Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Puoi magiare soldi dal nulla? Il cestino della cucina è un buon punto di partenza.

Nel Regno Unito, una famiglia media butta via almeno 60 sterline di cibo al mese, stima il gruppo climatico WRAP. Secondo le Nazioni Unite, a livello globale, quasi il 30% dei terreni agricoli viene utilizzato per produrre cibo che viene perso o sprecato.

L’UE ha proposto a 30 per cento riduzione pro capite dello spreco alimentare nelle case e nei ristoranti entro la fine del 2030. Tali obiettivi contribuiranno ad attirare l’interesse degli investitori verso il settore emergente delle tecnologie per lo spreco alimentare, anche se ci saranno limiti a quanto la scienza possa conquistare la natura umana.

Grafico a barre che mostra che le famiglie sono la principale fonte di spreco alimentare nell’UE.  Sprechi alimentari nell'UE per settore economico (kg per abitante, 2021)

I consumatori sono i principali colpevoli. Secondo uno studio condotto dall’UE nel 2021, le famiglie hanno rappresentato 70 kg dei 131 kg di cibo sprecati per abitante nell’UE nel 2021. in ritardo rispetto ai dati Eurostat.

Le tecnologie relative ai rifiuti alimentari coprono una vasta area. Gli investitori si sono dimostrati particolarmente disposti a scommettere considerevoli sul biogas, prodotto da scarti alimentari e agricoli. Shell quest’anno ha completato a Acquisizione da 1,9 miliardi di euro del produttore danese di biogas Nature Energy.

Altre tecnologie possono includere rivestimenti di frutta commestibili per migliorare la freschezza.

Tuttavia, i finanziamenti per le soluzioni allo spreco alimentare negli Stati Uniti sono diminuiti del 14% a 1,7 miliardi di dollari nel 2022, secondo ReFED senza scopo di lucro. Il settore è stato travolto dalla più ampia recessione dei finanziamenti tecnologici. Anche il 2021 è stato un record. Finora, nel 2023, il totale dei finanziamenti è pari a meno di 1 miliardo di dollari.

Ci sono barriere. Non da ultimo, gli specialisti dello spreco alimentare riconoscono che il comportamento dei consumatori può essere difficile da cambiare. Alcune tecnologie possono aumentare il prezzo del cibo e pertanto lo sono vulnerabile durante le fasi di recessione. Ciò potrebbe indurre gli investitori a fermarsi prima di divorare troppe start-up tecnologiche legate allo spreco alimentare.