Ben tornato. Qualsiasi pubblicità è buona pubblicità, dice il proverbio. Ma mi chiedo se questo valga anche per il gruppo paramilitare russo Wagner, il cui ruolo nella guerra in Ucraina, per non parlare della politica interna russa, è intriso di controversie. Puoi trovarmi su [email protected]

Due incidenti questa settimana hanno fatto luce sul gruppo Wagner, un’organizzazione un tempo così riservata che lo era alcuna esistenza giuridica formale, nonostante abbia intrapreso operazioni per conto del Cremlino in luoghi remoti come Ucraina, Siria, Libia e Africa sub-sahariana. Nessuno dei due incidenti ha accresciuto la reputazione di Wagner o del suo proprietario, Yevgeny Prigozhin, un signore della guerra, magnate degli affari ed ex detenuto con stretti legami con il presidente Vladimir Putin, così vicini che era conosciuto come “lo chef di Putin”.

Prima è arrivata la notizia che un ex combattente di Wagner era fuggito in Norvegia, dove aveva promesso di rivelare le attività di predoni del gruppo. Questo potrebbe essere il primo esempio di un membro di Wagner che ha disertato verso un paese occidentale da quando Putin ha lanciato la sua invasione lo scorso febbraio – anche se un altro mercenario di Wagner ha scritto, prima della guerra in Ucraina, della sua esperienze di combattimenti in Siria e successivamente ha chiesto asilo in Francia.

Nel secondo incidente, il presidente serbo Aleksandar Vučić ha chiesto che i siti Web e i social media russi lo facessero smettere di pubblicare annunci in lingua serba in cui il gruppo Wagner cerca di reclutare combattenti volontari. In questo modo, Vučić ha segnalato che ci sono dei limiti a quanto la Serbia possa ingraziarsi Mosca mentre persegue una politica estera bilanciata tra Occidente, Russia e Cina – su cui, si veda La penetrante analisi di Dimitar Bechev per Carnegie Europa.

Prigozin: Rasputin 2.0?

Come spiegare la crescente influenza del gruppo Wagner e Prigozhin? Un paio di mesi fa, lo studioso Andrei Kolesnikov ha paragonato il ruolo di Prigozhin nella cerchia dei consiglieri intimi di Putin a quella di Grigorij Rasputin, il siberiano staretso sant’uomo, che fu una figura potente e, a dir poco, anticonvenzionale alla corte dello Zar Nicola II.

È un confronto intrigante, che vale la pena esplorare un po’.

Innanzitutto, lasciatemi dire che Prigozhin differisce da Rasputin in quanto l’influenza di quest’ultimo non era principalmente sul sovrano russo ma su sua moglie, la zarina Alexandra – come spiegato nella vivace biografia di Brian Moynahan del 1998 Rasputin: Il santo che ha peccato. L’imperatrice era suscettibile a Rasputin, un sedicente guaritore per fede, perché per molti anni non era riuscita a produrre un erede maschio – e quando lo fece, suo figlio neonato Alexis si rivelò emofiliaco.

Tuttavia, il confronto funziona in altri modi. Come Rasputin, Prigozhin esercita un’influenza nonostante non ricopra alcuna carica formale di governo. E proprio come il cervello di Alexandra era confuso dallo spiritualismo alla moda fin-de-siècle, così Putin si è immerso prima e durante i blocchi della pandemia nelle opere di mistici pseudo-storici come Lev Gumilev.

Come Rasputin, Prigozhin sta assistendo gli sforzi del suo padrone per realizzare le sue più fervide speranze. Lo zar sentiva di aver bisogno dell’aiuto di Rasputin per impedire ad Alexis di morire dissanguato. Putin, desideroso della vittoria nella guerra di conquista neo-imperiale della Russia, ha concesso un ruolo militare ampliato a Prigozhin e al suo gruppo Wagner – che, secondo le stime statunitensiha ora 50.000 dipendenti in Ucraina, inclusi 10.000 appaltatori e 40.000 detenuti reclutati.

Ovviamente Rasputin ha avuto una brutta fine. Secondo l’inchiesta della polizia zarista sul suo omicidio nel 1916, ci vollero una dose di cianuro, tre proiettili al petto, alla schiena e alla testa, alcuni calci e bastonate del corpo e poi l’immersione nel fiume ghiacciato Neva a San Pietroburgo per finirlo. Prigozhin rimane vivo.

Maskirovka: la via russa alla guerra

La ragione a breve termine dell’importanza del gruppo Wagner è che la campagna militare di Putin è inciampata. Come il signore della guerra ceceno Ramzan Kadyrov, Prigozhin si è posizionato come un aspro critico delle élite militari, burocratiche e imprenditoriali che presumibilmente stanno deludendo Putin con il loro approccio poco convinto e incompetente alla guerra.

Wagner può farlo meglio, è il messaggio di Prigozhin. Sabato scorso, in un video, si è vantato che il suo gruppo possedesse i propri aerei, carri armati, razzi e artiglieria, aggiungendo: “Sono probabilmente l’esercito più esperto che esista al mondo oggi”.

