Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Mercoledì il premier cinese Li Qiang ha avuto colloqui con il Taoiseach Leo Varadkar a Dublino, nell’ambito di un viaggio che ha evidenziato gli stretti legami commerciali e di investimento tra le due nazioni e la loro potenziale vulnerabilità alle crescenti tensioni geopolitiche.

Le esportazioni dell’Irlanda verso la Cina e il suo ruolo come destinazione sempre più importante per gli investimenti cinesi hanno reso il paese un esempio dei vantaggi derivanti dalle relazioni amichevoli con Pechino.

Ma le esportazioni sono diminuite lo scorso anno e gli stretti legami economici hanno messo Dublino nel fuoco incrociato degli sforzi statunitensi per controllare i flussi tecnologici verso la Cina e della politica dell’UE di “riduzione dei rischi” del commercio con la seconda economia mondiale.

Gli analisti hanno affermato che il viaggio di Li a Dublino, la sua unica destinazione europea al di fuori della Svizzera dopo un’apparizione al World Economic Forum di Davos, è stata un’occasione per incoraggiare l’Irlanda a mantenere stretti legami e a mantenere un flusso di vendite di semiconduttori in un momento in cui i più grandi stati dell’UE stanno prendendo misure più dure. posizione su Pechino.

Cina e Irlanda hanno “dato un buon esempio di coesistenza amichevole e di cooperazione vantaggiosa per tutti” da quando hanno stabilito relazioni diplomatiche 45 anni fa, ha detto Li dopo il suo arrivo, citando l’ambasciata di Pechino a Dublino.

“La visita del premier Li nell’unico paese dell’UE con un surplus commerciale con la Cina la dice lunga. Ciò dimostra che la Cina ha sempre degli amici, da qualche parte”, ha affermato Philippe Le Corre, membro senior dell’Asia Society Policy Institute. “Questo è un messaggio al suo stesso popolo e al mondo”.

Sebbene Dublino abbia appoggiato la “riduzione dei rischi” del commercio dell’UE con la Cina, è stata vista come “più aperta a relazioni costruttive” rispetto ad alcuni Stati membri, ha affermato Ben Tonra, professore di relazioni internazionali all’University College di Dublino.

La visita di Li potrebbe essere un’opportunità per “tastare il terreno” sull’approccio dell’Irlanda alla più ampia questione geopolitica di come l’UE affronterebbe le tensioni tra Stati Uniti e Cina, ha detto Tonra, aggiungendo: “L’Irlanda è un attore molto, molto piccolo, ma ha un certo peso in termini di spostamento dei dibattiti”.

I circuiti integrati prodotti in Irlanda, molti dei quali dal produttore di chip statunitense Intel, hanno rappresentato negli ultimi anni circa il 60% delle esportazioni in rapida espansione del paese verso la Cina.

Tuttavia, Washington ha rafforzato i controlli sulle esportazioni di semiconduttori avanzati verso la Cina. E l’amministratore delegato di Intel è stato tra i principali produttori di chip statunitensi a cui la settimana scorsa sono state inviate lettere in cui li convocava a testimoniare davanti a un comitato della Camera dei Rappresentanti che esaminava le aziende statunitensi con grandi interessi o vendite nella nazione asiatica.

La banca centrale irlandese ha dichiarato nel suo ultimo bollettino trimestrale di settembre che non era ancora chiaro se le restrizioni statunitensi sulle esportazioni verso la Cina di circuiti integrati avanzati e semiconduttori avessero avuto un impatto sulle vendite irlandesi.

“Tuttavia, poiché le imprese multinazionali di proprietà statunitense rappresentano una quota significativa delle esportazioni di questo settore in Irlanda, è possibile che le restrizioni stiano giocando un ruolo nella debolezza delle esportazioni di beni ICT tra Irlanda e Cina”, ha affermato la banca.

Alexander Davey, analista del think tank Merics con sede a Berlino, ha affermato che la visita di Li potrebbe essere vista come un intervento per chiarire la sensibilità della Cina alle pressioni su Intel e anche alle nuove leggi irlandesi che rafforzano i controlli sulle esportazioni con potenziali usi e investimenti militari che potrebbero comportare rischi per la sicurezza.

“Vedo l’Irlanda come un luogo per la concorrenza tra Stati Uniti e Cina e soprattutto per le loro aziende”, ha affermato Davey. “L’Irlanda deve stare molto attenta perché dove entrano in gioco sanzioni o restrizioni “occhio per occhio”. . . Le aziende cinesi e americane in Irlanda potrebbero essere gravemente danneggiate”.

Pechino vede anche la visita di Li – la prima di un premier cinese dal 2015 – come un’opportunità per mostrare l’Irlanda alle proprie aziende come un modo per accedere al mercato dell’UE.

Grafico a linee del commercio con la Cina come percentuale del totale degli scambi irlandesi di merci (somma nei 12 mesi precedenti,%) che mostra che la Cina è diventata un importante partner commerciale per l'Irlanda

“C’è il rischio che [EU’s] La strategia di riduzione del rischio si trasformerà in protezionismo contro la Cina”, ha affermato un funzionario cinese in Europa, che ha chiesto di restare anonimo. “Ma l’esperienza dell’Irlanda dimostra quanto siano realmente vantaggiosi i legami commerciali con la Cina”.

Per lungo tempo base per le aziende statunitensi, l’Irlanda ha goduto di crescenti investimenti da parte di aziende cinesi tra cui il gruppo tecnologico Huawei, la piattaforma di social media TikTok, WuXi Biologics e il rivenditore online PDD Holdings.

“Se si guarda agli investimenti diretti esteri [from China], nel 2015 era praticamente inesistente. Ora ci sono 9 miliardi di euro di investimenti che creano 5.000 posti di lavoro”, ha affermato Martin Murray, direttore esecutivo del think tank irlandese Asia Matters. “Le aziende cinesi sono in Irlanda per accedere al pool di talenti e ai mercati dell’UE”.

“L’Irlanda è una buona amica della Cina”, ha detto il funzionario cinese. “Siamo entrambi sostenitori del ruolo delle Nazioni Unite negli affari internazionali. Abbiamo forti rapporti commerciali e di investimento e siamo d’accordo su molte questioni di interesse comune”.

Micheál Martin, ministro degli Esteri irlandese, l’anno scorso ha avvertito che Dublino condivide l’obiettivo di un “sano impegno dell’UE con la Cina” ma deve essere “con gli occhi lucidi” sulla diversa visione del mondo e sugli obiettivi strategici di Pechino.

L’Irlanda vorrebbe anche fare pressione su Pechino affinché revochi il divieto sulle importazioni di carne bovina imposto a novembre dopo un caso di encefalopatia spongiforme bovina in una mucca irlandese.