Ven. Mag 24th, 2024
La recrudescenza della pertosse porta alla morte di cinque bambini mentre i tassi di vaccinazione diminuiscono

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Una recrudescenza della pertosse in Inghilterra ha portato alla morte di cinque bambini tra gli avvertimenti di un calo dei tassi di vaccinazione tra le future mamme.

Secondo i dati diffusi giovedì dalla UK Health Security Agency, ci sono stati 2.793 nuovi casi di malattia nel primo trimestre di quest’anno, rispetto agli 858 casi in tutto il 2023. Un totale di 1.319 casi sono stati segnalati in Inghilterra durante il mese di marzo, ha affermato l’organismo sanitario pubblico.

I dati provvisori da gennaio a marzo includono la morte di cinque bambini di età inferiore a tre mesi, che sono maggiormente a rischio di morte a causa della malattia.

L’aumento della pertosse – conosciuta clinicamente come pertosse – segue un forte calo nel numero di future mamme che assumono un vaccino prenatale altamente efficace che protegge i bambini non ancora nati dalla malattia.

Dal 2012 alle donne incinte viene offerto il vaccino, che crea anticorpi nel feto attraverso la placenta, fornendo tassi di protezione molto elevati fino a quando il bambino non è abbastanza grande per essere vaccinato.

L’introduzione del vaccino prenatale ha ridotto il numero di morti infantili di due terzi, portandolo a 21 tra ottobre 2012 e la fine dello scorso anno, rispetto a 63 nei 12 anni precedenti la sua introduzione.

Tuttavia, l’adozione è scesa da oltre il 70% nel settembre 2017, a circa il 58% nel settembre 2023.

“La vaccinazione rimane la migliore difesa contro la pertosse ed è fondamentale che le donne incinte e i neonati ricevano i vaccini al momento giusto”, ha affermato la dott.ssa Gayatri Amirthalingam, consulente epidemiologo presso l'UKHSA.

“La tosse convulsa può colpire persone di tutte le età, ma per i bambini molto piccoli può essere estremamente grave. I nostri pensieri e le nostre condoglianze vanno a quelle famiglie che hanno perso così tragicamente il loro bambino”.

Il professor Sir Stephen Powis, direttore medico nazionale del servizio sanitario nazionale in Inghilterra, ha aggiunto che è “vitale” che le famiglie si facciano avanti e si facciano vaccinare.

L’appello arriva nel contesto di una battaglia più ampia per aumentare i tassi di vaccinazione contro le malattie infantili pericolose, con l’esitazione nei confronti del vaccino alimentata durante la pandemia. All’inizio di quest’anno è stata segnalata anche una recrudescenza del morbillo in Inghilterra.

“Se sei incinta e non sei stata ancora vaccinata, o tuo figlio non è in regola con la pertosse o altre vaccinazioni di routine, contatta il tuo medico di famiglia il prima possibile e se tu o tuo figlio mostrate sintomi chiedete un appuntamento urgente dal medico di famiglia o ottenere aiuto dall’NHS 111”, ha affermato il professor Powis.