Dom. Lug 14th, 2024
La situazione alla vigilia delle elezioni cruciali in Francia

Bentornati alla nostra edizione speciale di Europe Express dedicata alle elezioni francesi.

Un giorno prima che la Francia vada alle urne per il primo turno delle elezioni per la nuova Assemblea nazionale, seguito dal ballottaggio il 7 luglio, gli elettori sembrano più che mai favorevoli alla politica estremista.

Dedichiamo questa e le prossime due edizioni di Europe Express alla politica francese, dopo la decisione del presidente Emmanuel Macron del 9 giugno di indire elezioni anticipate che minacciano di schiacciare il mainstream politico. Questa è l'edizione inglese, ma puoi leggerla anche in francese qui. Puoi contattarmi all'indirizzo [email protected].

Dove siamo ora?

Sondaggi di questa settimana ha mostrato che circa il 36,5% dei voti al primo turno ha sostenuto il Rassemblement National, un partito di estrema destra che vuole escludere le persone con doppia nazionalità da alcuni incarichi pubblici e ha dichiarato una guerra culturale all'Islam, come rivelato nella nostra intervista con il suo capo Giordania Bardella. Questo punteggio è in aumento rispetto al 31% senza precedenti che il partito ha vinto alle elezioni europee all’inizio di questo mese.

Al secondo posto, con il 29 per cento, c'è ancora il Nuovo Fronte Popolare, una fragile alleanza tra il partito mainstream Parti Socialiste e il partito di estrema sinistra e virulentemente anticapitalista La France Insoumise.

Sembra quindi probabile un ballottaggio tra gli estremi nella maggior parte dei seggi dopo il primo turno delle elezioni di domani, con il centro moderato che probabilmente sarà relegato a un ruolo marginale nello scenario della politica parlamentare francese.

Fare sbarramento all'estrema destra

E tuttavia… si prevede che l'affluenza alle urne raggiungerà il 64 percento o più, un livello mai visto nelle elezioni legislative da 20 anni. E questa settimana così tanti cittadini francesi all'estero si sono precipitati a presentare voti per delega che il sito web del governo ha dovuto essere sospeso temporaneamente per far fronte alla domanda. Giovedì, il ministero dell'Interno ha annunciato che finora sono stati registrati 2,1 milioni di delegati, il doppio rispetto alle precedenti elezioni legislative.

Alcuni vedono questo come un segnale che i francesi stanno dando ascolto alle chiamate al “faire barrage” — o all'unione tra i partiti — per votare contro l'estrema destra al primo turno. Sperano che gli elettori respingano ancora una volta il governo per estremismo, come hanno fatto tre volte prima (2002, 2017 e 2022) quando il RN, e il suo predecessore il Front National, hanno perso contro il centro-destra al secondo turno delle elezioni presidenziali. Bruno Le Maire, ministro delle finanze, ha affermato in questa intervista sul canale commerciale francese BFM ha affermato di essere “felicissimo di questo inizio. La vedo come la consapevolezza che è davvero in gioco il futuro della Francia”.

Ma non tutti sono così ottimisti. Un veterano deputato centrista che lotta per mantenere il suo seggio mi ha detto questa settimana che la profondità dell'animosità degli elettori nei confronti di Macron e del suo stile di governo autocratico ha devastato il centro che ha cercato di guidare, scioccando persino i ministri del governo in campagna elettorale. “Uno mi ha chiamato la scorsa settimana per dirmi che saremo spazzati via”, ha detto. Il candidato ha cancellato ogni riferimento a Macron o alla sua alleanza Ensemble dalle sue brochure di campagna, ma ciò non ha impedito agli elettori di insultarlo per strada o sui social media.

L’era Macron – iniziata con la promessa di una Francia dinamica e rinvigorita e proseguita con un’occupazione record insieme a un’ondata di nuove start-up – sembra volgere al termine in una nebbia di rabbia e frustrazione. Olivier Blanchard, ex capo economista del FMI, analizza qui i quattro atti della tragedia Macron.

Ma non tutta la colpa può essere attribuita all’attuale presidente, afferma il politologo Olivier Roy in questo saggio ponderato. La storia è andata avanti per decenni, con la società francese che non trova più il suo riflesso nelle istituzioni e nelle pratiche della Quinta Repubblica.

Quando la sinistra si mobilitò per sostenere il centrodestra Jacques Chirac contro il fondatore dell’FN Jean-Marie Le Pen nella corsa presidenziale del 2002, persone al di là delle divisioni politiche erano pronte a difendere lo Stato e le sue istituzioni, dice Roy.

Ma questo accadeva quando partiti diversi si consideravano radicati in una storia comune e avevano legami profondi con la politica locale, dove i compromessi e i rapporti personali con gli avversari sono essenziali. Non è più così.

Poi Macron, seguendo una tendenza avviata da Nicolas Sarkozy, presidente dal 2007 al 2012, ha cercato di aggirare le istituzioni francesi, dice Roy.

Questo disprezzo per lo “Stato profondo” è stato accompagnato da un disprezzo per la politica tradizionale”, scrive. “L’arrivo della RN al governo potrebbe comportare non una rottura completa, ma piuttosto un’intensificazione di tendenze già evidenti.

