Sab. Lug 20th, 2024

Bentornato. Dopo le elezioni parlamentari polacche di domenica, il vittorioso leader dell’opposizione Donald Tusk ha proclamato: “Questa è la fine dei tempi brutti. . . Ha vinto la Polonia, ha vinto la democrazia”.

Si potevano quasi sentire i sospiri di sollievo in tutte le capitali europee (a parte Budapest) quando è arrivato il risultato polacco. Tuttavia, il lavoro è tutt’altro che completo. Riuscirà un governo guidato da Tusk a invertire la presa delle istituzioni statali da parte del partito nazionalista di destra Diritto e Giustizia (PiS) negli ultimi otto anni? E quali sono le implicazioni per l’Europa? Sono a [email protected].

Divido questa newsletter in quattro parti: la campagna elettorale, i modelli di voto e il risultato; le difficoltà che dovrà affrontare il governo entrante; l’economia polacca; e l’impatto sull’Europa, comprese le prospettive per i partiti di estrema destra e populisti.

Vermi e condizioni di gioco ingiuste

Nelle parole di Timothy Garton Ash, storico britannico ed esperto di Europa centrale, il trionfo dell’opposizione ha mostrato che “anche un’elezione ingiusta può essere vinta contro ogni previsione”.

Come Jarosław Kuisz, autore del libro recentemente pubblicato La nuova politica della Polonia, scrive per il FT, durante la campagna elettorale la Polonia è stata inondata dalla propaganda del PiS. “Il diluvio ha superato ogni limite di decenza”, ha osservato.

Tra i numerosi esempi che potrei citare provenienti dai media statali controllati dal PiS, vorrei citarne solo uno. A marzo l’emittente pubblica TVP ha trasmesso una conferenza stampa tenuta da Bartosz Kownacki, un deputato del PiS. Era accompagnato da un ticker di notizie che diceva: “Le proposte dell’opposizione per i polacchi: vermi al posto della carne”.

Ciò si riferiva alla ridicola e falsa accusa secondo cui il partito Piattaforma Civica di Tusk intendeva limitare il consumo di carne e costringere i polacchi, notoriamente amanti del maiale, a mangiare insetti.

Anche nelle recenti elezioni in Ungheria e Turchia, il terreno di gioco era tutt’altro che livellato, e i governanti illiberali e forti dei paesi hanno avuto la meglio. Ma non in Polonia: perché?

Garton Ash scrive:

Molti elettori semplicemente si sono stufati del governo corrotto, meschino, retrogrado e oscurantista [PiS]il partito guidato dal 74enne Jarosław Kaczyński, che è una sorta di personale antologia del risentimento.

Tusk trionfa ma i piccoli partiti avanzano

Questo è senza dubbio vero. Ma c’era anche il rischio che molti elettori vedessero Tusk, 66 anni, come una figura di un’epoca passata.

La carriera di Tusk risale ai giorni di gloria del sindacato indipendente Solidarity, che sfidò il comunismo, alla fine con successo, negli anni ’80. È stato primo ministro polacco dal 2007 al 2014, e poi ha ricoperto la carica di presidente del Consiglio europeo, l’organo che raggruppa i capi di governo dell’UE.

A Tusk va riconosciuto il merito di aver guidato l’opposizione alla vittoria Accuse infamanti da parte del PiS che era un tirapiedi o un agente tedesco.

Tuttavia, resta il fatto che milioni di polacchi non hanno votato né per il PiS di Kaczyński né per la Coalizione Civica, la forza elettorale quadripartita guidata dalla Piattaforma Civica di Tusk.

Marta Prochwicz-Jazowska, scrivendo per il Fondo Marshall tedesco degli Stati Uniti, la mette così:

“La forte prestazione dei partiti più piccoli indica un desiderio tra gli elettori polacchi di una leadership veramente nuova”.

