Ben tornato. Al telegiornale di questa settimana: tensioni tra Serbia e Kosovo. Guarderò questo e i travagliati Balcani occidentali nel loro insieme. Quanto sono gravi le minacce alla stabilità europea? Quanto è pericolosa l’ingerenza russa nella regione? Sono a [email protected]


Come dice Misha Glenny, non c’è amore perduto tra il presidente della Serbia Aleksandar Vučić e Albin Kurti, il primo ministro del Kosovo. È stato positivo che la Nato e l’UE abbiano portato i due leader a Bruxelles questa settimana per precisare la necessità di attenuare le tensioni che si sono divampate all’inizio di agosto.

Tuttavia, Misha osserva correttamente che c’è un sottostante abbandono occidentale della regione. Questo rischia di fare il gioco di Mosca, come sottolinea Dimitar Bechev, un altro importante specialista dei Balcani.

In particolare, mentre il resto dell’Europa centrale e orientale (ma non Bielorussia, Moldova o Ucraina) ha aderito all’UE tra il 2004 e il 2013, la maggior parte degli Stati balcanici non è quasi più vicina all’adesione rispetto a quando ha ricevuto la promessa di entrare due decenni fa.

Questo è esattamente il modo in cui alcuni leader politici dell’Europa occidentale lo vogliono, anche se preferiscono non dirlo ad alta voce. E la porta dell’Ue potrebbe essere definitivamente chiusa ai paesi balcanici se la proposta del presidente francese Emmanuel Macron per una “comunità politica europea” dovesse mai decollare.

Tuttavia, la tendenza ad incolpare i governi occidentali per i problemi della regione non tiene conto del fatto che moltissimi di questi problemi sono generati internamente. Inoltre, mi colpisce spesso il fatto che, sebbene le élite politiche nei Balcani parlino bene di voler entrare nell’UE e abbracciarne gli standard di governance, alcune in pratica hanno altre preoccupazioni.

Ad esempio, nella regione sono comuni la corruzione, la criminalità organizzata, la magistratura politicizzata e i media indipendenti deboli. Le élite politiche e imprenditoriali dei Balcani vogliono davvero che l’UE faccia pressione su di loro affinché cambino i loro modi, come ha fatto con Polonia e Ungheria?

Attingendo alle lezioni della moderna storia balcanica – una storia segnata da conflitti tra e all’interno di stati giovani e fragili – alcune di queste élite pensano che le rigide condizioni legate all’adesione all’UE potrebbero minacciare la loro presa sul potere. Potrebbe anche ridurre la libertà di manovra dei loro paesi, seppur limitata, sulla scena internazionale.

Prendi la Serbia. In un commento rivelatore, Petar Petković, l’uomo di punta del governo serbo per le questioni del Kosovo, ha detto al FT che Belgrado sta perseguendo una “politica di sicurezza nazionale indipendente, cooperando in modo equilibrato sia con l’est che con l’ovest”.

Senti qui echi di Josip Broz Tito, il defunto leader comunista jugoslavo e capo del movimento non allineato durante la guerra fredda? Penso che tu lo faccia.

È vero, altri stati balcanici hanno meno interesse della Serbia a giocare contro l’UE e gli Stati Uniti contro Russia e Cina. Eppure alcuni hanno pesci diversi, anche se ugualmente scivolosi, da friggere.

Ad esempio, vari politici del Kosovo, tra cui Kurti, giocano con l’idea di spingendo per l’unificazione del loro paese – che ha una maggioranza etnica albanese e una minoranza serba – con l’Albania. Tale “Grande Albania” potrebbe includere anche le aree popolate da albanesi della Macedonia del Nord.

Non riesco a pensare a una ricetta migliore per il disastro nei Balcani, a meno che non sia lo sforzo serbo-bosniaco di distruggere l’accordo di pace di Dayton in Bosnia ed Erzegovina, in modo che tutti i serbi possano trovarsi in uno stato della Grande Serbia.

Tra i tanti motivi per cui cambiare i confini nei Balcani è un’idea terribile è che costituirebbe un gustoso precedente per la Russia, che è destinata a fare esattamente la stessa cosa in Ucraina, avendo già annesso la Crimea nel 2014.

I leader balcanici non servirebbero meglio il loro popolo concentrandosi sui problemi economici e sociali cronici della regione, aggravati dalla pandemia e dall’attacco della Russia all’Ucraina? Questo Grafico della Banca Mondiale prodotto da Brookings illustra le sfide.

La disputa Kosovo-Serbia è uno dei tanti motivi per cui nessuno dei due Stati entrerà a far parte dell’UE nel prossimo futuro. Le persone in Kosovo lo sanno, motivo per cui stanno premendo per l’obiettivo apparentemente più raggiungibile di ingresso senza visto nei paesi dell’UE.

La Commissione Europea è favorevole a questo passo, ma alcuni governi dell’Europa occidentale sono contrari, citando preoccupazioni sullo Stato di diritto e sulla criminalità organizzata.

Con le restrizioni di viaggio ancora in vigore, le autorità del Kosovo potrebbero perdere l’entusiasmo per le riforme legali, amministrative ed economiche necessarie per avere qualche possibilità di adesione all’UE.

Eppure il Kosovo non entrerà mai a far parte dell’UE finché cinque dei suoi 27 stati – Cipro, Grecia, Romania, Slovacchia e Spagna – non riconoscerne l’indipendenza dalla Serbia, proclamato nel 2008.

La loro opposizione deriva da controversie territoriali e nazionali in ogni paese: la divisione di fatto turca di Cipro, gli ungheresi etnici in Romania e Slovacchia e il movimento secessionista catalano in Spagna. Per questi cinque stati, la separazione del Kosovo dalla Serbia sembra un precedente problematico.

Un accordo tra Serbia e Kosovo potrebbe risolvere il problema. Ma come suggerito dai colloqui di questa settimana a Bruxelles, una tale svolta è ancora molto lontana.

Altro su questo argomento

  • Il curiosa storia di Daria Aslamovaa un giornalista russo è stato impedito di entrare in Kosovo — come riportato da Krenare Cubolli e Tony Wesolowsky per Radio Free Europe/Radio Liberty

  • La disinformazione russa lo è diffuso in Serbiascrive Antoinette Nikolova, direttrice della Balkan Free Media Initiative, per euractiv.com

Notevole, citabile

A nostro avviso, non esiste né un vincitore legalmente e validamente dichiarato né un presidente eletto — l’ex premier Raila Odinga lancia una sfida alla vittoria di misura di William Ruto, vicepresidente, alle elezioni del 9 agosto in Kenya

Le scelte di Tony della settimana

  • Il commercio e l’attività economica stanno riprendendo a Odesa, il porto più importante dell’Ucraina, che le forze russe hanno bloccato dopo aver invaso il Paese a febbraio. Mehul Srivastava del FT riferisce dalla città del Mar Nero

  • La democrazia spagnola moderna è una democrazia delicata, contestata equilibrio tra il governo centrale di Madrid e le regioni del paesescrive Benoît Pellistrandi, storico della Real Academia de la Historia di Madrid, per l’Institut Montaigne con sede a Parigi