Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’UE saboterà l’economia dell’Ungheria se Budapest bloccherà nuovi aiuti all’Ucraina al vertice di questa settimana, secondo un piano confidenziale elaborato da Bruxelles che segna una significativa escalation nella battaglia tra l’UE e il suo stato membro più filo-russo.

In un documento redatto da funzionari dell’UE e visionato dal MagicTech, Bruxelles ha delineato una strategia per colpire esplicitamente le debolezze economiche dell’Ungheria, mettere in pericolo la sua valuta e portare al collasso la fiducia degli investitori nel tentativo di danneggiare “occupazione e crescita” se Budapest rifiuta. a revocare il veto contro gli aiuti a Kiev.

Viktor Orbán, il premier ungherese, ha promesso di bloccare l’uso del bilancio dell’UE per fornire 50 miliardi di euro in aiuti finanziari all’Ucraina in un vertice di emergenza dei leader giovedì.

Se non si arrende, gli altri leader dell’UE dovrebbero promettere pubblicamente di chiudere definitivamente tutti i finanziamenti dell’UE a Budapest con l’intenzione di spaventare i mercati, provocando una corsa al fiorino del paese e un’impennata del costo del suo prestito, ha affermato Bruxelles. nel documento.

“Questa è l’Europa che dice a Viktor Orbán ‘ora basta; è ora di mettersi in fila. Potresti avere una pistola, ma noi abbiamo il bazooka”, ha detto Mujtaba Rahman, direttore per l’Europa presso Eurasia Group, una società di consulenza.

Il documento dichiara che “in caso di mancato accordo entro il 1° febbraio [summit]altri capi di stato e di governo lo dichiarerebbero pubblicamente alla luce del comportamento non costruttivo del primo ministro ungherese. . . non riescono a immaginare che” i fondi UE verrebbero forniti a Budapest.

Senza tali finanziamenti, “i mercati finanziari e le aziende europee e internazionali potrebbero essere meno interessati a investire in Ungheria”, si legge nel documento. Tale punizione “potrebbe innescare rapidamente un ulteriore aumento del costo del finanziamento del deficit pubblico e un calo della valuta”.

János Bóka, ministro ungherese dell’UE, ha dichiarato al FT che Budapest non era a conoscenza della minaccia finanziaria, ma che il suo Paese “non cede alle pressioni”.

“L’Ungheria non stabilisce un collegamento tra il sostegno all’Ucraina e l’accesso ai fondi dell’UE, e rifiuta che altri partiti lo facciano”, ha affermato. “L’Ungheria ha e continuerà a partecipare in modo costruttivo ai negoziati”.

Ma in segno della crescente pressione su Budapest affinché raggiunga un compromesso, Bóka ha affermato che Budapest ha inviato sabato una nuova proposta a Bruxelles, specificando che è ora disponibile a utilizzare il bilancio dell’UE per il pacchetto Ucraina e persino a emettere debito comune per finanziarlo. se si aggiungessero altre avvertenze che diano a Budapest l’opportunità di cambiare idea in un secondo momento.

Il documento, prodotto da un funzionario del Consiglio dell’UE, l’organismo di Bruxelles che rappresenta gli Stati membri, espone le vulnerabilità economiche dell’Ungheria, tra cui il suo “deficit pubblico molto elevato”, l'”inflazione molto elevata”, la valuta debole e il livello più alto dell’UE dei pagamenti del servizio del debito in percentuale del prodotto interno lordo.

Si spiega come “occupazione e crescita. . . dipendono in larga misura” dai finanziamenti esteri che si basano su elevati livelli di finanziamento dell’UE.

Un portavoce del Consiglio dell’UE ha detto che non hanno commentato le fughe di notizie.

Bruxelles ha già esercitato la sua leva finanziaria contro gli Stati membri in passato, come nel caso della Polonia e dell’Ungheria per problemi di stato di diritto e della Grecia durante la crisi dell’eurozona, ma una strategia volta a cercare esplicitamente di indebolire l’economia di uno Stato membro segnerebbe un nuovo passo importante per il blocco. .

Tre diplomatici dell’UE hanno detto al FT che molti paesi hanno sostenuto il piano. “L’atmosfera è diventata più dura”, ha detto uno. “Che tipo di unione abbiamo se permettiamo questo tipo di comportamento?”

Un altro ha detto: “La posta in gioco è alta. È un ricatto”.

Bóka ha detto al FT che Budapest vuole “esplorare la possibilità di una soluzione più costruttiva ed europea” e ha proposto che potrebbe sostenere il piano da 50 miliardi di euro se le fosse concesso un veto annuale sui pagamenti. Altri paesi dell’UE hanno già rifiutato questo suggerimento perché temono che Orbán cerchi di bloccarlo ogni anno e di ottenere ulteriori concessioni.

Ma uno dei diplomatici ha aggiunto che “non c’era alcuna possibilità” che Orbán potesse ottenere un veto sui finanziamenti.

Bóka ha affermato che “la pressione politica sull’Ungheria è continua e forte”, ma non ha influenzato i negoziati del suo governo.

“Abbiamo dovuto fare un passo avanti e confidiamo che l’altra parte sarà altrettanto flessibile”, ha aggiunto.

Sebbene 26 Stati membri abbiano un piano B per inviare denaro a Kiev al di fuori del bilancio dell’UE, ciò richiederebbe la ratifica dei parlamenti nazionali, causando ritardi e incertezza.

Diverse capitali hanno valutato se sia possibile utilizzare l’articolo 7 del Trattato sull’Unione europea, che consentirebbe a Bruxelles di privare Budapest dei suoi diritti di voto o, secondo un diplomatico, di bloccare l’esborso di denaro. Ma altri hanno respinto l’idea dato che richiede un sostegno unanime e molti paesi sono riluttanti a imporre una sanzione così grave.

Bóka ha affermato che è importante che l’unità dell’UE sia “preservata”, aggiungendo: “Ecco perché siamo disposti a scendere a compromessi purché non influenzino i nostri interessi vitali”.

Ha aggiunto, tuttavia, che se lo sforzo di compromesso fallisse, la proposta originale dell’Ungheria di un fondo separato per l’Ucraina al di fuori del bilancio dell’UE sarebbe la preferenza di Budapest.