Gio. Mag 23rd, 2024
La domanda delle famiglie per il crollo del debito italiano

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’importo del debito venduto direttamente dall’Italia ai suoi cittadini è diminuito drasticamente questa settimana, segno che il governo potrebbe non essere in grado di fare così tanto affidamento sulle famiglie per soddisfare le proprie esigenze di prestito in futuro.

Gli italiani hanno acquistato 11,3 miliardi di euro di cosiddetti titoli BTP Valore in una vendita di cinque giorni conclusasi venerdì, un valore molto inferiore rispetto alle tre offerte precedenti che avevano raccolto rispettivamente 18,2 miliardi di euro, 17,2 miliardi di euro e 18,3 miliardi di euro.

Gli analisti hanno avvertito che il risultato significa che l’Italia potrebbe dover fare maggiore affidamento sulla domanda degli investitori istituzionali per soddisfare le proprie esigenze di finanziamento, soprattutto dopo che il governo ha esteso un ampio regime di sgravi fiscali per gli investimenti privati.

La domanda al dettaglio è stata una fonte chiave di finanziamento per l’incombente debito italiano, con circa 75 miliardi di euro venduti direttamente alle famiglie dall’inizio dello scorso anno.

“Dopo la forte domanda di titoli di stato italiani che abbiamo visto negli ultimi mesi, questo potrebbe essere un primo segnale che il mercato al dettaglio sta diventando un po’ saturo”, ha affermato Christian Kopf, responsabile del reddito fisso presso Union Investment.

I titoli sovrani detenuti dalle famiglie italiane sono aumentati notevolmente, passando da 150 miliardi di euro alla fine del 2021 a 335 miliardi di euro alla fine di febbraio, come mostrano i dati della Banca d’Italia, rappresentando ora poco meno del 6% del risparmio delle famiglie italiane.

Barclays prevede che quest’anno l’emissione obbligazionaria totale dell’Italia sarà pari a 360 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 340 miliardi di euro dell’anno scorso, con vendite al netto dei rimborsi di obbligazioni pari a 93 miliardi di euro, in aumento rispetto agli 87 miliardi di euro del 2023.

La tranche del BTP Valore prevedeva un incentivo fiscale e un bonus se detenuta fino a scadenza. Ma il rallentamento della domanda significa che l’Italia probabilmente dovrà emettere più del previsto sul mercato più ampio, ha affermato Mohit Kumar, capo economista europeo di Jefferies.

Ha aggiunto che una minore domanda potrebbe anche rallentare il rally dei titoli di stato italiani, che hanno prodotto il 5,4% in termini di rendimenti totali rispetto allo 0,2% dei titoli di stato tedeschi nell’ultimo anno, secondo gli indici ICE Bank of America.

La forte performance ha ridotto lo spread del debito italiano di riferimento rispetto a quello tedesco da 1,9 punti percentuali a 1,3 punti percentuali, poiché gli investitori sono diventati sempre più ottimisti sulle prospettive dell'economia italiana e mentre la Banca Centrale Europea si avvicina al taglio dei tassi di interesse.

A dimostrazione del fatto che anche altri investitori ritengono che lo spread farà fatica a restringersi ulteriormente, nelle ultime settimane gli hedge fund hanno accumulato scommesse contro le obbligazioni italiane. Il valore totale dei titoli italiani presi in prestito dagli investitori per scommettere su un calo dei prezzi è salito questa settimana a 50,7 miliardi di euro, rispetto ai 38 miliardi di euro di inizio anno.

Un portavoce del Ministero delle Finanze italiano ha espresso soddisfazione per l'offerta BTP Valore di questa settimana, affermando che i funzionari non si sarebbero mai aspettati di eguagliare l'adozione delle tre emissioni precedenti.

“Siamo molto contenti, questo era il nostro obiettivo” ha detto la persona. “Non avremmo mai pensato che questo BTP potesse avere lo stesso risultato del precedente”.

L'emissione è arrivata appena 10 settimane dopo la precedente obbligazione al dettaglio del governo italiano, ma il portavoce ha detto che il Ministero ne ha emesso uno adesso per dare agli investitori la possibilità di ottenere rendimenti più alti prima che la BCE inizi a tagliare i tassi, cosa ampiamente prevista a giugno.

Gli analisti di Barclays hanno affermato che “per ora” non pensano che il minor assorbimento avrà un impatto eccessivo sui piani di emissione dei BTP italiani perché il Ministero ha fornito una forcella di 20 miliardi di euro per il suo piano di finanziamento che dà “un po' di margine di manovra”.

L’ultimo rapporto semestrale sulla stabilità finanziaria della Banca d’Italia ha dipinto un quadro finanziario per lo più favorevole, con l’avvertenza che “un rapporto debito/PIL persistentemente elevato rimane un fattore di rischio”, confermando quanto sia importante la domanda al dettaglio per il debito italiano.