Gio. Mag 23rd, 2024
L’Europa si trova di fronte a una minaccia “mortale”, afferma Emmanuel Macron

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Emmanuel Macron ha avvertito che l’UE si trova ad affrontare una minaccia “mortale” derivante dal declino economico, dal crescente illiberalismo e dal ritorno della guerra causato dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia.

In un discorso Martedì all’Università della Sorbona, il presidente francese ha tracciato un ritratto a volte oscuro delle sfide che l’Europa deve affrontare e ha sostenuto la necessità di cambiamenti radicali nelle politiche di difesa, monetarie e di investimento del blocco.

“Dobbiamo essere consapevoli che la nostra Europa oggi è mortale – può morire – e dipende dalle scelte che facciamo ora”, ha affermato. “Le regole del gioco sono cambiate”.

Ha affermato che l’UE deve raddoppiare la propria potenza finanziaria per investire centinaia di miliardi di euro ogni anno in nuove tecnologie, una difesa più forte e la decarbonizzazione della sua economia.

Macron ha appoggiato l’idea dell’emissione di debito comune per rafforzare la cooperazione nel settore della difesa e ha invitato l’UE a sviluppare un proprio “concetto strategico” per una difesa europea condivisa compatibile con la NATO.

Ha anche suggerito una politica di “preferenza europea” nelle industrie della difesa e dello spazio da inserire nei trattati dell’UE – un processo che richiederebbe anni e sarebbe soggetto a referendum in alcuni Stati membri.

Separatamente dal discorso, martedì a Bruxelles è emersa la crescente aggressività di Macron nei confronti della Russia, mentre i diplomatici francesi hanno spinto per un nuovo regime di sanzioni dell’UE mirato alle “attività di destabilizzazione guidate dalla Russia”. Il piano francese prenderebbe di mira entità come il gruppo paramilitare Wagner e persone che conducono operazioni di influenza russa prima delle elezioni europee, come l’oligarca ucraino filo-Cremlino Viktor Medvedchuk.

La proposta è stata avanzata con il sostegno degli Stati baltici, della Polonia e dei Paesi Bassi e “aiuterebbe a stigmatizzare ulteriormente gli attori della destabilizzazione guidati dalla Russia e inviare un segnale forte ai governi tentati di stipulare contratti con loro”.

Il discorso di martedì, durato più di 100 minuti, è stato pubblicizzato dai consiglieri di Macron come la Sorbona II, un richiamo a un altro discorso tenuto sullo stesso palco nel 2017 in cui aveva elencato decine di proposte su tutto, dalla difesa alla tecnologia, per costruire un'Europa meno dipendente dagli altri. poteri.

Il presidente francese ha salutato i progressi compiuti dall’UE verso la costruzione della sua “autonomia strategica” e ha ribadito il suo appello affinché l’Europa si assuma maggiori responsabilità per la propria sicurezza.

“Un’Europa potente deve farsi rispettare e garantire la propria sicurezza. Deve avere confini e proteggerli. Deve rendersi conto dei rischi che deve affrontare e prepararsi ad affrontarli”, ha affermato Macron.

Il 2017 di Macron Discorso della Sorbona fu accolto allora con scetticismo, soprattutto da parte della Germania allora guidata da Angela Merkel.

A differenza del suo predecessore, che aveva ignorato il discorso, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha reagito nel giro di poche ore dicendo: “La Francia e la Germania vogliono entrambe che l’Europa rimanga forte. Il tuo discorso contiene buone idee su come possiamo raggiungere questo obiettivo”.

Ma le successive crisi legate alla pandemia di Covid-19, la guerra della Russia in Ucraina e lo shock energetico che ha innescato hanno in parte spostato l’UE nella direzione di Macron. Ha indicato la decisione di prendere in prestito congiuntamente 800 miliardi di euro per aiutare le economie del blocco a riprendersi dalla pandemia come una conferma della sua visione.

Sebbene alcune idee francesi, come la necessità di una politica industriale più forte, abbiano guadagnato terreno anche presso gli Stati membri, molte altre proposte avanzate da Macron nel 2017 sono cadute nel vuoto.

La sua posizione si è indebolita anche a livello nazionale da quando la sua alleanza centrista ha perso la maggioranza parlamentare nel 2022, rendendo difficili ulteriori riforme soprattutto perché il deterioramento delle finanze pubbliche lascia poco margine di spesa.

I sondaggi sulle prossime elezioni europee di giugno mostrano che la lista di Macron è quasi 15 punti indietro rispetto a quella della leader di estrema destra Marine Le Pen. I suoi alleati sperano che il discorso combattivo dia una spinta alla vacillante campagna, la cui lista è guidata da un'eurodeputata poco conosciuta di nome Valérie Hayer.

Macron ha chiesto massicci investimenti da parte dell’Ue nell’intelligenza artificiale, nell’informatica quantistica, nello spazio, nella biotecnologia, nell’energia nucleare e nella produzione di idrogeno, affermando che il blocco ha bisogno di strumenti di sovvenzione facili da implementare come i crediti d’imposta previsti dalla legge statunitense sulla riduzione dell’inflazione.

Ha anche chiesto una politica commerciale dell’UE più severa che preveda sempre il rispetto degli standard ambientali europei e l’accesso reciproco al mercato. L’intelligenza artificiale e la tecnologia verde dovrebbero essere coperte da “esclusioni” dalla politica di libero scambio, ha affermato.

Per finanziare tali ambizioni, Macron ha nuovamente sostenuto che l’UE ha bisogno di entrate fiscali dedicate, come la carbon border tax appena entrata in vigore, una tassa sulle transazioni finanziarie a livello UE e di tassare maggiormente le multinazionali eliminando le tecniche di trasferimento degli utili – entrambi suggerito da lui nel 2017 ma da allora non adottato. Dovrebbe anche rafforzare e collegare i suoi mercati dei capitali, ha sostenuto, in un’altra riforma dell’UE promessa da tempo ma non realizzata.

“Ora è il momento in cui l’Europa deve chiedersi cosa vuole essere”, ha detto Macron. “Questo è un momento decisivo”.