Sab. Mag 18th, 2024
Xi Jinping trasforma i legami della Cina con l’Ungheria in una partnership “per tutte le stagioni”.

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il presidente cinese Xi Jinping ha salutato l'Ungheria come uno dei partner strategici più importanti di Pechino, elargindo elogi al paese anticonformista del primo ministro Viktor Orbán durante un viaggio in Europa che, secondo gli analisti, è destinato ad ampliare le divisioni nell'UE e nella NATO.

Cina e Ungheria hanno trasformato la loro relazione in una “partenariato strategico globale per tutte le stagioni per la nuova era”, ha detto Xi a giornalisti accuratamente selezionati nell’ufficio di Orbán in cima alla collina del Castello di Buda a Budapest.

“Le nostre relazioni bilaterali sono le migliori che siano mai state nella nostra storia”, ha affermato Xi. “Faremo del nostro meglio per guidare le nostre relazioni e la nostra cooperazione su un percorso d’oro, che ci aiuti a raggiungere obiettivi più elevati”.

Il cambiamento rispetto al precedente “partenariato strategico globale” tra Ungheria e Cina pone Budapest in una posizione privilegiata nel pantheon diplomatico di Pechino.

Gli analisti hanno affermato che solo i legami della Cina con la Russia, ufficialmente chiamati “partenariato strategico globale di coordinamento per una nuova era”, hanno superato la nuova designazione dell’Ungheria, sebbene Pechino abbia anche uno stretto rapporto con la Corea del Nord, con la quale ha un trattato militare.

L'uso del termine “nuova era” – una frase sinonimo della visione personale di Xi – è stato particolarmente sorprendente, hanno detto gli analisti.

Yu Jie, un esperto cinese presso Chatham House, un think tank britannico, ha affermato che la nuova formulazione rappresenta un significativo elevamento dello status che la Cina ha concesso all’Ungheria.

“Ciò dimostra che la Cina vuole fare dell’Ungheria il paese leader con cui dialoga nell’Unione europea. Vuole anche che l’Ungheria funga da ponte verso ulteriori relazioni cinesi con l’UE”, ha affermato.

Il presidente cinese ha affermato che “i governi, i parlamenti e i partiti” dei due paesi rafforzeranno i legami “offrendo al contempo un costante sostegno reciproco agli interessi fondamentali dell'altro”.

“Approfondiremo la cooperazione economica, commerciale e finanziaria”, ha affermato Xi. “Promuoveremo la ferrovia Belgrado-Budapest e altri importanti [infrastructure] progetti. Amplieremo la cooperazione nei settori economici emergenti con una nuova qualità di impegno”.

Prima del suo arrivo in Ungheria, tappa finale di un tour europeo di cinque giorni in tre nazioni, Xi aveva elogiato il governo di Orbán per aver perseguito una politica estera “indipendente” e per aver “sfidato” la politica delle grandi potenze.

Mercoledì in Serbia, Xi ha firmato una dichiarazione congiunta con il presidente Aleksandar Vučić sulla creazione di una “comunità Cina-Serbia con un futuro condiviso”, un sostegno agli sforzi del leader cinese di costruire una coalizione di paesi che si oppongono a ciò che considera gli Stati Uniti. egemonia.

A Budapest, Xi ha affermato di contare sull’Ungheria per diventare un membro sempre più forte dell’UE e che la Cina vuole concentrarsi sulla costruzione di legami regionali nell’Europa centrale e orientale insieme all’Ungheria.

Orbán, che ha un rapporto combattivo con i partner dell’Ungheria all’interno della NATO e dell’UE, è stato altrettanto espansivo. Nei 20 anni trascorsi dall’ultima visita di un presidente cinese a Budapest, il mondo è diventato multipolare, ha detto aggiungendo: “un pilastro importante di questo è la Cina, che stabilisce la direzione dell’economia mondiale”.

“Abbiamo sempre considerato la Cina come un amico”, ha detto.

Orbán ha affermato che l’Ungheria ha sostenuto il piano di pace della Cina per la guerra in Ucraina, ribadendo la sua richiesta per un cessate il fuoco immediato e colloqui di pace – una politica che gli alleati della NATO rifiutano come simile alla capitolazione.

“Ci sono aree in cui la Cina è la migliore al mondo, comprese alcune in cui lambisce il mondo”, ha detto Orbán, aggiungendo che i veicoli elettrici, le ferrovie e la tecnologia dell’informazione erano aree in cui l’Ungheria era desiderosa di collaborare.

Ha detto che la cooperazione tra Pechino e Budapest includerà “l’intero spettro del nucleare [power] industriale, dove finora non abbiamo collaborato”.

I funzionari dei due paesi hanno firmato giovedì 18 accordi economici, ha dichiarato il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó.

La Cina e l'Ungheria coopereranno su una ferrovia merci intorno a Budapest, un nuovo collegamento ferroviario ad alta velocità tra l'aeroporto della capitale e il centro città e la costruzione di un oleodotto tra l'Ungheria e la Serbia, ha detto Szijjártó.

La Serbia attualmente fa affidamento su un unico oleodotto che attraversa la Croazia per le sue importazioni di greggio.