Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Quasi la metà degli elettori americani pensa che gli Stati Uniti stiano spendendo troppo per gli aiuti all’Ucraina, secondo un sondaggio che sottolinea la fragilità del sostegno interno proprio mentre Volodymyr Zelenskyy si prepara a visitare Washington per fare pressioni per ottenere maggiori finanziamenti.

L’ultimo sondaggio FT-Michigan Ross ha rilevato che il 48% ritiene che gli Stati Uniti stiano spendendo “troppo” in aiuti militari e finanziari per sostenere lo sforzo bellico di Kiev contro la Russia, rispetto al 27% che ritiene che Washington stia spendendo la “giusta quantità” e che L’11% ritiene che gli Stati Uniti non stiano spendendo abbastanza.

L’opposizione è stata particolarmente pronunciata tra i repubblicani, con il 65% che ritiene che gli Stati Uniti stiano spendendo troppo in Ucraina, rispetto a circa la metà – 52% – degli indipendenti e solo un terzo – 32% – dei democratici.

I risultati arrivano mentre Biden fatica a convincere un Congresso fortemente diviso ad approvare un vasto pacchetto di spese per la sicurezza da 111 miliardi di dollari che includerebbe circa 60 miliardi di dollari per Kiev, oltre a finanziamenti per Israele e Taiwan.

Ciò avviene anche mentre Zelenskyj visiterà martedì Washington per un incontro con Biden per “sottolineare l’incrollabile impegno degli Stati Uniti” nello sforzo bellico del paese, secondo la Casa Bianca.

Il sondaggio dipinge anche un quadro desolante per i repubblicani filo-ucraini al Congresso, che stanno lottando per trovare un compromesso che possa ottenere l’approvazione dei finanziamenti. Nel tentativo di placare i repubblicani, la proposta della Casa Bianca prevede miliardi di dollari per rafforzare la sicurezza al confine tra Stati Uniti e Messico.

Lo stratega repubblicano Doug Heye ha affermato che i futuri aiuti statunitensi all’Ucraina sono “in dubbio”, aggiungendo: “I repubblicani al Congresso sono dove sono i loro elettori su questo argomento”.

Anche se nel sondaggio FT-Michigan Ross c’era più sostegno a favore degli aiuti a Israele, l’indagine ha rilevato livelli significativi di scetticismo riguardo all’aiuto allo stato ebraico nella sua guerra contro Hamas. Il 40% ritiene che gli Stati Uniti stiano spendendo “troppo” in aiuti militari e finanziari a Israele, mentre il 30% ritiene che Washington stia spendendo “la giusta quantità”.

Gli alti livelli di opposizione agli aiuti militari per Israele e Ucraina si inseriscono in un contesto di continuo disagio per lo stato dell’economia americana, con solo il 25% degli intervistati che ritiene che lo stato dell’economia statunitense sia “buono” o “eccellente”. .

Gli americani continuano a indicare nell’elevata inflazione la principale preoccupazione per quanto riguarda le loro finanze, anche se il sondaggio ha rilevato un po’ più di ottimismo sulle condizioni economiche rispetto ai risultati del mese scorso.

Tuttavia, le prospettive cupe continuano a pesare sulle prospettive di rielezione di Biden, con solo il 17% degli americani che ritiene di stare meglio dal punto di vista finanziario da quando è diventato presidente, mentre il 53% ha dichiarato di stare peggio.

Si tratta di un miglioramento marginale rispetto al mese precedente, quando il 14% degli americani aveva affermato di stare meglio dal punto di vista finanziario con Biden alla Casa Bianca, e il 55% che aveva dichiarato di stare peggio.

L’aumento dei costi al consumo ha rappresentato una sfida significativa per il presidente, che ha cercato di pubblicizzare buoni posti di lavoro e numeri del PIL e ha battezzato la sua ambiziosa strategia industriale “Bidenomics”.

Il sondaggio FT-Michigan Ross è stato condotto online dagli strateghi democratici Global Strategy Group e dalla società di sondaggi repubblicana North Star Opinion Research tra il 5 e il 6 dicembre. Riflette le opinioni di 1.004 elettori registrati a livello nazionale e ha un margine di errore di più o meno 3,1. punti percentuali.