Ben tornato. Il governo polacco questa settimana ha espresso fiducia di essere sulla buona strada per iniziare a beneficiare, finalmente, del fondo multimiliardario dell’UE per la ripresa post-pandemia dell’UE. Ma la Polonia sta anche puntando su un obiettivo finanziario molto più ambizioso e controverso: non meno di 1,3 trilioni di euro richiesti dalla Germania come risarcimento per le devastazioni naziste della seconda guerra mondiale. Quali sono le questioni legali e politiche che circondano questa affermazione? Sono a [email protected]


Sotto il partito di destra Law and Justice, al potere dal 2015, la Polonia ha avuto un rapporto teso con l’UE. Ma a giugno l’UE ha approvato il programma di ripresa Covid-19 della Polonia, in base al quale il Paese riceverà 36 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti.

Nessun denaro è ancora uscito, soprattutto perché l’UE vuole essere soddisfatta del fatto che il governo polacco abbia affrontato le sue preoccupazioni sullo stato di diritto. Ma Magdalena Rzeczkowska, ministro delle finanze polacco, questa settimana ha detto al FT che le prime tranche di fondi potrebbero presto essere in arrivo.

Questo ottimismo è giustificato? Molto dipenderà dalla valutazione dell’UE sulle riforme giudiziarie della Polonia. Ma è chiaro che l’UE sente la necessità di rafforzare il sostegno alla Polonia in riconoscimento del suo ruolo in prima linea nello sforzo occidentale di assistere l’Ucraina contro l’invasione russa.

Le affermazioni della Polonia sulla Germania sono una questione diversa. Ci sono aspetti storici, politici, diplomatici, legali e morali nelle affermazioni che le rendono una questione estremamente difficile da risolvere.

Per un’analisi dettagliata e spassionata, mi raccomando Questo articolo sul sito web di Notes from Poland di Mateusz Piątkowski, assistente professore di diritto internazionale all’Università di Łódź.

Piątkowski afferma inequivocabilmente che “la Polonia come stato non ha mai ricevuto un compenso finanziario significativo per la distruzione causata dalla Germania durante la seconda guerra mondiale”. Ma questo significa che la Polonia ha ora una pretesa stagna? Non necessariamente.

L’accordo di Potsdam

In base all’accordo di Potsdam del 1945 tra Stati Uniti, Regno Unito e Unione Sovietica, Mosca si assunse la responsabilità di assegnare le riparazioni alla Polonia, principalmente dalla zona della Germania occupata dai sovietici (la futura Germania dell’Est comunista). In realtà è arrivato ben poco in Polonia, come spiega Sławomir Sierakowski questo pezzo per il Consiglio tedesco per le relazioni estere.

Eppure il governo polacco rinunciò a ulteriori riparazioni in una dichiarazione del 1953. Polacco sostenitori della compensazione finanziaria oggi sottolinea che nel 1953 il paese non era realmente indipendente ma era uno stato comunista obbligato a seguire gli ordini del Cremlino. Sottolineano inoltre che in primo luogo non è mai stato parte dell’accordo di Potsdam.

Piątkowski sostiene che la Polonia, sebbene politicamente subordinata all’Unione Sovietica nel dopoguerra, fosse comunque, secondo il diritto internazionale, uno stato sovrano. Inoltre, trattati internazionali come l’accordo di Potsdam possono creare obblighi nei confronti di Stati terzi, in questo caso la Polonia.

Per i polacchi che vogliono un risarcimento ora, la difficoltà è che la Polonia ha confermato la sua rinuncia alle riparazioni in un trattato del 1970 con la Germania Ovest. In cambio, il governo di Bonn ha riconosciuto il confine occidentale della Polonia.

Né le riparazioni erano in discussione nel cosiddetto accordo Due più quattro che portò alla riunificazione tedesca nel 1990. La Polonia, ovviamente, non era direttamente coinvolta in quei colloqui.