Il capo del gruppo Wagner Yevgeny Prigozhin al funerale di Dmitry Menshikov

Ma una spiegazione a più lungo termine va trovata nella ricca tradizione russa e sovietica di maskirovka, che può essere tradotto come “guerra sotto mentite spoglie o con l’inganno”. Fino a settembre, quando Prigozhin ha riconosciuto per la prima volta pubblicamente che aveva fondato il gruppo Wagner nel 2014, l’organizzazione è stata un buon esempio di maskirovka in azione.

Date un’occhiata al l’immagine sottostante, disponibile sul sito web di War on the Rocks. Mostra una copia del 1923 di una rivista sovietica, Krasnyi Maskirovshchik (The Red Deceiver), con lo slogan: “Maskirovka non è solo lo scudo ma anche la spada dell’Armata Rossa”.

Fin dalla sua nascita, il gruppo Wagner si è inserito perfettamente nel maskirovka tradizione. Per anni nessuno al Cremlino ha ammesso l’esistenza del gruppo, mentre in pratica le sue operazioni erano strettamente legate alle unità militari e di intelligence russe, come András Rácz ha scritto nel 2020 per il Centro Studi Strategici e Internazionali.

La principale struttura del gruppo Wagner a Molkino, nel sud della Russia, era anche la base di una brigata delle forze speciali dell’agenzia di intelligence militare GRU. In Ucraina, il gruppo Wagner ha combattuto a fianco delle forze armate russe regolari, anche se ciò ha provocato tensioni poiché le due parti si sono contese chi merita il merito dei recenti successi.

L’Africa e il gruppo wagneriano

Le unità del gruppo Wagner operano in paesi come la Repubblica Centrafricana e il Mali come parte di quello che il Cremlino descrive come uno sforzo per aiutare i governi legittimi a sconfiggere ribelli e jihadisti. Ma ci sono anche motivi di profitto e potere russi all’opera.

Come riportato a dicembre da David Pilling del FT, società legate al gruppo Wagner hanno ottenuto il controllo di una miniera d’oro nella Repubblica Centrafricana e l’accesso ai diamanti. In un articolo della Brookings Institution, Federica Saini Fasanotti spiega come il sostegno russo alle operazioni antiterrorismo dei governi africani ha un prezzo — concessioni per risorse naturali, contratti commerciali e accesso a basi strategiche.

Anche l’obiettivo apparente di stabilizzare i governi africani sembra sfuggente. In questo vividamente riportato pezzo per l’Associated PressSam Mednick cita diplomatici, analisti e gruppi per i diritti umani che affermano che gli estremisti islamici sono diventati più forti da quando i mercenari russi sono arrivati ​​in Mali e la violenza indiscriminata contro i civili è in aumento.

I troll di Prigozhin

Nessun resoconto della carriera di Prigozhin è completo senza riferimento alla sua fabbrica di troll, che è nata sotto il nome del tutto fuorviante di “Internet Research Agency”. Dalla sua base di San Pietroburgo, questa operazione ha vomitato teorie del complotto e disinformazione, principalmente allo scopo di danneggiare le democrazie occidentali.

Per questo motivo, l’FBI ha inserito Prigozhin nel 2021 nella sua lista dei ricercati, con una ricompensa fino a $ 250.000 per informazioni che hanno portato al suo arresto.

Un buon libro su questo argomento è I Troll di Putindella giornalista finlandese Jessikka Aro, che è stata implacabilmente perseguitata dalle creature sostenute dal Cremlino del titolo del suo libro a causa delle sue indagini sulla propaganda online russa.

Wagner veterani e politica

Prigozhin nutre delle sue serie ambizioni politiche? Lui spazzato via tali voci l’anno scorso.

Ma all’inizio di questo mese, un membro della commissione per la difesa del parlamento russo ha suggerito che i veterani di Wagner… anche ex detenuti – potrebbero servire bene il loro paese entrando in politica. Davvero, l’invasione dell’Ucraina sta conducendo la vita pubblica russa in un luogo molto oscuro.

Maggiori informazioni su questo argomento

Decodificare il gruppo wagneriano – a relazione di Candace Rondeaux per il progetto Future of War della New America/Arizona State University

“Abbiamo conversazioni”: il gangster come attore e agente nella politica estera russa — an analisi di Marco Galeotti per la rivista Europe-Asia Studies

Le scelte della settimana di Tony

  • Il gruppo di hacker LockBit ha una forte pretesa di essere la banda di ransomware più prolifica al mondo, come dimostrato da un recente attacco alla Royal Mail del Regno Unito, Mesul Srivastava del FT e rapporto di Oliver Telling

  • L’erosione della democrazia tunisina da parte del presidente Kais Saied sta isolando il paese nordafricano da leader, donatori e investitori stranieri, Thomas Hill e Sarah Yerkes scrivere per il Carnegie Endowment for International Peace