Sab. Mag 18th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Senza cercarlo, i lettori di questo giornale possono nominare il capo diplomatico dell’UE? O, per fare una cerimonia, “l’alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza”? Può farlo anche uno su 10? In caso contrario, non è tutta colpa dello stesso Josep Borrell, un tipo abbastanza tenace che ha dato il meglio di sé durante un periodo convulso. Il fatto è che un inviato di 27 stati che non mettono in comune le loro politiche esterne – non realmente, non al di fuori del commercio – non è affatto un inviato.

Frammentazione: questa è una delle ragioni della curiosa debolezza dell’UE, che ha molti più abitanti dell’America e una quota della produzione mondiale tale da rivaleggiare con quella della Cina agli attuali tassi di cambio.

Prima di esporre le altre ragioni, vale la pena di soffermarsi sulla portata di tale impotenza. Sì, l’UE, i suoi stati costituenti e la Gran Bretagna si stanno sforzando di aiutare l’Ucraina, con la Germania un prolifico donatore di materiali, non solo di finanziamenti. Ma il futuro di quella nazione violata, con la quale l’UE ha un confine, dipende in larga misura da decine di migliaia di elettori indecisi nella cintura di sicurezza americana, oltre alla Georgia (non quella nel Caucaso meridionale) e all’Arizona. Ero lì su queste pagine a settembre, nel tentativo di indovinare le politiche estere di una seconda amministrazione Donald Trump, quando la vera storia è che, a distanza di una vita umana dal Piano Marshall, il destino dell’Europa è ancora deciso all’estero.

Allo stesso tempo, Israele, che si trova a circa 200 miglia nautiche da Cipro, membro dell’UE, guarda più a Washington che a tutte le capitali del continente messe insieme. La dipendenza dell’Europa dagli Stati Uniti all’interno e attorno alla propria regione è ormai così familiare, così tanto parte dello sfondo della politica mondiale, che abbiamo perso di vista la sua stravagante stranezza.

Una politica estera più centralizzata aiuterebbe. Ma anche se questo “momento hamiltoniano” dovesse arrivare, significherebbe – cosa? Un migliore coordinamento delle risorse insufficienti? E così arriviamo al secondo problema dell’Europa.

Gli eserciti più importanti in Europa sono la Gran Bretagna e la Francia. Una nazione ha servizi pubblici logori, un carico fiscale elevato rispetto ai suoi stessi standard e un debito così elevato che i mercati hanno urlato l’ultima volta che ha cercato di prendere in prestito molto di più. Dall’altro, il governo è incorso in alcune delle più forti proteste dal 1968 per aver innalzato l’età pensionabile da 62 a 64 anni. Se si aggiunge la difficile situazione tedesca – il modello economico contava sul gas russo come input e sulla Cina come clienti – ed è fantasioso. che l’Europa finanzierà una posizione di difesa permanentemente più forte. Si tratta di una crescita troppo scarsa per un periodo troppo lungo che crea entrate fiscali troppo limitate per coprire troppe uscite. Il prodotto interno lordo non è tutto, ma è quasi tutto, comprese la vita e la morte.

Noterete che entrambi questi problemi – la frammentazione istituzionale e la sottoutilizzazione della spesa per la difesa – sono pratici. Ho sempre dato per scontato che una superpotenza europea avrebbe fatto cose buone, se solo fossero stati presi accordi banali.

Lo farebbe? A Washington, la peggiore abitudine mentale dell’Europa viene spesso considerata una sorta di ingenuità pacifista. Ma la maggior parte di questo si è estinto qualche tempo fa. Quasi nessuna persona di rilievo nell’UE crede di poter riscattare il mondo attraverso la finezza diplomatica, gli aiuti economici e il puro potere dell’esempio. (Anche la Svezia vuole aderire alla NATO.) No, il problema è molto peggiore. È costituito da quella grande minoranza di politici ed elettori che pensano in termini strategici, ma hanno preferenze oscure.

La fatica dell’Ucraina in Europa non è la stessa dell’America First che sta crescendo a Capitol Hill. Per prima cosa, è spesso diretto contro gli Stati Uniti. C’è una vena del pensiero europeo che tende a cercare un accordo con qualunque sia il contrappeso più presentabile al potere “anglosassone”. In parte si tratta della sincera convinzione che un ordine multipolare sia più giusto. (Sulla base di quale precedente?) Alcuni di questi sono molto più meschini. Questa non è la forza principale della vita intellettuale europea, ma abbraccia destra e sinistra e ha un pedigree che risale alla Guerra dei Sette Anni, l’evento(i) meno discusso della storia moderna, che ha contribuito a determinare quella lingua anglofona. i paesi piuttosto che la Francia avrebbero modellato il mondo.

Quest’autunno, il Rassemblement National di Marine Le Pen ha finalmente ripagato un famigerato prestito russo. Nello scenario non impensabile in cui lei fosse presidente della Francia, l’idea di un’Europa geopolitica assumerebbe un aspetto piuttosto diverso. Resta da chiedersi se l’irrilevanza del più alto diplomatico dell’UE sia motivo di imbarazzo o di profondo sollievo.

[email protected]