Mar. Giu 18th, 2024
Perché l’UE e il Giappone si uniscono contro la concorrenza cinese

Buongiorno. Uno scoop per iniziare: il presidente cinese Xi Jinping ha respinto le richieste del russo Vladimir Putin di concludere un nuovo accordo per il gasdotto in un incontro bilaterale il mese scorso, hanno riferito fonti al FT, ma si è piegato alla richiesta di snobbare l’imminente conferenza di pace dell’Ucraina.

Oggi, il nostro corrispondente energetico svela un piano UE-Giappone per allearsi contro la Cina, e il nostro corrispondente tecnologico rivela la richiesta di Bruxelles ai social media statunitensi di prendere sul serio la disinformazione elettorale russa.

Meglio insieme

Bruxelles e Tokyo intendono allineare le loro politiche sull’energia pulita per impedire ai fornitori cinesi a basso costo di sottoquotare ulteriormente i loro produttori, scrive Alice Hancock.

Contesto: l’UE, bruciata dall’esperienza della perdita quasi totale della sua industria manifatturiera solare a causa dei concorrenti cinesi negli anni 2010, sta portando avanti una lotta più dura per evitare che altri settori come l’eolico e l’idrogeno subiscano lo stesso destino.

Il commissario europeo all'Energia Kadri Simson si recherà oggi e domani a Tokyo per incontrare il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il ministro dell'Economia Ken Saito. Secondo una bozza di comunicato visionata dal FT, i due paesi accetteranno di “cooperare sulle politiche dal lato della domanda e dell’offerta nei settori dell’energia pulita”.

“Stiamo creando un gruppo di lavoro con cui confrontare il nostro Net-Zero Industry Act [Japan’s] propria legislazione sulla promozione delle tecnologie pulite e sulla garanzia di avere catene di approvvigionamento di tecnologie pulite non dominate da un paese”, ha affermato un alto funzionario dell’UE.

L’obiettivo è facilitare la collaborazione tra le aziende europee e quelle giapponesi, ad esempio allineando gli standard, e ridurre così la dipendenza dai concorrenti cinesi più economici. Il viaggio avviene nel mezzo di una raffica di indagini dell’UE sulle aziende cinesi, che Bruxelles sospetta di beneficiare di sussidi statali ingiusti.

Simson viaggerà con almeno 16 dirigenti senior di aziende tra cui Daimler, Trafigura, TotalEnergies e Air Liquide, molti dei quali sono stati abbinati a società giapponesi.

Una delle preoccupazioni principali è l’industria dell’idrogeno. L'Europa ospita attualmente due terzi dei principali produttori mondiali di elettrolizzatori necessari per produrre idrogeno dall'acqua. I funzionari dell’UE temono che se non agiranno presto, quella posizione andrà persa.

I giapponesi, nel frattempo, desiderano promuovere la propria industria dell’idrogeno, che Tokyo considera fondamentale per decarbonizzare la propria produzione di energia e il settore automobilistico. Le centrali elettriche a carbone costituiscono circa un terzo dell’energia elettrica del paese.

Domani Bruxelles annuncerà anche uno strumento pilota per aiutare i potenziali acquirenti di idrogeno a trovare approvvigionamenti nel mercato embrionale.

L’UE si è posta l’obiettivo di produrre 10 milioni di tonnellate ogni anno di idrogeno rinnovabile entro il 2030 e di importare la stessa quantità, sebbene la maggior parte dei dirigenti del settore lo consideri irrealistico.

Chart du jour: collegato

I progressi radicali nella neurotecnologia stanno aiutando le persone disabili a camminare e potrebbero fornire il collegamento tra l’intelligenza umana e quella artificiale. Ma i nuovi progressi sollevano anche profonde questioni etiche.

Alta allerta

Alcuni giorni prima delle elezioni del Parlamento europeo, Bruxelles ha avvertito le grandi piattaforme tecnologiche che stanno sottovalutando gli sforzi della Russia per indebolire il voto. scrive Javier Espinoza.

Contesto: i funzionari dell’UE sono preoccupati per la capacità della Russia di intromettersi nelle elezioni di questa settimana attraverso aggressive campagne di disinformazione. L’UE ha stabilito nuove garanzie prima del voto. Ad aprile, Bruxelles ha avviato un’indagine su Meta per la sua gestione della disinformazione russa.

Ma durante un viaggio negli Stati Uniti la scorsa settimana, la vicepresidente della Commissione europea Věra Jourová ha affermato che Meta e altre grandi piattaforme online non stanno facendo abbastanza.

“Riconosco gli sforzi della maggior parte delle piattaforme online per migliorare la protezione dello spazio informativo elettorale. Ma la California è lontana dalla Russia e temo che qui la portata della minaccia venga sottovalutata”, ha detto Jourová.

“Il Cremlino sta lavorando duramente per ingannare i sistemi delle piattaforme online”, ha aggiunto.

Mentre era in California, Jourová ha incontrato gli amministratori delegati di Google, YouTube, X, TikTok e Meta per valutare quanto sono pronti ad affrontare le minacce online alle elezioni.

Ha raccomandato che le piattaforme investano nelle capacità per comprendere meglio i diversi rischi nazionali nell’UE, incluso il rafforzamento delle capacità di moderazione dei contenuti in tutte le lingue dell’UE e una maggiore cooperazione con verificatori di fatti, esperti e agenzie nazionali specializzate. Ha anche suggerito di istituire hotline con i governi nazionali.

Jourová ha in particolare sottolineato che la piattaforma di social media X non sta facendo abbastanza, sottolineando le recenti segnalazioni di carenza di personale. “Mi aspetto maggiori sforzi per riconquistare la fiducia della comunità di esperti che si occupa di contrastare le minacce ibride russe”, ha affermato Jourová.

Dopo la visita di Jourová, X ha detto in un post: “X è risoluto nel salvaguardare l’integrità delle elezioni – ed è altrettanto fondamentale che anche un’intera gamma di settori industriali siano impegnati in questo lavoro vitale”.

Cosa guardare oggi

  1. Il primo ministro montenegrino Milojko Spajić incontra Lo ha affermato il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, a Bruxelles.

  2. Il commissario europeo per l'allargamento Olivér Várhelyi partecipa a forum politico di alto livello a Sarajevo.

Ora leggi questi

  • Snack per la nonna: Mentre le società di tutto il mondo invecchiano, Nestlé si sta concentrando sullo sviluppo di prodotti destinati ai gruppi demografici più anziani.

  • Battaglia per Firenze: Perché il premier italiano Giorgia Meloni scommette su uno storico dell'arte tedesco per porre fine al controllo della sinistra sul municipio di Firenze.

  • Riavvio: Dopo due anni di siccità, gli investimenti nelle start-up tecnologiche europee stanno riprendendo, mentre i venture capitalist raccolgono nuovi fondi.