Nel 2004 la Germania, ora unita, e la Polonia, ora democratica e indipendente, hanno raggiunto un accordo politico. Il governo polacco ha minimizzato i discorsi sulle riparazioni, che avevano cominciato a rivivere in alcuni circoli parlamentari. Da parte sua, Berlino ha accettato di non perseguire le rivendicazioni degli espulsi tedeschi e dei rifugiati che avevano perso proprietà quando i confini della Polonia furono spostati verso ovest nel 1945 per includere le terre tedesche prebelliche.

La posizione della Germania

Per tutti i motivi di cui sopra, oggi la Germania ha solide basi legali nel respingere le affermazioni della Polonia. È anche un dato di fatto che, più della maggior parte dei paesi europei, la Germania dal 1990 è un forte sostenitore dell’integrazione della Polonia nell’UE e nella Nato. Ecco una colonna che ho scritto nel 2015 sulla storica conquista della riconciliazione polacco-tedesca.

In visita a Varsavia all’inizio di questo mese, Annalena Baerbock, ministro degli esteri tedesco, ha suonato esattamente la nota giusta quando ha ringraziato la Polonia per il suo ruolo di primo piano nella fine del comunismo nell’Europa centro-orientale, un colpo storico per la libertà nel 1989 che ha reso possibile l’unificazione tedesca. Eppure anche lei ha detto di considerare chiusa la questione delle riparazioni.

La Polonia non è l’unica

Resta il fatto che, in altri contesti, i risarcimenti tedeschi per crimini storici sono una questione molto viva.

L’anno scorso la Germania ha accettato di pagare 1,1 miliardi di euro in 30 anni come ricompensa per le atrocità dell’era coloniale in quella che oggi è la Namibia — “dalla prospettiva odierna, [what] si chiamerebbe genocidio”, come ha affermato il governo di Berlino.

Inoltre, la Grecia, come la Polonia, sta ancora facendo pressioni, stimato da una commissione parlamentare greca a 289 miliardi di euro, legato all’occupazione nazista del paese. Sebbene un rapporto del Bundestag nel 2019 abbia definito “accettabile” il rifiuto del governo tedesco di queste affermazioni, ha anche suggerito che la causa legale della Grecia potrebbe avere del merito.

Perché il governo polacco sta ravvivando il dibattito sulle riparazioni ora, proprio quando il problema più urgente che devono affrontare i paesi occidentali sembrerebbe essere il mantenimento dell’unità nella guerra in Ucraina?

Un fattore potrebbero essere le elezioni parlamentari polacche del prossimo anno. Gli elettori che sostengono la legge e la giustizia lo sono schiacciante a favore dei pagamenti di compensazione tedeschi. È una questione imbarazzante per l’opposizione polacca, che non vuole essere etichettata come antipatriottica. Questo spiega perché il mese scorso l’opposizione si è sentita obbligata a sostenere una risoluzione parlamentare a favore dei pagamenti tedeschi.

Cosa ne pensi? La Germania dovrebbe risarcire la Polonia o la questione è chiusa? Vota qui.

Altro su questo argomento

Ferite di guerra della storia polacca — Anna Richards scrive sulla visione della Polonia del suo passato per thecritic.co.uk

Il partito al governo polacco sta diventando più euroscettico? – Un analisi di Aleks Szczerbiak, professore di politica all’Università del Sussex nel Regno Unito

Notevole, citabile

“Suonerà brutale, ma la speranza per la pace si chiama Donald Trump” — Il premier ungherese Viktor Orbán sorprende il pubblico a Berlino spiegando come prevede la fine della guerra russa in Ucraina

Le scelte di Tony della settimana

  • Le aziende cinesi stanno creando avatar generati dal computer in sostituzione degli influencer umani mentre le autorità comuniste reprimono le opinioni ritenute politicamente o moralmente inaffidabili. Lo riferisce Gloria Li del FT da Hong Kong

  • Nikolai Patrushev, il segretario aggressivo del Consiglio di sicurezza russo, potrebbe perseguire la visione del potere russo di Vladimir Putin con ancora più vigore se succedesse a Putin come presidente. Il Sito di questioni di Russia del Belfer Center dell’Università di Harvard presenta una raccolta delle dichiarazioni di Patrushev sugli affari mondiali