Compiti di economia

Tornando alla campagna, i sondaggi di questa settimana suggeriscono che gli elettori si fidano più della non testata RN che dei centristi o della sinistra nella gestione dell’economia. È un segno che la strategia di Le Pen di de-demonizzare (parole sue) il RN, dipingendolo come un paladino delle piccole imprese e dei lavoratori comuni, sta avendo successo, anche se le politiche economiche del partito sono rudimentali, confuse e suscettibili di innescare una rivolta. serie di sfide legali a Bruxelles.

Lunedì Bardella – il 28enne capo del partito che diventerà primo ministro se la RN otterrà la maggioranza – ha svelato il suo programma economico. Ha fatto marcia indietro su alcune delle politiche più costose, rinviando, ad esempio, l’inversione delle riforme pensionistiche. Ma molte delle proposte sono ancora senza finanziamenti. Étienne Lefebvre, editorialista di Les Echos lo ha descritto come poco più di un “inganno di bilancio”, nonostante Bardella affermi di voler essere fiscalmente responsabile.

Nel frattempo, i leader aziendali stanno lottando con il modo in cui dovrebbero rispondere se la RN vincesse la maggioranza, o addirittura la quota maggiore di seggi nell'Assemblea nazionale. Nonostante anni di attenta gestione dei messaggi, la RN non si è completamente liberata della sua reputazione di nazionalismo tossico. L'elezione di decine di deputati inesperti probabilmente rivelerà alcune correnti più spiacevoli nel movimento populista. “Stiamo cercando di decidere come avvicinarli, chi incontrare e se dovremmo o meno chiedere loro di difendere alcune delle nostre politiche”, ha affermato un dirigente questa settimana.

Tuttavia alcuni leader aziendali hanno già iniziato a corteggiare il partito, ritenendo che il nascente programma economico della RN sia ancora più suscettibile di influenza rispetto a quello di una coalizione di sinistra comprendente l'anticapitalista La France Insoumise.

“È una scelta tra due mali”, ha confidato il presidente di una società francese di prima fascia. “Le folli politiche dell’NFP [alliance] hanno effettivamente portato a far sembrare ragionevole la RN. Ma alcune delle proposte della RN ci metteranno in un conflitto testa a testa con l’Europa. Le imprese temono questo, e le conseguenze sui tassi debitori francesi. Ci costerà di più”.

Alcuni leader aziendali potrebbero andare anche oltre. Due media francesi, Le Monde e Mediapart, hanno dettagliato l'esposizione data alle opinioni e ai candidati di RN sulle stazioni di proprietà del magnate dei media Vincent Bolloré. Giovedì, il controllo dei media francese ha denunciato Europe 1 di Bolloré per “mancanza di misura e onestà” nel commento elettorale del presentatore pro-RN Cyril Hanouna.

Così quello che ora?

Marine Le Pen, artefice della “normalizzazione” del RN, è stata abile nel controllare l'immagine del partito nei 13 anni trascorsi da quando è subentrata al padre Jean-Marie. Tuttavia, negli ultimi giorni della campagna, la sua presa, anche su se stessa, potrebbe allentarsi. Intervenendo al notiziario regionale Le Télégramme, Le Pen descritto il ruolo del presidente quello di capo delle forze armate come “titolo onorifico perché il primo ministro tiene i cordoni della borsa”. In quella breve frase Le Pen non solo mise in discussione l'istituzione del potente esecutivo francese, ma la stessa Costituzione. I suoi commenti, che poi ha parzialmente ritrattato, hanno dato agli oppositori di RN nel dibattito televisivo di giovedì la possibilità di attaccare la volontà del partito di lavorare con l'esecutivo in qualsiasi governo condiviso.

Il suo scivolone mi ha ricordato un'intervista che ho fatto a Le Pen nel 2011, appena un mese dopo che aveva assunto la guida del RN, allora chiamato Front National. Era stata ben preparata alle domande sulla reputazione del partito per antisemitismo e razzismo. Non tanto, tuttavia, per la domanda improvvisa se avrebbe approvato il matrimonio di sua figlia con un musulmano. D'istinto, ha risposto: “La avvertirei che…”, poi si è fermata, rapidamente, tornando al messaggio e cambiando argomento. È stato un breve momento, ma sufficiente.

Le ho anche chiesto della sua missione come nuova leader dell'estrema destra. “Sono qui per costruire l'ascesa al potere del Fronte Nazionale”, mi ha detto con assoluta convinzione.

Nel corso della prossima settimana, potrebbe concretizzare la sua ambizione.

Ulteriori informazioni su questo argomento

Hugh Schofield della BBC si tuffa nella vita familiare e nelle influenze di Marine Le Pen nel tentativo di comprendere la “normalizzazione” del più grande partito di estrema destra francese. Sarà anche stato scritto nel 2017, quando Le Pen sfidava Macron alle elezioni presidenziali, ma è comunque una delle migliori dissezioni della “normalizzazione” del RN che abbia mai letto.

Le scelte della settimana di Peggy

  • Grazie Simon Kuper per aver spiegato perché la Francia potrebbe non essere poi così perduta come i francesi pensano!

  • Se hai bisogno di una pausa dalle elezioni in Francia, Stati Uniti e Regno Unito, allora questa prova sullo slang adolescenziale del saggista canadese Stephen Marche è una lettura divertente. Potresti anche iniziare a capire la tua prole.