Mar. Mar 5th, 2024

Una serie di attacchi e campagne diffamatorie contro eminenti giornalisti ucraini hanno gettato un’ombra sul primato di Volodymyr Zelenskyy nella salvaguardia della libertà dei media.

In una rara dichiarazione dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, Mediarukh, un’associazione di media e organi di vigilanza, mercoledì ha invitato direttamente il presidente del paese a “condannare risolutamente” gli attacchi e “assumere il controllo delle indagini” in per scoprire chi fossero i colpevoli.

“Ignoti aggressori stanno cercando di denigrare i giornalisti ucraini definendoli ‘nemici del popolo’, agenti russi, tossicodipendenti e di screditare il loro lavoro professionale”, si legge nella nota. “Ci sono sorveglianza, intercettazioni telefoniche e violazione del diritto alla privacy dei giornalisti, tutto con l’obiettivo di fare pressione sui media indipendenti”.

Mercoledì Zelenskyj ha detto che il servizio di sicurezza nazionale (SBU) ha avviato un’indagine sul monitoraggio dei giornalisti, aggiungendo: “Qualsiasi pressione sui giornalisti è inaccettabile”.

La libertà dei media ucraini è stata in parte ridotta a causa di quelle che il governo ha definito preoccupazioni per la sicurezza nazionale dopo l’invasione russa, con Reporter Senza Frontiere che avverte che la guerra “minaccia la sopravvivenza dei media ucraini”.

Yuri Nikolov
Il giornalista investigativo Yuriy Nikolov, che ha denunciato la corruzione nel ministero della Difesa, è stato molestato a casa sua © FrittOrd

Sebbene in passato i giornalisti siano stati oggetto di intimidazioni online e campagne diffamatorie, negli ultimi giorni ciò si è trasformato in molestie nella vita reale. Il giornalista investigativo Yuriy Nikolov, che ha denunciato la corruzione nel ministero della Difesa, domenica è stato preso di mira da diversi uomini, che hanno bussato alla sua porta, urlando che sarebbe stato mandato in prima linea, e affisso cartelli che lo chiamavano “traditore” e ” provocatore”.

Gli articoli di Nikolov hanno portato alle dimissioni del ministro della Difesa Oleskiy Reznikov, che non è stato direttamente accusato di corruzione, e alla dichiarazione di Zelenskyy che avrebbe chiesto maggiore trasparenza e riforme.

Le foto degli uomini coinvolti nell’attacco sono state presto pubblicate sui canali Telegram filo-governativi, alimentando le accuse secondo cui l’incidente sarebbe stato compiuto con la benedizione di una delle forze dell’ordine.

Natalia Lyhachova, caporedattrice di Detector Media, ha affermato che il caso mostra come gli attacchi online presumibilmente condotti per volere del governo contro i giornalisti che lavorano per mantenere il potere responsabile si siano spostati nel mondo fisico.

Le voci online filo-governative che si autodefiniscono “esercito dell’informazione” operano “nel modo più vile”, ha detto, “trasformando tutti i critici del governo in agenti russi, evasori, nemici del presidente e dell’Ucraina”.

L’incidente che ha preso di mira Nikolov è stato seguito da quella che sembrava essere una campagna coordinata per screditare Bihus.info, un gruppo di notizie investigative di Kiev che ha passato anni a denunciare la corruzione del governo.

Denys Bihus, il fondatore del gruppo, ha affermato che molti dei suoi dipendenti sembravano essere sotto sorveglianza, dopo che è apparso online un video che mostrava alcuni di loro mentre facevano uso di droghe illegali durante una festa privata di Capodanno. Avevano affittato un cottage fuori Kiev dove era stata installata una telecamera a loro insaputa, ha detto Bihus.

Anche i telefoni dei giornalisti sarebbero probabilmente rimasti sotto controllo per più di un anno, ha aggiunto, perché le conversazioni incluse nel video risalgono addirittura al 2022.

Il video è stato pubblicato il giorno dopo che Bihus.info ha pubblicato un’indagine sui rapporti preparati da una società finanziata dallo stato, che ha analizzato gli articoli dei media “critici” nei confronti del presidente ucraino e del suo gabinetto. La società è controllata da un deputato del partito di Zelenskyj.

“Sono imbarazzato da quello che ho visto nel video”, ha detto Bihus, ma ha aggiunto che mostra anche che “i servizi speciali hanno il tempo, l’ispirazione e i budget per condurre una sorveglianza sistematica della vita privata dei membri della squadra investigativa”. .

Mercoledì la SBU ha comunicato che è stata aperta un’indagine penale sulle intercettazioni telefoniche e sulle registrazioni video illegali dei dipendenti di Bihus.info. “La SBU ritiene che il lavoro trasparente e senza ostacoli dei mass media indipendenti e professionali sia una condizione importante per lo sviluppo dell’Ucraina come Stato democratico”, ha affermato in una nota.

Il video è stato caricato su un canale YouTube chiamato “People’s Truth”, che secondo i fact checker ucraini è guidato da una donna la cui immagine è stata generata dall’intelligenza artificiale.

People’s Truth è simile nell’aspetto e nelle tattiche a un progetto del 2013 chiamato “Ukrainian Lies”, che prendeva di mira eminenti giornalisti e attivisti per i diritti civili critici nei confronti dell’allora presidente filo-russo, Viktor Yanukovich.

Tra i giornalisti presi di mira dieci anni fa c’era Oksana Romaniuk, direttrice dell’Istituto per l’informazione di massa, il cui account di posta elettronica è stato violato e i contenuti pubblicati online.

“Mi dispiace molto vedere esempi che mi ricordano i tempi di Yanukovich”, ha detto Romaniuk all’inizio di questa settimana. “Sicuramente non hanno posto nel 2024.”

I politici critici nei confronti di Zelenskyj hanno colto l’occasione per sollevare preoccupazioni.

Vitali Klitschko, sindaco di Kiev e rivale politico di lunga data di Zelenskyy, ha descritto gli incidenti come “oppressione dei giornalisti indipendenti a cui non piace il governo”.

“Ciò che sta accadendo oggi distrugge l’unità dello Stato, distrugge i principi democratici e danneggia l’immagine dell’Ucraina”, ha scritto Klitschko su Telegram.

Il capo della commissione per la libertà di parola del parlamento ucraino, Yaroslav Yurchyshyn, ha affermato che la sorveglianza dei giornalisti di Bihus.info è “decisamente una pressione [and] illegale”.

L’incapacità di indagare e trovare i colpevoli confermerebbe il sospetto che le forze dell’ordine agissero per conto di alcune figure governative, ha aggiunto.