Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Lo scorso anno le insolvenze aziendali in Inghilterra e Galles sono salite al livello più alto dal 1993, secondo i dati ufficiali che mettono in luce le sfide che le aziende devono affrontare in un contesto di rallentamento della domanda e alti costi di produzione.

Nel 2023 si sono verificate 25.158 insolvenze aziendali registrate, in aumento del 13,7% rispetto all’anno precedente: il numero più alto da 30 anni, ha affermato martedì il Servizio di insolvenza.

Le cifre includevano 20.577 liquidazioni volontarie, il 9% in più rispetto al 2022 e il numero più alto dall’inizio della serie nel 1960.

Le insolvenze aziendali sono misure formali adottate quando un’impresa non è più in grado di pagare i propri debiti. Le cifre eccezionalmente elevate nel 2023 rivelano le molteplici pressioni sulle imprese a causa della stagnazione dell’economia lo scorso anno, mentre i costi di finanziamento sono aumentati e i salari sono aumentati.

Nicky Fisher, presidente di R3, l’ente britannico specializzato in insolvenza e ristrutturazione, ha affermato che la “marea crescente” di insolvenze aziendali è il risultato di “una combinazione di aumento dei costi, spesa prudente, pressione dei creditori e postumi della sbornia post-pandemia”.

“A meno che il quadro economico non migliori, i costi non scendano e le persone non inizino a spendere, sembra probabile che il numero delle insolvenze rimarrà elevato quest’anno”, ha aggiunto.

I dati recenti hanno mostrato miglioramenti nell’attività economica del Regno Unito, e i mercati si aspettano che la Banca d’Inghilterra taglierà i tassi di interesse a partire da giugno, dopo averli mantenuti al 5,25% giovedì.

I dati separati pubblicati martedì hanno mostrato che le approvazioni di mutui sono salite ai massimi di sei mesi, mentre i dati pubblicati la scorsa settimana hanno mostrato che l’attività commerciale a gennaio è aumentata al ritmo più veloce in sette mesi.

Ma Simon Edel, partner britannico per la strategia di turnaround e ristrutturazione della società di consulenza EY-Parthenon, ha avvertito che “nonostante i dati economici recenti e più positivi, esiste una crescente divergenza tra le aziende in grado di cavalcare l’onda della ripresa e quelle troppo intrappolate in questioni finanziarie o di ristrutturazione. questioni operative a beneficio”.

Le insolvenze sono salite a 53,7 per 10.000 aziende attive nel 2023, rispetto a 49,6 nel 2022 – il livello più alto dal 2014 – ma questo è ancora molto inferiore al tasso massimo di 94,8 per 10.000 aziende attive durante la crisi finanziaria del 2008/09.

Quasi tutti i settori hanno segnalato un aumento delle insolvenze aziendali, in particolare quello del settore alberghiero, particolarmente colpito dal fatto che l’elevata inflazione ha frenato la spesa delle famiglie. Nel settore sono state effettuate oltre 3.700 liquidazioni, il 37% in più rispetto all’anno precedente. Si è registrato un aumento del 20% delle insolvenze nel commercio al dettaglio e all’ingrosso e un aumento del 18% nel settore manifatturiero.

Il settore delle costruzioni è quello che ha registrato il maggior numero complessivo di insolvenze. Kelly Boorman, responsabile nazionale delle costruzioni presso RSM UK, ha affermato che il settore ha sofferto del calo della domanda, dell’interruzione della catena di approvvigionamento, dell’aumento dei prezzi dei materiali e della carenza di manodopera.

Tuttavia, ha aggiunto: “[In 2024] c’è però qualche motivo per un cauto ottimismo, poiché i tassi di interesse si stabilizzano e l’inflazione continua a scendere, il che significa che le imprese inizieranno a vedere i finanziamenti diventare più facilmente disponibili più avanti nel corso dell’anno”.