Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I produttori di acciaio europei sono intrappolati in una spirale rovente. I legislatori locali li spingono a decarbonizzare. Tuttavia, una conversione su vasta scala alla produzione di acciaio pulito rischia di peggiorare la loro già traballante posizione competitiva globale.

Le acciaierie europee sanno che dovranno pagare l’intero costo delle emissioni di anidride carbonica entro il 2034. Ciò potrebbe aggiungere 200 euro al costo di ogni tonnellata di acciaio prodotta negli altiforni, quasi il 30% del prezzo odierno.

Ciò rende attraenti gli investimenti in tecnologie pulite, compresi i forni elettrici ad arco per riciclare i rottami metallici e gli impianti di riduzione diretta. La costruzione di un impianto DRI con 2 milioni di tonnellate di capacità annua potrebbe costare un paio di miliardi di euro, aggiungendo circa 50 euro per ogni tonnellata.

I produttori di acciaio europei sperano in questo modo di far rivivere alcuni impianti moribondi. L’associazione industriale italiana ha chiesto sussidi per sostenere l’acciaieria precedentemente nota come Ilva. In Germania, Thyssenkrupp si è assicurata 2 miliardi di euro, mentre ArcelorMittal riceverà un pacchetto del valore di 850 milioni di euro in Francia.

Grafico a linee che mostra il costo delle materie prime utilizzate nella produzione dell'acciaio.  I costi dell’acciaio di scarto sono costantemente più alti di quelli dell’acciaio grezzo

Ciò può avere senso in alcune località, ma non ovunque. Costruire strutture DRI non è sufficiente. Per farli funzionare è necessario idrogeno verde, prodotto utilizzando energia rinnovabile. In gran parte dell’Europa, ciò sarà costoso.

Per avere un’idea del costo, si consideri che un impianto DRI da 2 milioni di tonnellate avrà bisogno di circa 6 terawattora (TWh) di elettricità all’anno. Ad un costo complessivo di 80 €/MWh, si tratta di una bolletta elettrica di 480 milioni di euro. Lo stesso impianto costruito in una zona favorevole all’elettricità verde, dove i costi sono forse di 30 euro/MWh, farebbe risparmiare 300 milioni di euro.

Tali dati economici sono disponibili in alcune località europee e aiutano a spiegare come H2 Green Steel, un progetto greenfield posizionato vicino all’energia idroelettrica svedese a basso costo, si sia assicurato Finanziamenti per 4 miliardi di euro la scorsa settimana.

Ma gli impianti siderurgici tradizionali di solito non hanno la fortuna di co-ubicazione con energie rinnovabili a basso costo. Ciò li lascia esposti alla concorrenza di nuovi imprenditori intraprendenti.

Spostare l’energia pulita è una soluzione spesso pubblicizzata. Ma i produttori di acciaio potrebbero anche voler riconsiderare i propri input. Ridurre il minerale di ferro dove l’energia verde è economica e poi spedirlo alle acciaierie.

In un’era di catene di approvvigionamento congestionate e di reshoring, questo potrebbe non piacere a tutti. Ma potrebbe preservare le capacità di produzione dell’acciaio in Europa. Secondo il Rocky Mountains Institute, ciò potrebbe proteggere forse due terzi della forza lavoro di uno stabilimento tradizionale. E, in tempi difficili, non si dovrebbero escludere soluzioni creative.