi potenze.

Ora la Cina sta dando i suoi frutti. Le aziende cinesi hanno investito 16 miliardi di euro in Ungheria, rendendolo il principale investitore del paese, ha dichiarato questa settimana Péter Szijjártó, ministro degli Esteri ungherese. “Consideriamo la nostra cooperazione con la Cina come un'enorme possibilità e un'enorme opportunità”, ha affermato.

“Con questa 'partnership per tutte le stagioni', l'Ungheria viene elevata alla cerchia di amici più stretta che ha la Cina”, ha affermato Abigaël Vasselier di Merics, un think tank con sede a Berlino.

Gli analisti hanno detto che la designazione “per tutte le stagioni” accordata a Budapest sembra significare che l'amicizia dell'Ungheria si colloca solo dopo i legami con Russia e Pakistan nell'importanza che Pechino accorda loro.

Mosca rimane cruciale per Pechino perché è un membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, una potenza nucleare e una rivale degli Stati Uniti. Il Pakistan è importante perché è una potenza nucleare, vicino e rivale dell’India.

La designazione dell'Ungheria come amica “per tutte le stagioni” significa anche che Budapest è vista da Pechino come partecipe del progetto personale di Xi per guidare la costruzione di quella che chiama “una comunità globale di futuro condiviso”.

Una lunga spiegazione di questo concetto, pubblicata dal Consiglio di Stato cinese, o gabinetto lo scorso anno, combina le esortazioni a opporsi all’”egemonia” statunitense e alla rinascita di una “mentalità da guerra fredda” con obiettivi più blandi come la creazione di un’economia mondiale verde e sostenibile. .

Rappresenta la visione di Xi su come dovrebbe funzionare il mondo e rivela un crescente livello di fiducia da parte di Pechino nel fatto che lo status della Cina come superpotenza economica dovrebbe consentirle di iniziare a creare un nuovo ordine globale.

“La Cina si sente giustamente fiduciosa grazie alle sue politiche industriali”, ha affermato Yu Jie, un esperto cinese presso Chatham House, un think tank britannico. “Pechino sa di avere industrie manifatturiere di fascia alta molto competitive e una catena di fornitura resiliente a livello nazionale. Ciò aggiunge una componente cruciale al senso di potere della Cina nel mondo”.

L’attrazione principale dell’Ungheria per Pechino è che, essendo all’interno dell’UE, il paese può fungere da base produttiva per le aziende cinesi che cercano di aggirare le tariffe di importazione del blocco.

Veicoli elettrici nel porto di Suzhou, in Cina
Veicoli elettrici in un porto cinese. Si prevede che l’indagine antisovvenzioni dell’UE sui veicoli elettrici cinesi si concluderà entro poche settimane © Costfoto/NurPhoto/Getty Images

Politicamente, la volontà di Orbán di criticare gli Stati Uniti, di mantenere strette relazioni con la Russia e di assumere una posizione indipendente rispetto alle politiche dell’UE sono state le qualità che Pechino ha trovato più accattivanti, hanno detto i funzionari cinesi.

“La qualifica più importante per essere un partner 'per tutte le stagioni' è la lealtà alle posizioni della Cina sulle questioni geopolitiche”, ha detto un funzionario cinese, che ha voluto restare anonimo.

Orbán ha mostrato questa caratteristica in una conferenza stampa con Xi tenuta giovedì per giornalisti accuratamente selezionati nel suo ufficio in cima alla collina del Castello di Buda a Budapest.

Altri membri della NATO e dell’UE hanno cercato di spingere la Cina a ridurre il suo sostegno alla Russia in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin e hanno respinto la richiesta di Pechino per un cessate il fuoco immediato e colloqui di pace come una sorta di capitolazione. Ma Orbán ha avuto un tono molto diverso.

“Oggi l’Europa è dalla parte della guerra”, ha detto. “L’unica eccezione è l’Ungheria, che chiede un cessate il fuoco immediato e negoziati di pace e sostiene tutti gli sforzi internazionali che puntano alla pace. . . Sosteniamo anche l’iniziativa di pace cinese presentata da Xi Jinping”.

Per molti in Europa tale sfida alle posizioni comuni è preoccupante.

“L’UE ora trattiene il fiato sulla questione se l’Ungheria giocherà la carta della Cina nel Consiglio europeo”, ha detto Vasselier. “Ciò significa se Budapest creerà una mancanza di unità su qualsiasi questione o decisione chiave legata alla Cina”.