Lun. Giu 24th, 2024
La Russia è avanzata di 10 km verso Kharkiv, dice l'Ucraina

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La Russia è avanzata di 10 km dal confine con l'Ucraina verso la città di Kharkiv, ha detto Kiev, ma ha aggiunto che le sue stesse forze hanno “stabilizzato” l'assalto del Cremlino lanciando un massiccio contrattacco con i droni.

Il presidente Volodymyr Zelenskyy ha detto che le forze russe hanno raggiunto la prima delle tre linee difensive che proteggono la seconda città più grande dell'Ucraina dopo un'offensiva durata una settimana, ma ha sottolineato che l'avanzata è ora bloccata.

“Oggi, le nostre forze di difesa hanno stabilizzato i russi dove si trovano”, ha detto Zelenskyj dopo aver visitato Kharkiv giovedì. “Il punto più profondo della loro avanzata è di 10 km.”

La città di Kharkiv, a circa 35 chilometri dal confine, è stata presa di mira da una nuova offensiva russa destinata in parte a trarre risorse dalla regione orientale di Donetsk, che Mosca ha più volte affermato di voler conquistare.

“Comprendiamo che ci saranno dure battaglie davanti a noi e il nemico si sta preparando per questo”, ha detto il generale Oleksandr Syrskyi, comandante in capo dell'Ucraina, aggiungendo che la Russia finora non è riuscita a sfondare le difese dell'Ucraina.

Il presidente Vladimir Putin, mentre visitava la Cina venerdì, ha detto che Mosca “al momento non ha intenzione di prendere Kharkiv”. Tuttavia ha aggiunto che le truppe russe “avanzano ogni giorno”.

Putin ha parlato dopo che l’Ucraina ha lanciato il suo più grande attacco di droni fino ad oggi contro la Russia, colpendo aree tra cui la regione di confine di Belgorod, e ha sostenuto che l’assalto potrebbe richiedere la creazione di una zona cuscinetto.

La leadership militare ucraina ha inviato rinforzi a Kharkiv, ma è stata cauta nel ridurre eccessivamente le proprie forze in altre parti del fronte.

Il contrattacco di Kiev alla Russia ha coinvolto più di 100 droni d'attacco aerei e navali.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato su Telegram che i suoi sistemi di difesa aerea hanno distrutto e intercettato 51 droni sulla Crimea, 44 sulla regione di Krasnodar e molti altri sulla regione di Belgorod, Kursk e sul Mar Nero.

Gli attacchi dell’Ucraina hanno preso di mira basi militari, depositi di petrolio e raffinerie russe nel tentativo di indebolire le forze del paese da lontano.

Ma Kiev è stata vincolata da restrizioni all’uso di armi fornite dall’Occidente contro il territorio russo. Washington è preoccupata per l’impatto sui prezzi del petrolio e per una possibile escalation del conflitto.

Zelenskyj ha espresso la sua frustrazione per i limiti imposti dall’Occidente nei commenti di venerdì. Ha suggerito che fosse sbagliato definire “offensiva” l’uso da parte dell’Ucraina di armi occidentali sul territorio russo, aggiungendo: “Questa è difesa”.

Le autorità locali e i canali di social media russi nelle aree colpite hanno indicato che droni ucraini e detriti di droni hanno colpito una raffineria di petrolio e un porto marittimo nella città russa di Novorossiysk sul Mar Nero, provocando un incendio e interruzioni di corrente.

Il governatore di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, ha detto che due persone sono state uccise quando una stazione di servizio nella regione è stata danneggiata dai droni.

Interruzioni di corrente sono state segnalate a Sebastopoli dal capo installato dalla Russia, Mikhail Razvozhayev, a causa dei detriti che hanno colpito una sottostazione.