Ben tornato. Con il Natale alle porte, due notizie – riguardanti la guerra in Ucraina e le eredità del colonialismo europeo – offrono l’opportunità di riflettere sulle lezioni che possiamo trarre dagli eventi del 2022. Sono a [email protected]

Innanzitutto, alcune pulizie. La prossima settimana non ci sarà l’edizione del sabato di Europe Express. Il normale servizio riprenderà sabato 7 gennaio.

Potere duraturo dello stato-nazione

La fulminea visita di guerra del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy a Washington questa settimana ha fatto paragoni con un famoso viaggio del premier britannico Winston Churchill nel dicembre 1941 per conferire con il presidente Franklin Roosevelt, solo pochi giorni dopo l’attacco giapponese a Pearl Harbor.

Ecco i miei pensieri su cosa ci dicono l’aggressione della Russia, l’autodifesa dell’Ucraina e il sostegno dell’Occidente a Kiev su un ordine mondiale scosso dalla guerra.

In primo luogo, il potere duraturo dello stato-nazione. Racchiude i principi di libertà, autogoverno e identità per i quali gli ucraini stanno combattendo.

L’invasione della Russia è stata un assalto calcolato alla statualità e all’identità nazionale ucraine. Ma è controproducente, nel senso che i terribili sacrifici della guerra hanno saldato la leadership e il popolo ucraino a queste idee come mai prima d’ora.

In secondo luogo, l’attrattiva dell’UE e della NATO come alleanze multinazionali di democrazie. L’Ucraina e la Moldavia sono diventate ufficialmente candidate all’adesione all’UE a giugno. All’inizio di questo mese, dopo una lunga attesa, anche Bosnia Erzegovina.

Nel frattempo, Finlandia e Svezia sono sulla buona strada per entrare a far parte della Nato. Supponendo Ungheria e la Turchia – le due resistenze rimanenti – ratificano le richieste finlandese e svedese nel 2023, che porterà L’appartenenza alla Nato a 32 paesi.

Terzo, la caduta della Russia nella dittatura. La diagnosi dello storico di origine russa Sergej Radchenko dice tutto: “La Russia si sta trasformando in uno stato di guarnigione, dove le persone vivono vite brevi, brutte e brutali, e dove tutta la realtà alla fine si risolve in miseria, tirannia e guerra”.

Nubi sull’allargamento dell’UE

Alcune parole di cautela. Non tutto sta andando per il verso occidentale. Crescenti le tensioni con la Cina, soprattutto su Taiwan e commercio globalemostrano tutti i segni di un peggioramento nel 2023. L’inflazione e la recessione incombono sulle economie occidentali.

Al di là delle democrazie del Nord America, dell’Europa e dei loro alleati, gran parte del mondo non è allineato con l’occidente nella guerra in Ucraina o nella contesa in corso con la Cina.

Infine, la guerra in Ucraina ha messo in luce le divergenze sulla politica nei confronti della Russia tra i membri dell’Europa occidentale dell’UE, principalmente Francia e Germania, e gli stati dell’Europa centrale e orientale, guidati dalla Polonia. Ciò solleva la questione se le promesse di adesione dell’UE per Paesi balcaniciMoldavia e Ucraina rimarranno proprio questo: promesse.

Francia e Germania vogliono collegare l’allargamento dell’UE a riforma politica ed economica del blocco delle 27 nazioni. Ma molti europei centro-orientali — pur essendo forti sostenitori dell’allargamento dell’UE — non sono in alcun modo inclini ad accettare la leadership di Parigi e Berlino, a causa della loro diffidenza nei confronti degli atteggiamenti francesi e tedeschi nei confronti della Russia.

Entro la fine del 2023, gradirei avere la possibilità di affermare che l’UE ha compiuto reali progressi sull’allargamento. Per ora, non sto alimentando le mie speranze.

Eredità dell’imperialismo europeo

Nel caso te lo fossi perso, Il primo ministro olandese Mark Rutte lunedì ha tenuto un discorso che è stato senza dubbio l’apologia più netta mai pronunciata da un capo di governo europeo per la schiavitù nell’era dell’imperialismo.

Puoi trovare il discorso qui sul sito web del governo olandese, che ha annunciato l’intenzione di istituire un fondo di 200 milioni di euro per misure volte a sensibilizzare e affrontare gli effetti attuali della schiavitù.

Marian Markelo Winti parla con il primo ministro olandese Mark Rutte

Si potrebbe dire, beh, sul tempo. Ma resta il fatto che, per quanto tardivi, tali passi stanno acquistando slancio.

L’anno scorso, il re del Belgio Philippe espresso rammarico per la ferocia del dominio coloniale belga in Congo, sebbene fosse un’affermazione meno esplicita di quella di Rutte. Il governo tedesco ha fatto lo stesso per quanto riguarda Namibia.

Le maggiori ex potenze coloniali europee, in particolare la Francia, Spagna e il Regno Unito, affrontano tali questioni con maggiore circospezione. Tuttavia, la dichiarazione olandese ha mostrato la strada e, nel frattempo, ha evidenziato indirettamente il fatto che proprio ora in Ucraina è in corso una guerra di tentata conquista imperiale, o riconquista.

Le rivalutazioni dell’era del colonialismo europeo stanno iniziando a influenzare anche il mondo dell’arte.

In visita questa settimana in Nigeria, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock restituito 20 cosiddetti Benin Bronzes, manufatti che furono saccheggiati dai colonialisti britannici nel 1897 e venduti a musei e collezionisti di tutto il mondo. Il mese scorso, Londra Museo Hornimann ha intrapreso un’azione simile.

Il British Museum restituirà alla Grecia i marmi del Partenone che custodisce da più di 200 anni? Tranquillamente, negoziati stanno avvenendo su una sorta di accordo.

Vediamo cosa porterà il 2023 e, nel frattempo, buon Natale a tutti i lettori di Europe Express e un nuovo anno appagante.

Maggiori informazioni su questo argomento

L’opinione pubblica globale è divisa su Russia e Cina — Xavier Romero Vidal, David Evans e Roberto Foa, in un rapporto per il Regno Unito in un gruppo di ricerca Changing Europe, illustrano come si sono evolute nel passato le percezioni pubbliche di queste due potenze e degli Stati Uniti 10 anni

Notevole, citabile

“Devi investire i risparmi di una vita in Twitter ed è stato sulla corsia preferenziale verso il fallimento da maggio. Vuoi ancora il lavoro?” – Elon Musk risponde a un utente di Twitter che si è offerto volontario per sostituirlo come amministratore delegato della piattaforma di social media

Le scelte della settimana di Tony

Per studiosi e giornalisti, comprendere la Russia è ancora più difficile del normale poiché l’accesso ai responsabili politici è diventato limitato e i dati più inaffidabili dopo l’invasione dell’Ucraina. Il Polina Ivanova di FT e l’economista parigino Sergei Guriev discutere le difficoltà in un podcast della Carnegie Politika

Il prodotto interno lordo, gli investimenti e il commercio di beni esteri del Regno Unito hanno tutti subito un duro colpo a causa della Brexit, John Springford calcola in un’analisi per il think tank Center for European Reform