Gio. Mag 23rd, 2024
L’UE lotta per contrastare l’influenza della Cina nel sud del mondo, afferma un alto funzionario

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

L’UE sta lottando per contrastare la crescente influenza della Cina nel mondo mentre Pechino si dimostra più agile nel fornire investimenti infrastrutturali ai paesi del sud del mondo, ha avvertito il capo dello sviluppo del blocco.

Jutta Urpilainen, commissaria europea per i partenariati internazionali, ha affermato che la complessa burocrazia e le condizioni ambientali e sociali legate ai finanziamenti dell’UE hanno reso difficile per la strategia di investimenti internazionali del blocco controbilanciare l’iniziativa cinese Belt and Road.

“Viviamo in un’era di competizione geopolitica”, ha detto Urpilainen al MagicTech. “Siamo di fronte a una battaglia di tipo narrativo, ma sempre di più dobbiamo affrontare una battaglia di offerte”, ha affermato, riferendosi alle promesse della Cina di finanziamenti rapidi e di un rapido completamento dei progetti.

“È vero che potremmo non essere il partner più veloce”, ha aggiunto. “La Cina è stata molto strategica. Se viaggi, ad esempio, in Africa, puoi vedere risultati tangibili della cooperazione con la Cina. . . Che si tratti di stadi di calcio, ferrovie, porti o strade”.

Secondo il think tank American Enterprise Institute, la BRI cinese ha investito quasi 1 trilione di euro in 152 paesi tra il 2013 e la metà dello scorso anno. Tuttavia, i suoi finanziamenti annuali sono diminuiti drasticamente dopo che il numero di mutuatari inadempienti nei rimborsi ha iniziato ad aumentare nel 2020. La Cina ha rinegoziato o cancellato circa 78,5 miliardi di dollari di prestiti tra il 2020 e marzo 2023.

Urpilainen ha riconosciuto che anche i partner dell'UE hanno accolto favorevolmente gli investimenti di Pechino. Ma ha osservato che le aziende cinesi spesso realizzano progetti che hanno anche finanziato, e ha insistito sul fatto che l’UE è un partner migliore a lungo termine.

“Questa partnership ha creato un’enorme dipendenza dalla Cina. Il nostro obiettivo – ed è nel nostro interesse – è rafforzare la resilienza, l’autosufficienza e l’indipendenza dei cittadini. [EU] partner”, ha detto.

Un porto di costruzione cinese in costruzione in Perù. La Belt and Road Initiative cinese ha investito quasi 1 trilione di euro in 152 paesi tra il 2013 e la metà del 2023 ©Angela Ponce/Reuters

Bruxelles ha cercato di aiutare i paesi partner a risalire la catena del valore, ha affermato. Ad esempio, gli investitori europei che volessero sviluppare una miniera in un paese dovrebbero anche impegnarsi a lavorarvi il minerale.

Il Global Gateway dell’UE, progettato per essere operativo tra il 2021 e il 2027, mira a mobilitare fino a 300 miliardi di euro di investimenti in progetti infrastrutturali nei paesi a basso reddito. L’obiettivo è quello di stabilire partenariati internazionali che evitino che i beneficiari formino “dipendenza” dai donatori, “dove noi come donatori imponiamo e diciamo loro cosa dovrebbero fare”, ha detto Urpilainen.

I Paesi più poveri “non vogliono essere oggetto di aiuti. Vogliono avere una partnership paritaria”, ha aggiunto.

Global Gateway riunisce le banche di sviluppo dell’UE, i governi nazionali e la Commissione europea, nonché il settore privato, per investimenti in infrastrutture, miniere e altri progetti industriali.

Ad oggi ha impegnato circa 100 miliardi di euro in 225 progetti, e Urpilainen si è detta fiduciosa di raggiungere l’obiettivo di 300 miliardi di euro entro il 2027.

Tuttavia, ha affermato che le nuove norme ambientali dell’UE che hanno reso più difficile l’esportazione di prodotti come il cacao e l’acciaio nel blocco hanno alienato i partner. Queste includono una legge sulla deforestazione che obbliga gli esportatori di sei beni, tra cui caffè, olio di palma e gomma, a dimostrare che non sono stati prodotti su terreni recentemente deforestati.

Diversi governi in Asia, Africa e America Latina hanno lamentato che le regole sono gravose e rischiano di spazzare via i mezzi di sussistenza di decine di migliaia di piccoli proprietari terrieri incapaci di far fronte a complicate procedure di certificazione, che includono la geolocalizzazione dei loro raccolti.

Anche il commissario all’Agricoltura Janusz Wojciechowski e i ministri dell’Agricoltura di 20 Stati membri hanno chiesto la sospensione della legge, che si applica nel blocco.

Sebbene l'UE abbia temporaneamente allentato i requisiti della legge in risposta alle preoccupazioni, Urpilainen ha affermato di essere favorevole a ritardare l'attuazione. “Forse dovremmo considerarlo. Penso che sia importante avere un dialogo e poi aiutare i nostri partner a soddisfare le condizioni”, ha detto.

Il commissario ha anche difeso un memorandum d’intesa dell’UE con il Ruanda per lo sviluppo delle forniture di materie prime critiche, firmato a febbraio. Le organizzazioni non governative hanno affermato che Kigali sta prendendo risorse dalla vicina Repubblica Democratica del Congo e le sta esportando.

Urpilainen ha affermato che l’UE ha firmato un memorandum con la RDC e che l’idea alla base degli accordi è “proprio quella di cercare di affrontare tali attività minerarie e di altro tipo illegali”.

Ha anche ignorato le critiche secondo cui l’UE stava subordinando i finanziamenti allo sviluppo all’azione dei paesi per combattere la migrazione, firmando accordi con i regimi autocratici in Tunisia ed Egitto. I due paesi sono vie di transito per i migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa. “Esiste questo obiettivo per fermare la migrazione? No”, ha detto.

Ma sottolineando che si prevede che l’Africa avrà una popolazione di 2,5 miliardi entro il 2050 rispetto ai circa 450 milioni dell’UE, ha aggiunto: “È nel nostro interesse migliorare i mezzi di sussistenza e creare opportunità per i cittadini africani, soprattutto per i giovani. “