In questo ottimo riassunto per la Fondation Robert Schuman di Bruxelles, Corinne Deloy spiega che nelle elezioni per il Sejm, la Camera bassa del parlamento, la Coalizione civica ha ottenuto poco più di 6,6 milioni di voti. Gli altri due gruppi di opposizione – l’alleanza centrista della Terza Via e il partito di sinistra Lewica – hanno ottenuto un voto complessivo di quasi 5 milioni di voti.

Sul versante filogovernativo e di destra, la coalizione elettorale di Kaczyński ha ottenuto 7,6 milioni di voti, ma la Confederazione di estrema destra ha ottenuto poco più di 1,5 milioni.

In altre parole, più del 30% degli elettori ha evitato i partiti sia di Kaczyński che di Tusk. È questa divisione nel voto complessivo che spiega perché Tusk – ammesso che diventi primo ministro – dovrà governare con quella che potrebbe rivelarsi un’ingombrante coalizione formata dalla Coalizione Civica, dalla Terza Via e da Lewica.

Differenze geografiche

Come nelle passate elezioni polacche, il voto dell’opposizione si è concentrato nelle zone occidentali del Paese e nelle principali città.

Il voto del PiS è stato più alto nelle zone meno sviluppate e più tradizionalmente cattoliche dell’est e del sud-est, in particolare nelle città più piccole e nelle aree rurali. Alicja Ptak fornisce una buona panoramicacon grafici, sul sito Notes From Polonia.

Ostacoli sul cammino del nuovo governo

Allora, cosa ci aspetta?

La prima cosa da tenere a mente è che il PiS deve cooperare per un trasferimento ordinato e pacifico del potere all’opposizione. Succederà? Maciej Kisilowski dell’Università dell’Europa Centrale con sede a Vienna lineamenti i motivi di preoccupazione.

Se il PiS dovesse opporre resistenza, immagino che la reazione di ampi settori della società polacca, per non parlare degli alleati del paese all’estero, sarebbe di assoluta disapprovazione, se non addirittura di indignazione.

Supponiamo che l’opposizione entri in carica, anche se potrebbe volerci fino a dicembre. La difficoltà principale – illustrata in questo articolo da Raphael Minder, corrispondente da Varsavia del FT – sarà che gli incaricati del PiS continueranno a controllare gran parte dell’apparato statale.

Questi includono la banca centrale, i livelli più alti della magistratura, i media statali, la pubblica amministrazione e i segmenti dell’economia controllati dallo Stato.

Inoltre, Andrzej Duda, il capo di Stato eletto, è un politico allineato al PiS. Fino alla fine del suo secondo mandato, nel 2025, Duda avrà il potere di bloccare le leggi avanzate dal nuovo governo, perché non avrà abbastanza voti in parlamento per ribaltare eventuali veti presidenziali.

Infine, anche se la nuova coalizione avrà un forte interesse ad evitare controversie interne, ci si può aspettare che col tempo emergano attriti tra i partiti al potere sulla politica economica, sullo stato sociale, sul ruolo della Chiesa cattolica e sull’aborto.

È probabile che tali differenze emergano alla ribalta mentre la Polonia si prepara alle elezioni del Parlamento europeo del prossimo anno, nonché a una tornata di elezioni locali che il governo PiS ha rinviato in modo controverso da quest’anno.

Una spinta per l’economia

Detto questo, le prospettive sono più rosee su altri fronti. L’UE, con cui il PiS si è scontrato sullo stato di diritto, guarderà sicuramente con favore agli sforzi del nuovo governo per ripristinare l’indipendenza della magistratura.

A causa del ruolo di Duda e poiché il PiS ha riempito i tribunali di suoi sostenitori, il processo non sarà semplice. Ma in linea di principio un cambio di governo dovrebbe sbloccare decine di miliardi di euro per la Polonia dai fondi di ripresa post-pandemia dell’UE e dal bilancio regolare dell’UE, come sostengono Leszek Kąsek e Rafał Benecki scrivere per la banca ING.

