Gio. Giu 13th, 2024
Lo Sinn Féin vacilla nelle elezioni locali irlandesi

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il partito nazionalista irlandese Sinn Féin ha espresso disappunto per la sua performance alle elezioni locali, che hanno confermato il recente calo del sostegno a un partito una volta considerato il favorito per guidare il prossimo governo.

I primi risultati delle elezioni comunali tenutesi venerdì indicano che il partito ha ottenuto risultati ben al di sotto delle aspettative, mentre i voti per i partner della coalizione di governo Fine Gael e Fianna Fáil hanno retto e i candidati indipendenti sembravano sulla buona strada per guadagnare terreno.

“Siamo delusi. . . Non è stata la nostra giornata”, ha detto domenica la leader del Sinn Féin Mary Lou McDonald ai giornalisti presso il centro di conteggio, sottolineando che avevano ottenuto guadagni “modesti”.

Ha detto che la “rabbia” nei confronti della “politica del governo in questa occasione si è tradotta in voti per gli indipendenti e altri”, ma ha aggiunto che non si dimetterà dal suo ruolo.

Si prevede che il partito ottenga ancora guadagni rispetto alla sua performance nelle ultime elezioni del consiglio del 2019, quando perse metà dei suoi seggi, e spera di aumentare il numero di un deputato europeo alle elezioni europee. I risultati del Parlamento europeo saranno attesi entro domenica sera, mentre i risultati completi del Consiglio potrebbero richiedere diversi giorni.

Ma le speranze del Sinn Féin di diventare il più grande partito nel governo locale sono apparse infrante quando i partiti della coalizione hanno guadagnato terreno.

Ciò ha premiato Simon Harris, che ha assunto la carica di Taoiseach d'Irlanda ad aprile con la promessa di iniettare “nuova energia” nel Fine Gael, che è al potere da 14 anni. Ha inasprito la posizione del governo sull'immigrazione, una questione elettorale in crescita.

Il Sinn Féin si è già ripreso in passato, riprendendosi dalle enormi perdite nelle elezioni locali ed europee del 2019, per arrivare a un soffio dalla vittoria delle elezioni generali del 2020.

La sua popolarità è poi aumentata vertiginosamente, con indici di approvazione superiori al 30%, ma il sostegno è crollato negli ultimi mesi. Nel più recente sondaggio di Ireland Thinks, una settimana fa, si è affermata testa a testa con il Fine Gael sul 22 per cento.

Gli analisti sostengono che le elezioni locali non sono solitamente un buon indicatore del voto nazionale. Ciononostante, Lucinda Creighton, ex sottosegretario del Fine Gael, ha affermato che Harris dovrebbe ora tagliare i voti e correre a un sondaggio anticipato – forse a settembre – invece di aspettare fino alla fine del mandato del governo nel marzo 2025, come ha promesso.

“Certamente non vedo alcun vantaggio nell'aspettare il bilancio [in October]. Nella mia mente, ha molto senso andare avanti prima di allora e andare avanti”, ha detto al MagicTech. “Se lo lasciano troppo a lungo, lo Sinn Féin può davvero cambiare la narrazione”.

Con un’affluenza alle urne registrata solo al 49%, l’ex Taoiseach Leo Varadkar ha messo in guardia dal tradurre il risultato delle elezioni locali in un probabile andamento delle elezioni generali. “Cinque anni fa, un sacco di consiglieri dello Sinn Féin hanno perso il loro seggio. Otto mesi dopo erano TD [members of the Dáil parliament]

La crisi immobiliare in Irlanda aveva spinto molti giovani elettori che non potevano permettersi la propria casa nelle braccia del Sinn Féin, filo-irlandese, che aveva promesso di risolvere il problema. Ma negli ultimi mesi il governo è stato incoraggiato dal miglioramento dei dati sull’edilizia abitativa.

Nel frattempo, tra una serie di passi falsi, il Sinn Féin è riuscito a strappare il sostegno della sua base operaia a candidati indipendenti contrari all’immigrazione in un paese senza un partito di estrema destra tradizionale.

Eoin Ó Broin, portavoce del Sinn Féin per l'edilizia abitativa, ha detto alla radio Newstalk di essere “assolutamente fiducioso” che il partito possa avere “elezioni generali eccezionalmente buone”.

Ha notato “apatia” tra gli elettori alle elezioni locali ed europee di venerdì e ha detto che lo Sinn Féin dovrebbe “chiedersi perché le persone che hanno votato per noi nel 2020 sono rimaste a casa?”. Ma Ó Broin ha aggiunto: “Il lato positivo è che sono persone che possiamo recuperare”.