Inoltre, il reazione positiva del mercato al risultato elettorale suggerisce che gli investitori internazionali guarderanno più benevolmente alla Polonia.

Non sarà tutto semplice. Un elemento centrale dell’attrattiva elettorale del PiS sono stati i suoi generosi programmi di welfare, in particolare l’ampliamento degli assegni familiari. Ma alcuni economisti ritengono che queste misure siano andate a scapito di investimenti utili a lungo termine.

Hanna Cichy, responsabile della ricerca economica presso Polityka Insight, afferma:

[PiS] ha cambiato profondamente la struttura della spesa pubblica, con pagamenti diretti per numerose categorie di popolazione, ma [left] servizi pubblici in pessimo stato, soprattutto nel settore dell’istruzione.

Tutte le politiche di questo governo sono state caratterizzate da una visione a breve termine, basata su una logica elettorale.

Ritorno in Europa

Per quanto riguarda la scena internazionale, mi aspetto che la Polonia, sotto il nuovo governo, ritorni alla sua posizione di forte sostegno all’Ucraina in tempo di guerra, posizione che il PiS ha attenuato negli ultimi mesi, senza dubbio per ragioni elettorali.

In termini di candidatura dell’Ucraina all’adesione all’UE, tuttavia, potrebbe rivelarsi difficile per il nuovo governo eseguire un completo ritiro dalla posizione, delineata dal PiS, di feroce difesa degli interessi degli agricoltori polacchi.

Sotto un nuovo governo, la Polonia potrebbe anche non essere del tutto in linea con l’UE su questioni come riforma dell’immigrazione e dell’asilo.

Nel complesso, però, la vittoria elettorale dell’opposizione lascia l’Ungheria sotto il suo premier illiberale Viktor Orbán più isolata nell’UE nelle sue dispute con Bruxelles e i governi dell’Europa occidentale sull’Ucraina, sullo stato di diritto e su altre questioni.

Lech Walesa
Lech Wałęsa, ex presidente polacco e leader fondatore di Solidarnosc, un mese prima delle prime elezioni legislative polacche del giugno 1989 e dell’altra vittoria democratica più famosa della Polonia moderna ©Reuters

Orbán può contare sulla simpatia di Robert Fico, il neoeletto primo ministro slovacco, ma non sono convinto che Fico riuscirà a scuotere le acque dell’UE tanto quanto Orbán spera.

Infine, dovremmo pensarci due volte prima di concludere che il risultato elettorale polacco segna un’inversione di rotta per i partiti di estrema destra e populisti in Europa.

Ogni paese si muove secondo i propri ritmi politici e secondo i propri cicli elettorali. Per fare solo un esempio, l’estrema destra sta ancora dettando il passo in Austria, beneficiando del fatto di essere all’opposizione, ed è ben posizionata per arrivare in testa alle elezioni del prossimo anno.

In Europa continua la lotta tra partiti moderati e forze più estreme e non convenzionali.

Maggiori informazioni su questo argomento

Dal carbone al consenso: La transizione energetica della Polonia e il suo futuro europeo – un rapporto di Szymon Kardaś per il think tank del Consiglio europeo per le relazioni estere

Le scelte della settimana di Tony

  • I capi dei servizi di sicurezza di Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada e Nuova Zelanda – la cosiddetta rete di condivisione dell’intelligence “Five Eyes” – si sono incontrati questa settimana nella Silicon Valley per sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi posti dalla Cina nei settori high-tech dall’informatica quantistica alla biologia sintetica. Demetri Sevastopulo del FT racconta la storia

  • Ad un anno dalla sua inaugurazione, il Comunità politica europea sembra sempre più senza timone dopo un vertice nella città spagnola di Granada che non ha ottenuto quasi nulla di degno di nota, scrivono Steven Blockmans e Dylan Macchiarini Crosson per il Centre for European Policy Studies con sede a Bruxelles